6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisica"Possibilità di impatto 100%" - scoperto un quinto asteroide prima dell'impatto

“Possibilità di impatto 100%” – scoperto un quinto asteroide prima dell’impatto

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La maggior parte degli asteroidi che hanno colpito la Terra sono stati scoperti molti anni, spesso molti milioni di anni, dopo l’evento. Sárneczky ha scoperto il quinto asteroide prima dell’impatto.

La prova? Circa 200 crateri conosciuti segnano la superficie terrestre, raccontando una storia di grandi impatti e su come il nostro pianeta e la vita su di esso sono stati drammaticamente plasmati da violente collisioni con antichi asteroidi.

Alle 19:24 UTC dell’11 marzo 2022, l’astronomo Krisztián Sárneczky ha scoperto un nuovo oggetto luminoso e in rapido movimento nel cielo utilizzando il telescopio Schmidt da 60 cm all’osservatorio Piszkésteto, in Ungheria, designando l’oggetto “Sar2593“.  La posizione dell’impatto è stata perfezionata con più osservazioni rivelatesi corrette.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Krisztián ha continuato a osservare l’oggetto, facendo altre 10 osservazioni subito dopo la scoperta e presentandole nuovamente all’MPC. Queste, tuttavia, hanno portato a uno scenario completamente diverso. Quasi esattamente un’ora dopo essere stato rilevato alle 20:25 UTC, il sistema di monitoraggio “Meerkat” dell’ESA ha attivato un avviso al Near-Earth Object Coordination Center (NEOCC) dell’Agenzia sulla base delle osservazioni accumulate. La possibilità di impatto era ora del 100% e si sarebbe verificato in meno di un’ora, tra le 21:21 e le 21:25 UTC. La posizione dell’impatto del nuovo oggetto era già prevedibile al migliaio di chilometri più vicino, previsto a poche centinaia di chilometri a nord dell’Islanda.

Correlato: Polverizzare gli asteroidi per evitare una catastrofe

In risposta all’allerta Meerkat dell’ESA e ad altri simili, osservatori professionisti e dilettanti in tutta Europa e in Asia hanno iniziato rapidamente a osservare l’imminente impattatore. Trovarlo è stato estremamente difficile poiché l’oggetto era già molto vicino (circa 1/7 della distanza dalla Luna) e si muoveva rapidamente nel cielo. Un osservatorio – Kysuce, Slovacchia – ha riportato presto le sue osservazioni riuscite, insieme a molti altri rilevamenti dallo scopritore originale. Con questi nuovi dati aggiunti al mix, la posizione dell’impatto dell’asteroide potrebbe essere individuata in modo ancora più preciso: l’asteroide sarebbe entrato negli strati superiori della nostra atmosfera a circa 140 km a sud dell’isola di Jan Mayen alle 21:22:42 UTC – meno di due ore dopo essere stato scoperto.

Potrebbe interessarti: Missione dart: Cos’è, a che serve e cosa farà – video

Dalla sua luminosità osservata, l’oggetto sembrava essere molto piccolo. Con un diametro di circa un metro non rappresentava una minaccia per la Terra, poiché a queste dimensioni sarebbe bruciato completamente nell’atmosfera terrestre. Poco dopo il tempo previsto per l’impatto, il Minor Planet Center ha designato l’asteroide con il titolo “2022 EB5“, diventando il quinto impattatore conosciuto osservato nello spazio prima di colpire il nostro pianeta e il primo scoperto dall’Europa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fortunatamente, al momento non sono stati individuati rilevamenti visivi o video conclusivi della corrispondente palla di fuoco, probabilmente a causa della lontananza del luogo dell’impatto. Tuttavia, ci sono prove indipendenti che l’impatto sia effettivamente avvenuto grazie alla rete internazionale di rilevatori di infrasuoni. I segnali dell’impatto sono stati rilevati dall’Islanda e dalla Groenlandia, suggerendo un rilascio di energia equivalente a circa un terremoto di magnitudo 4.0.

Perché solo il quinto?

Si stima che ogni giorno tra le 40 e le 100 tonnellate di materiale spaziale colpiscano la Terra, la maggior parte sotto forma di particelle molto piccole. Si prevede che oggetti più grandi, di dimensioni simili all’EB5 del 2022, colpiranno circa dieci volte all’anno. Allora perché sono stati rilevati solo cinque asteroidi prima dell’impatto?

“Il campo estremamente ampio dei nuovi telescopi ci consentirà di coprire una vasta area del cielo in una sola notte”, afferma Detlef Koschny, capo ad interim della Difesa Planetaria dell’ESA, “Ciò ridurrà la possibilità di perdere qualsiasi oggetto interessante.”

Con il miglioramento della nostra capacità di prevedere gli impatti degli asteroidi, migliorerà anche la nostra preparazione. Per impatti di medie dimensioni che possono creare esplosioni nel cielo, significa avere la possibilità di avvertire le persone di stare lontano dalle finestre che potrebbero rompersi nell’esplosione. Per oggetti più grandi, questo significa avere la possibilità di preparare missioni di deflessione di asteroidi per prevenire del tutto l’impatto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti