Un giorno sarà possibile comunicare con i ragni? Il MIT dice sì

Secondo nuovi studi condotti da alcuni ricercatori del MIT, un giorno potrebbe essere possibile comunicare con i ragni

0
1567

Secondo nuovi studi condotti da alcuni ricercatori del MIT, un giorno potrebbe essere possibile comunicare con i ragni. Infatti, gli aracnidi usano le loro intricate ragnatele per intrappolare le prede, navigando attraverso la struttura usando le vibrazioni che percepiscono attraverso i peli sulle loro gambe.

Un team di ricercatori del MIT ha riferito di aver tradotto quelle vibrazioni in toni musicali che potremmo usare come metodo di comunicazione con questa affascinante specie, utilizzando il loro mondo vibrazionale come mezzo per il linguaggio.

Parlare con i ragni

Il team ha presentato la ricerca durante una riunione all’American Chemical Society. Per capire i suoni di una ragnatela, hanno “ospitato” un ragno nel loro laboratorio e hanno scansionato con il laser la rete che ha realizzato in sezioni trasversali bidimensionali.

“I ragni vivono in questo universo vibrazionale, vivono in questo mondo fatto di vibrazioni e frequenze, a cui ora possiamo accedere“, ha affermato il coautore dell’articolo Markus Buehler, scienziato dei materiali al MIT. “Una delle possibilità di questo studio è che ci permette di indagare e comprende la percezione che i ragni hanno del mondo circostante”.

scienza 153928



Essendo anche un musicista, Buehler combina regolarmente la sua conoscenza della scienza computazionale con la composizione, e ricava musica dai processi del mondo naturale. Il progetto della ragnatela è letteralmente più avanzato del suo lavoro precedente, incentrato sulla traduzione delle proteine in composizioni musicali. Un recente progetto ha tradotto in suono una proteina chiave del COVID-19.

Molte di queste interpretazioni musicali del mondo sono su Soundcloud di Buehler. Buehler e il suo team composto da sette persone traspongono i suoni del mondo, che normalmente non potremmo percepire, nella nostra gamma udibile. “A differenza di una proteina, dove dobbiamo seguire le leggi della meccanica quantistica, una ragnatela segue la meccanica newtoniana“, ha affermato. “Possiamo usare le stesse equazioni che usiamo per una corda di chitarra. Le proprietà del materiale sono diverse, ma essenzialmente è la stessa equazione per la vibrazione stessa“.

Per i ragni, i suoni significano sopravvivenza, poiché possono sentire l’impatto della preda sulla rete o percepire la danza del tip tap di un corteggiatore. L’aspirazione a lungo termine è quella di essere in grado di comunicare con un ragno su una ragnatela, ha detto Buehler.

Per iniziare questo processo, i ricercatori “giocheranno” sulla ragnatela in un modo che susciti una risposta da parte del ragno. In seguito, imitare un altro ragno durante una conversazione potrebbe aprire la strada al dialogo con gli aracnidi. “I ragni tacciono e anche la ragnatela stessa è qualcosa che non si associa, normalmente, al suono“, ha detto Buehler. “Stiamo cercando di dare una voce al ragno in modo che forse un giorno potremo fare due chiacchiere con lui, e magari suonare una canzone insieme“.

2