Lanciati quattro astronauti da quattro paesi verso la ISS – video

Quattro astronauti, in rappresentanza di quattro nazioni e agenzie spaziali di tutto il mondo, sono partiti stamattina a bordo di un razzo SpaceX verso la Stazione Spaziale Internazionale, dando il via a una missione che dovrebbe durare più di sei mesi

0
957
Lanciati quattro astronauti da quattro paesi verso la ISS - video
Lanciati quattro astronauti da quattro paesi verso la ISS - video

Quattro astronauti, in rappresentanza di quattro nazioni e agenzie spaziali di tutto il mondo, sono partiti stamattina a bordo di un razzo SpaceX verso la Stazione Spaziale Internazionale, dando il via a una missione che dovrebbe durare più di sei mesi.

L’equipaggio sta viaggiando a bordo della capsula SpaceX Crew Dragon Endurance per la missione, soprannominata Crew-7. La navicella spaziale è stata lanciata con un razzo SpaceX Falcon 9 dal Kennedy Space Center della NASA in Florida alle 3:27 ET di sabato.

I quattro astronauti in missione sono Jasmin Moghbeli della NASA, comandante della missione; l’astronauta danese Andreas Mogensen in rappresentanza dell’Agenzia spaziale europea; Satoshi Furukawa della Japan Aerospace Exploration Agency, o JAXA, e il cosmonauta russo Konstantin Borisov di Roscosmos.

L’equipaggio dovrebbe attraccare alla stazione spaziale intorno alle 8:39 ET di domenica. Una volta a bordo, Moghbeli, Mogensen, Furukawa e Borisov si uniranno ai sette astronauti già presenti nel laboratorio in orbita. Gli astronauti della Crew-7 impiegheranno circa cinque giorni per subentrare nelle operazioni agli astronauti della SpaceX Crew-6, che si trovano sulla stazione spaziale da marzo.



A proposito di questa missione

Questa missione segna l’ottavo volo operato dalla NASA e da SpaceX come parte del programma per l’equipaggio commerciale dell’agenzia, che trasporta gli astronauti sulla stazione spaziale sin dalla prima missione con equipaggio di SpaceX nel 2020.

Gli astronauti della Crew-7 rappresentano l’equipaggio SpaceX più diversificato a livello internazionale fino ad oggi.

Siamo estremamente orgogliosi – e so di essere personalmente onorato – di essere un membro di questo incredibile equipaggio, dove se guardi le nostre quattro patch vedrai la bandiera di una nazione diversa su ognuna di esse“, ha detto Moghbeli durante una conferenza stampa tenutasi subito dopo l’arrivo dell’equipaggio domenica scorsa in Florida. Il comandante della missione si riferiva alle toppe con la bandiera che adornano la spalla sinistra delle tute degli astronauti. “Speriamo che questo rappresenti ciò che possiamo realizzare quando lavoriamo insieme in unità e cooperiamo insieme. E pensiamo che questo sia davvero lo scopo della Stazione Spaziale Internazionale”.

L’equipaggio ha progettato insieme la patch ufficiale della missione, che include la rappresentazione di un drago annidato sulla Terra. “Volevamo che rappresentasse che tutto ciò che faremo in questa missione alla fine vada a beneficio del nostro bellissimo pianeta natale e di coloro che si trovano su di esso“, ha detto Moghbeli, aggiungendo che le strisce rosse, bianche e blu sulla coda del drago rappresentano i colori che compongono le bandiere di tutti e quattro i paesi rappresentati nella missione Crew-7.

Durante la loro permanenza sulla stazione spaziale, che dovrebbe durare circa 190 giorni, gli astronauti della Crew-7 effettueranno una serie di esperimenti. La ricerca includerà lo studio del potenziale rischio di dispersione di batteri e funghi derivanti dalle missioni spaziali guidate dall’uomo. Il team analizzerà se i microrganismi possono essere espulsi dalle prese d’aria della stazione spaziale nel vuoto dello spazio.

Un altro progetto, dell’ESA, indagherà in che modo il sonno nell’ambiente di microgravità differisce da quello sulla Terra, analizzando le onde cerebrali degli astronauti mentre riposano. Ancora un altro esperimento esaminerà la formazione di biofilm nelle acque reflue della stazione spaziale, che potrebbe essere la chiave per trovare modi migliori per riciclare l’acqua potabile e igienica mentre si è nello spazio (gli astronauti utilizzano da tempo sudore e urina riciclati per bere e fare la doccia sulla stazione).

“Prospettiva che cambia la vita”

Il comandante Moghbeli è nato a Bad Nauheim, in Germania, vicino a Francoforte, da genitori iraniani, ma considera Baldwin, New York, a Long Island, la sua città natale. Dopo il diploma di scuola superiore, ha conseguito la laurea in ingegneria aerospaziale presso il Massachusetts Institute of Technology prima di conseguire un master in ingegneria aerospaziale presso la Naval Postgraduate School di Monterey, in California.

