Farfalle e altri insetti: come saranno influenzati dai cambiamenti climatici?

Un nuovo studio sottolinea l'importanza dei cambiamenti nelle precipitazioni. La ricerca si è concentrata sulle farfalle blu di Miami, una specie in via di estinzione quotata a livello federale che esiste esclusivamente nel sud della Florida

0
463

Quando pensiamo al cambiamento climatico, spesso immaginiamo come un mondo più caldo avrà un impatto sulle specie, ma un nuovo studio sottolinea l’importanza dei cambiamenti nelle precipitazioni. La ricerca si è concentrata sulle farfalle blu di Miami (Cyclargus thomasi bethunebakeri), una specie in via di estinzione quotata a livello federale che esiste esclusivamente in una sacca di habitat nel sud della Florida.

Comprendere il ciclo di vita delle farfalle e altre specie

La scoperta suggerisce che prestare attenzione ai fattori scatenanti ambientali all’interno del ciclo di vita di ciascuna specie, ci aiuterà a capire meglio come saranno influenzati dai cambiamenti climatici. Il loro status federale indirizza più risorse verso la loro conservazione, perchè comprendere il ciclo di vita delle farfalle Miami Blue in relazione al nostro cambiamento climatico è fondamentale per prevedere come se la caveranno in futuro.

Come molte specie di insetti tropicali, il ciclo di vita delle farfalle blu di Miami include uno stato chiamato “diapausa“, quando le larve sospendono il loro sviluppo durante le condizioni di siccità. L’inizio della stagione delle piogge fa sì che le larve in diapausa riprendano il loro sviluppo in farfalle adulte.

La durata del periodo di siccità, e quindi la durata della diapausa, può avere un effetto significativo sul numero della popolazione. Se le larve hanno una breve diapausa, è più probabile che raggiungano l’età adulta e si riproducano rispetto a una lunga stagione secca con un lungo periodo di diapausa.

Le considerazioni di Erica Henry, autrice dello studio

Abbiamo scoperto che lo spostamento dei modelli delle precipitazioni può determinare se le popolazioni di farfalle blu di Miami crescono o si riducono, anche senza che altre variabili ambientali cambino“, afferma Erica Henry, post-dottorato in ecologia applicata presso l’NC State e autrice dello studio. “Questo non riguarda solo questa rara farfalla, ma tutti gli insetti nei sistemi guidati dalle precipitazioni. Sia i tropici che i modelli delle precipitazioni sono stati ampiamente trascurati nella conversazione sui cambiamenti climatici e sui cicli di vita degli animali“.



Diverse specie hanno fattori scatenanti ambientali basati sulle precipitazioni all’interno dei loro cicli di vita. E a differenza della temperatura, che in gran parte tende a crescere sotto il cambiamento climatico, le caratteristiche delle precipitazioni saranno più varie e sfumate in tutto il mondo: alcune aree si prosciugheranno, altre saranno inondate e altre non vedranno alcun cambiamento.

E in alcuni luoghi, come nel sud della Florida, non è chiaro come cambieranno i modelli delle precipitazioni con il cambiamento climatico. Per tenere conto di ciò, i ricercatori hanno simulato le condizioni future utilizzando 20 diversi modelli climatici per testare come risponderebbero le popolazioni di farfalle blu di Miami.

Una simulazione delle condizioni climatiche future per testare il comportamento delle farfalle blu di Miami

Nella maggior parte di questi test, le popolazioni di farfalle sono diminuite quando le precipitazioni sono state ritardate e la durata della diapausa è aumentata, anche quando tutte le altre condizioni ambientali non sono cambiate.

I tropici, e più specificamente quell’area sfocata che chiamiamo subtropicali, coprono un insieme estremamente diversificato di ecosistemi che sono molto più sensibili ai cambiamenti previsti delle precipitazioni rispetto alla temperatura“, afferma Adam Terando, ecologista della ricerca geologica degli Stati Uniti e collaboratore professore presso il Dipartimento di Ecologia Applicata dell’NC State che è coautore dello studio.

Il problema è che c’è anche molta più incertezza sui cambiamenti delle precipitazioni quando il pianeta si riscalda. Volevamo attirare l’attenzione su questi ecosistemi della stagione delle piogge e dimostrare come collegare la scienza del clima con l’ecologia può darci nuove intuizioni su cosa aspettarci nel futuro.”

Il calo della popolazione di insetti tropicali potrebbe essere dovuto ai cambiamenti nei modelli delle precipitazioni

Questa ricerca è uno dei primi sforzi per esaminare un insetto tropicale in condizioni di cambiamento climatico, utilizzando la lente delle precipitazioni piuttosto che l’aumento della temperatura. Le specie di insetti tropicali nelle aree che dovrebbero prosciugarsi a causa del cambiamento climatico vedranno probabilmente impatti simili sui loro cicli di vita, possibili declini. In effetti, i cambiamenti nei modelli delle precipitazioni possono spiegare l’attuale calo delle popolazioni.

Il cambiamento climatico sta avvenendo ovunque, ormai è evidente“, dice la dottoressa Erica Henry. “Possiamo capire meglio quali azioni possono ridurre al minimo gli impatti negativi sulla biodiversità, pensando in modo più ampio a cosa significhi realmente quel cambiamento in diverse parti della Terra“.

2