Portaerei Usa Ford lascia Mediterraneo, ecco perché non è buon segno per Israele

0
76
Indice

(Adnkronos) – La marina americana ha deciso di ritirare dal Mediterraneo la portaerei Gerald Ford, la nave da guerra più grande del mondo, dispiegata al largo d'Israele dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre. Malgrado l'assicurazione della Us Navy sul mantenimento di "un'ampia capacità nel Mediterraneo e attraverso il Medio Oriente", la decisione non sembra essere una buona notizia per Israele. E' quanto scrive Haaretz, commentando quello che definisce "l'ultimo sviluppo a sorpresa" della guerra a Gaza. Già presente nel Mediterraneo da maggio, la Ford si era avvicinata ad Israele a scopo deterrente in modo da scoraggiare un'eventuale escalation con il Libano. Per ora il conflitto non si è esteso, ma quella del Paese dei Cedri rimane una frontiera calda con continui lanci di razzi da parte della milizia sciita Hezbollah, a cui Israele risponde puntualmente. Così come rimane alta la tensione per quanto riguarda altri gruppi sciiti filo iraniani in Siria e Iraq. Per non parlare degli Houti in Yemen che minacciano il traffico navale nel mar Rosso. "Gli Stati Uniti e l'Iran sono impegnati in un dialogo produttivo con messaggi aperti e riservati. La riduzione della potenza navale nella regione potrebbe essere stata accompagnata da discreti segnali a Teheran perché ciò non comporti una ulteriore escalation. Ma potrebbe anche rappresentare una scommessa sbagliata da parte americana, che Hezbollah potrebbe interpretare come un'opportunità per assumersi maggiori rischi", nota il giornale israeliano. Comunque, scrive Haaretz, "la ridotta presenza navale americana nella regione non è una buona notizia per Israele. Il sostegno americano allo sforzo bellico è stato ampio, ma il governo (del premier israeliano Benyamin) Netanyahu non ha una linea di credito illimitata". Recentemente "vi sono state telefonate tese" fra il presidente americano Joe Biden e Netanyahu, soprattutto in merito ai rapporti del premier israeliano con l'Autorità Nazionale Palestinese. E le dichiarazioni di esponenti di estrema destra del governo israeliano sul trasferimento di palestinesi fuori da Gaza e il ritorno di insediamenti nella Striscia "non contribuiscono ad una atmosfera di fiducia verso Israele da parte di Washington", commenta ancora Haaretz. Con il ritorno della Ford alla sua base in Virginia, nell'area rimane solo un'altra portaerei, la Eisenhower, impegnata nella deterrenza contro gli Houti nel Mar Rosso. Durante il weekend vi è stato un primo scontro diretto con l'affondamento di tre barchini della milizia yemenita che avevano attaccato una nave commerciale. Nell'area del Mediterraneo orientale rimangono altre unità navali statunitensi: la nave anfibia d'assalto Bataan (che può trasportare anche caccia F-35 Stealth), la nave da sbarco Carter Hall e l'unità navale da trasporto anfibio Mesa Verde. Inoltre gli Stati Uniti hanno avviato la missione internazionale Operation Prosperity Guardian per mantenere la sicurezza nel Mar Rosso.  "Collaboriamo con gli alleati e i partner per aumentare la sicurezza marittima nella regione. Il ministero della Difesa continuerà a far leva sulla sua postura di forza collettiva nella regione come deterrenza contro ogni attore statuale o non statuale perché non vi sia una escalation della crisi oltre Gaza", ha assicurato il comunicato della Sesta Flotta americana con il quale è stato annunciato il rimpatrio della Ford. Commissionata nel 2017, la Ford viene considerata dalla marina americana "la più adattabile e letale piattaforma da combattimento del mondo". Con le sue 100mila tonnellate e un contingente di aerei caccia F/A-18 Super Hornet a bordo, si tratta di una portaerei ultimo modello.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2