Moghbeli ha anche esperienza militare al suo attivo, incluso il servizio come pilota collaudatore del Corpo dei Marines e l’aver registrato più di 150 missioni di combattimento e 2.000 ore di volo. È stata selezionata per unirsi al corpo degli astronauti della NASA nel 2017 e la missione Crew-7 segna la sua prima incursione nello spazio.

Questo è qualcosa che volevo fare da quando ricordo“, ha detto Moghbeli durante una conferenza stampa il 25 luglio. “Una delle cose che mi entusiasma di più è guardare indietro al nostro bellissimo pianeta. Tutti quelli con cui ho parlato e che hanno già volato hanno detto che è una prospettiva che cambia la vita“.

Il ruolo della Russia

Borisov è diventato il terzo cosmonauta dell’agenzia spaziale russa Roscosmos a volare su un veicolo spaziale di fabbricazione statunitense come parte di un accordo di scambio di posti siglato tra la NASA e Roscosmos nel 2022.

La condivisione dei viaggi verso la stazione spaziale è stata a lungo una tradizione per la NASA e Roscosmos che è stata addirittura l’unico fornitore di trasporti per anni dopo che la NASA ha ritirato il suo programma di navetta spaziale nel 2011. Quest’ultimo accordo di rideshare, tuttavia, è stato problematico in un contesto di crescenti tensioni tra Stati Uniti e Russia per la guerra in corso in Ucraina. La NASA ha ripetutamente affermato che le tensioni sul terreno non hanno avuto alcun effetto sulla cooperazione in corso tra i paesi nello spazio.

Come Moghbeli, Borisov sta effettuando il suo primo volo nello spazio. “Sono molto emozionato, davvero. Sono onorato di far parte dell’equipaggio internazionale”, ha detto domenica. “Astronauti e cosmonauti esperti dicono che quando vai sulla ISS e guardi il pianeta, vedi che non ci sono confini. E davvero, voglio trasmettere quella sensazione e quell’emozione”.

Il Crew Dragon di SpaceX e la Soyuz russa sono attualmente gli unici veicoli in grado di trasportare astronauti da e verso la stazione spaziale, anche se la NASA spera di introdurre un altro fornitore nei prossimi mesi. Lo Starliner della Boeing , che, come SpaceX, rientra nel programma di contrattazione dell’equipaggio commerciale della NASA, dovrebbe entrare in funzione entro il prossimo anno dopo anni di ritardi.

Il resto dell’equipaggio

Mogensen, che presta servizio come pilota della missione Crew-7, è originario di Copenaghen e ha conseguito la laurea presso la Copenhagen International School prima di conseguire un master in ingegneria aeronautica presso l’Imperial College di Londra nel Regno Unito. Ha inoltre conseguito un dottorato in ingegneria aerospaziale presso l’Università del Texas ad Austin.

Prima di essere selezionato per l’addestramento degli astronauti dall’ESA nel 2009, è stato ricercatore presso il Surrey Space Centre nel Regno Unito, dove ha studiato navigazione e controllo per l’atterraggio di veicoli spaziali sulla Luna.

Questa missione segna il suo secondo volo nello spazio, dopo il volo di 10 giorni della missione russa Soyuz verso la stazione spaziale nel 2015. “È difficile descrivere quale posto incredibile sia la Stazione Spaziale Internazionale“, ha detto Mogensen in conferenza stampa. “Non me ne sono reso conto fino a poco prima dell’attracco per la mia prima missione, quando ho guardato fuori… e ho potuto vedere i giganteschi pannelli solari che si estendevano nello spazio accanto a me. Mi sono reso conto di quale laboratorio unico e incredibile che noi – l’umanità – abbiamo costruito nell’orbita terrestre bassa negli ultimi 20, 25 anni”.

Furukawa, l’altro veterano del volo spaziale tra gli astronauti della Crew-7, è nato a Kanagawa, in Giappone, appena a sud di Tokyo. Ha conseguito una laurea in medicina e un dottorato in scienze mediche presso l’Università di Tokyo prima di lavorare come chirurgo clinico. È stato selezionato come astronauta JAXA nel 1999 e ha completato la sua prima missione sulla stazione spaziale – un soggiorno di 165 giorni – nel 2011 dopo il lancio a bordo dell’ultima missione dello Space Shuttle della NASA, STS-135.

Furukawa ha detto che non vede l’ora di riabitare l’ambiente di microgravità sulla stazione spaziale e di approfondire attività scientifiche, inclusa la ricerca che potrebbe aiutare lo sviluppo di nuove medicine e progetti che potrebbero aiutare a capire come gli esseri umani potranno un giorno esplorare lo spazio profondo.

Dopo aver raggiunto la stazione spaziale, gli astronauti della Crew-7 saluteranno gli astronauti della Crew-6 di SpaceX, che torneranno a casa a bordo della loro navicella spaziale, la Crew Dragon Endeavour, nei prossimi giorni.

A metà settembre, l’equipaggio della stazione spaziale darà il benvenuto anche all’astronauta della NASA Loral O’Hara, insieme ai cosmonauti Oleg Kononenko e Nikolai Chub, che partiranno a bordo della capsula russa Soyuz MS-24.

2