I cani possono rilevare oltre il 90% dei casi di COVID-19, anche quelli asintomatici

Usando il loro straordinario senso dell'olfatto - che può individuare l'equivalente di mezzo cucchiaino di zucchero sciolto in una piscina olimpionica - i cani hanno già dimostrato di poter fiutare malattie come cancro, malaria ed epilessia

0
442

I cani possono essere addestrati a rilevare oltre il 90% delle infezioni da COVID-19 anche quando i pazienti sono asintomatici, secondo una nuova ricerca disponibile in preprint, che gli autori sperano possa aiutare a sostituire la necessità di mettere in quarantena i viaggiatori quando entrano in un paese.

Usando il loro straordinario senso dell’olfatto – che può individuare l’equivalente di mezzo cucchiaino di zucchero sciolto in una piscina olimpionica – i cani hanno già dimostrato di poter fiutare malattie come cancromalaria ed epilessia.

Diversi studi precedenti hanno dimostrato che i cani possono rilevare il virus SARS-CoV-2.

I ricercatori della London School of Tropical Medicine volevano vedere se i cani potevano rilevare un odore caratteristico emesso da composti chimici associati a qualcuno che è COVID positivo ma non mostra sintomi.

Hanno raccolto campioni di indumenti e maschere per il viso da persone che erano risultate positive per SARS-CoV-2 lieve o sintomatica.



I campioni dei calzini di 200 casi di COVID-19 sono stati raccolti e disposti in test di laboratorio per sei cani che erano stati addestrati per indicare la presenza o l’assenza del composto chimico.

I cani erano stati addestrati a non identificare “falsi positivi” nel tentativo di hackerare il loro sistema di ricompensa e ottenere dolcetti anche se non c’erano campioni COVID-19 in un dato test.

Ciò significa che il cane comprende appieno e ottiene una ricompensa per un negativo corretto così come un positivo corretto“, ha detto Claire Guest, della Facoltà di malattie infettive e tropicali della scuola.

Nel complesso, i cani sono stati in grado di identificare con successo tra il 94 e l’82% dei campioni di SARS-CoV-2.

I ricercatori hanno quindi modellato l’efficacia di queste percentuali di successo che, combinate con i test PCR tradizionali, potrebbero aiutare a rilevare casi di COVID-19 lievi o asintomatici.

Hanno scoperto che l’utilizzo di cani per controllare gli arrivi ai capolinea come gli aeroporti potrebbe rilevare il 91% dei casi, con un conseguente tasso di trasmissione 2,24 volte inferiore rispetto ai soli test PCR.

“Inizio importante”

Gli autori della ricerca, che deve ancora essere sottoposta a revisione paritaria, hanno affermato di sperare che alla fine i cani possano sostituire la necessità di mettere in quarantena i viaggiatori.

La cosa fondamentale è che i cani sono significativamente più veloci di altri test“, ha detto il coautore James Logan.

Quello che stiamo suggerendo è che i cani potrebbero effettuare un primo screening, per poi sottoporre coloro che sono stati indicati come positivi ad un test PCR gratuito“.

Il team ha affermato che in un aereo pieno – circa 300 persone – è statisticamente probabile che meno dell’1% trasporti SARS-CoV-2. In base alle attuali normative sulla quarantena utilizzate da alcuni paesi, tutti i 300 viaggiatori dovrebbero essere isolati, causando notevoli disagi.

Ma data la sensibilità dei cani addestrati, un massimo di 35 persone a bordo sarebbe indicato come positivo, afferma il giornale.

Di questi, solo circa 3 dovrebbero avere un test PCR positivo.

Questo è un inizio davvero importante e potrebbe portare a un sistema utile e utilizzabile“, ha affermato Mick Bailey, professore di immunologia comparata presso l’Università di Bristol, che non è stato coinvolto nella ricerca.

Ma c’è ancora molto da fare per convalidare prima di poter essere sicuri che i cani possano rilevare in modo affidabile e specifico l’infezione asintomatica da SARS-CoV-2 nelle persone negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie“.

© Agence France-Presse

2