14.6 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeEsplorazione SpazialeL'anello di polvere di risonanza di Venere

L’anello di polvere di risonanza di Venere

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un sottile anello di polvere che circonda il Sole lungo il percorso orbitale di Venere è stato rivelato nei minimi dettagli, grazie agli strumenti trasportati dalla Parker Solar Probe.

Le immagini incontaminate a luce bianca, prese dall’interno dell’orbita di Venere, mostrano l’anello nella sua quasi totalità. Questi sono dati vitali per comprendere questo anello e le dinamiche del Sistema Solare e le sue interazioni gravitazionali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa è la prima volta che un anello di polvere circumsolare nel Sistema Solare interno viene rivelato nella sua interezza in immagini a ‘luce bianca’“, ha detto l’astronomo Guillermo Stenborg del US Naval Research Laboratory. 

anello di polvere(Stenborg et al.)

Il Sistema Solare è un posto davvero polveroso. Tutto è formato da polvere (e gas); gran parte della polvere è stata assorbita da pianeti e asteroidi e quant’altro (per non parlare del Sole).

Gli asteroidi e le comete sono come agitatori di sale e pepe cosmici, che spruzzano di residui polverizzati lo spazio che attraversano. Ricerche recenti hanno scoperto che Marte potrebbe disperdere polvere durante le enormi tempeste globali che si verificano ogni anno.

Tutta quella polvere va semplicemente andare alla deriva ma, a volte, può essere catturata in risonanza orbitale con un pianeta; cioè orbita lungo lo stesso percorso, con un periodo orbitale che è un rapporto intero singolo con quello del pianeta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La Terra ha un significativo anello di polvere di risonanza; gli scienziati hanno recentemente scoperto che anche Mercurio ne ha uno. E l’anello di polvere di Venere è noto, e anche parzialmente osservato, dalla missione solare tedesco-americana Helios e dalla missione solare della NASA STEREO.

Poiché la polvere interplanetaria è così brillante per via della luce solare riflessa, supera il vento solare, quindi viene applicata una speciale elaborazione delle immagini per rimuovere il rumore di fondo nelle osservazioni del vento solare. Ciò significa anche che WISPR, lo strumento apposito montato a bordo della Solar Probe, è in grado di osservare in modo univoco l’anello di polvere di risonanza di Venere.

Durante le normali operazioni, ovviamente, l’anello di polvere verrebbe automaticamente eliminato dai dati. La Parker ha eseguito alcune manovre di rotazione in agosto e settembre 2019 per gestire il suo slancio, cosa che ha causato il riposizionamento delle telecamere WISPR con il risultato di ottenere una striscia luminosa nelle immagin.

All’inizio, gli astronomi pensavano che fosse qualcos’altro, come uno streamer luminoso sparato da una regione attiva del Sole, o anche un errore di elaborazione dell’immagine. Ma dopo un attento esame di cos’altro c’era in quello spazio, si sono accorti che che la striscia era perfettamente allineata con l’orbita di Venere.

Poiché il bagliore è anche coerente con la dispersione della luce da parte della polvere, il team ha concluso che la spiegazione più probabile è che si tratti dell’anello di polvere di risonanza del pianeta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I dati potrebbero essere estremamente utili. Gli scienziati pensano che la polvere interplanetaria potrebbe essere un meccanismo di trasporto per le molecole all’interno del Sistema Solare, un mezzo attraverso il quale i materiali rilasciati dagli asteroidi o dalle comete si dirigono verso altri corpi.

Tuttavia, non sappiamo ancora come si siano formati questi anelli di polvere, o da dove provengano, quindi più informazioni abbiamo, più ci avvicineremo a capirlo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un’idea è che gli anelli di polvere si siano formati naturalmente dalla nube primordiale, ma diversi ricercatori sostengono che la gravità di ogni pianeta abbia gradualmente intrappolato le particelle, forse anche particelle di asteroidi o comete all’interno della propria orbita“, ha spiegato l’astrofisico Russell Howard del US Naval Research Laboratory .

Un’altra possibilità è che gli anelli di polvere vengano costantemente rinnovati; le collisioni tra i grani potrebbero espellere dall’orbita parte della vecchia polvere, mentre nuova polvere arriva da altrove.

C’è anche un altro mistero con l’anello di Venere. L’analisi dei dati delle osservazioni precedenti ha suggerito che c’era molta più polvere nell’anello di risonanza di Venere di quanto potesse essere facilmente spiegato. Un gruppo di ricerca ha recentemente elaborato alcuni modelli e ha stabilito che la migliore spiegazione per la quantità di polvere sia un gruppo di asteroidi invisibili che condividono l’orbita di Venere.

Non abbiamo ancora trovato quegli asteroidi, quindi questa ipotesi è lungi dall’essere confermata.

Stiamo imparando cose sulle dinamiche, gli scambi, delle particelle di polvere in tutta l’eliosfera che prima di Parker Solar Probe non conoscevamo“, ha detto Stenborg.

La ricerca è stata pubblicata su The Astrophysical Journal.

Articoli più letti