Space security: veto dalla Russia lo scorso 24 aprile

La risoluzione, redatta congiuntamente da Giappone e Stati Uniti, mirava a riaffermare l’Articolo 4 del Trattato sullo Spazio Esterno e a chiamare le nazioni a non sviluppare armi nucleari specificamente progettate per essere collocate in orbita. Nonostante il sostegno di 63 nazioni, e l'astensione da parte della Cina, la Russia ha esercitato il suo diritto di veto come membro permanente del Consiglio di Sicurezza, bloccando l’adozione della risoluzione per la space security

2
145
Space security

Nel panorama geopolitico contemporaneo, la sicurezza dello spazio esterno (Space security) è diventata una questione di crescente importanza e, lo scorso 24 aprile, la Russia ha posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, sollevando preoccupazioni internazionali e domande sull’impegno globale verso la non proliferazione delle armi nello spazio.

Questa mossa ha riacceso il dibattito sulla militarizzazione dello spazio e sulle implicazioni del Trattato sullo Spazio Esterno, che proibisce il posizionamento di armi nucleari o altre armi di distruzione di massa in orbita.

Space security

La risoluzione, redatta congiuntamente da Giappone e Stati Uniti, mirava a riaffermare l’Articolo 4 del Trattato sullo Spazio Esterno e a chiamare le nazioni a non sviluppare armi nucleari specificamente progettate per essere collocate in orbita. Nonostante il sostegno di 63 nazioni, e l’astensione da parte della Cina, la Russia ha esercitato il suo diritto di veto come membro permanente del Consiglio di Sicurezza, bloccando l’adozione della risoluzione per la space security.

La risoluzione sulla space security è stata motivata da rapporti di febbraio secondo cui gli Stati Uniti avevano ottenuto informazioni che mostravano che la Russia stava sviluppando un dispositivo ASAT nucleare di qualche tipo che potrebbe danneggiare o distruggere una grande frazione di satelliti nell’orbita terrestre bassa, e mettere a repentaglio la sicurezza degli astronauti.



Funzionari statunitensi hanno dichiarato che la Russia non ha ancora utilizzato un dispositivo del genere e il governo russo ha negato che stia lavorando su un’arma del genere.

Le Reazioni Internazionali al Veto Russo

La decisione della Russia di porre il veto sulla risoluzione riguardante la space security del Consiglio di Sicurezza ha suscitato una vasta gamma di reazioni internazionali. Gli Stati Uniti e il Giappone, i redattori della risoluzione, hanno espresso profonda delusione e preoccupazione per l’azione della Russia, con l’ambasciatore americano Linda Thomas-Greenfield che ha sottolineato le gravi conseguenze che un’arma nucleare in orbita potrebbe avere sui satelliti e sui servizi da essi forniti, definendo il veto russo sulla space security come “sconcertante” e una “vergogna”.

D’altra parte, l’ambasciatore russo Vasily Nebenzya ha respinto la risoluzione come un “gioco scorretto” da parte degli Stati Uniti e del Giappone, sostenendo che la Russia è impegnata a prevenire una corsa agli armamenti nello spazio e che rispetta gli obblighi dei trattati internazionali.

Space security

Un punto chiave del dibattito è stata la proposta di emendamento avanzata per anni da Russia e Cina, che mirava a prevenire il posizionamento di qualsiasi tipo di arma nello spazio, un approccio a cui gli Stati Uniti e molte altre nazioni occidentali si sono opposti a causa di questioni di portata – non includerebbe ASAT terrestri – e di verifica. L’emendamento è stato respinto con sette voti favorevoli, sette contrari e l’astensione della Svizzera.

Le Implicazioni del Veto Russo sulla space security

Il veto russo solleva questioni significative riguardo la space security e la fiducia tra le nazioni; mentre la Russia sostiene di non avere intenzioni di dispiegare armi nucleari nello spazio, il veto ha sollevato dubbi e speculazioni su possibili programmi segreti, tra l’altro il veto ha messo in luce le sfide nella governance dello spazio e la necessità di un dialogo aperto e trasparente tra le nazioni.

Nonostante il veto sulla space security, la comunità internazionale rimane impegnata a garantire che lo spazio rimanga una frontiera di pace e cooperazione, questo grazie all’articolo 4 del Trattato sullo Spazio Esterno, un pilastro fondamentale in questo impegno, e la risoluzione respinta rappresenta un richiamo all’azione per tutte le nazioni a rispettare e rafforzare i principi di non proliferazione.

Tecnologie ASAT e le Loro Implicazioni

Le tecnologie anti-satellite (ASAT) sono dispositivi o metodi progettati per danneggiare o distruggere satelliti per scopi militari, questi sistemi possono variare da missili terra-aria, laser e interferenze elettroniche, a satelliti armati capaci di attacchi diretti. L’impiego di tali tecnologie solleva questioni significative riguardo alla space security, alla stabilità geopolitica e al rischio di creare detriti spaziali che potrebbero avere conseguenze a lungo termine sull’accessibilità e sostenibilità dello spazio.

Il potenziale uso di armi ASAT da parte di una nazione non solo minaccia i satelliti di altre nazioni, ma anche la sicurezza globale, dato che i satelliti sono essenziali per la comunicazione, la navigazione e la sorveglianza, indi per cui un attacco ASAT potrebbe quindi avere ripercussioni catastrofiche, interrompendo servizi vitali e aumentando il rischio di conflitti.

Space security

Il futuro della cooperazione internazionale nello spazio è un tema di grande rilevanza, mentre le tensioni geopolitiche possono influenzare le dinamiche spaziali, è fondamentale che le nazioni collaborino per promuovere la pace e la space security, questo include il rispetto dei trattati esistenti, come il Trattato sullo Spazio Esterno, e lo sviluppo di nuovi accordi che affrontino le sfide emergenti, come la proliferazione delle tecnologie ASAT.

La cooperazione internazionale è anche cruciale per affrontare questioni come la gestione dei detriti spaziali, l’esplorazione spaziale e l’utilizzo delle risorse spaziali, infatti un approccio collaborativo può aiutare a garantire che lo spazio rimanga una frontiera aperta e accessibile per tutti, promuovendo la ricerca scientifica e l’innovazione tecnologica.

In cocnclusione, il veto russo sulla risoluzione del Consiglio di Sicurezza rappresenta un momento cruciale per la space security globale, e mentre il mondo si confronta con le sfide della militarizzazione dello spazio, è essenziale che le nazioni lavorino insieme per mantenere lo spazio come un dominio di pace e progresso per l’umanità.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2