17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeCuriositàPerché la Pasqua si chiama Pasqua?

Perché la Pasqua si chiama Pasqua?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La data della Pasqua, quando si dice sia avvenuta la risurrezione di Gesù, cambia di anno in anno, la ragione di questa variazione è che la festività cade sempre la prima domenica dopo la prima luna piena successiva all’equinozio di primavera.

La Pasqua è abbastanza simile ad altre festività importanti come Natale e Halloween evolute negli ultimi 200 anni circa, in tutte queste festività, elementi cristiani e non cristiani (pagani) hanno continuato a fondersi insieme.

La Pasqua come rito di primavera

La maggior parte delle festività principali ha qualche connessione con il cambio delle stagioni. Ciò è particolarmente evidente nel caso del Natale. Il Nuovo Testamento non fornisce informazioni sul periodo dell’anno in cui nacque Gesù. Molti studiosi ritengono, tuttavia, che il motivo principale per cui la nascita di Gesù venne celebrata il 25 dicembre sia perché quella era la data del solstizio d’inverno secondo il calendario romano. Poiché i giorni successivi al solstizio d’inverno diventavano gradualmente più lunghi e meno oscuri, era il simbolismo ideale per la nascita della “luce del mondo” , come affermato nel Vangelo di Giovanni del Nuovo Testamento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Correlati: Colomba Salata – ricetta pasquale

Simile è stato il caso della Pasqua, che cade in prossimità di un altro punto chiave dell’anno solare: l’equinozio di primavera (intorno al 20 marzo), quando ci sono periodi uguali di luce e oscurità. Per chi si trova alle latitudini settentrionali, l’arrivo della primavera è spesso accolto con entusiasmo, poiché significa la fine delle fredde giornate invernali. Primavera significa anche il ritorno in vita di piante e alberi che sono stati dormienti durante l’inverno, così come la nascita di una nuova vita nel mondo animale.

Dato il simbolismo della nuova vita e della rinascita, era naturale celebrare la risurrezione di Gesù in questo periodo dell’anno. L’intitolazione della celebrazione come “Pasqua” sembra risalire al nome di una dea precristiana in Inghilterra, Eostre, che veniva celebrata all’inizio della primavera. L’unico riferimento a questa dea viene dagli scritti del Venerabile Beda, un monaco britannico vissuto tra la fine del VII e l’inizio dell’VIII secolo.  Beda fu così influente per i cristiani successivi che il nome rimase.

Il collegamento con la Pasqua ebraica

Nella Bibbia ebraica, la Pasqua ebraica è una festa che commemora la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù in Egitto, come narrato nel Libro dell’Esodo. Era e continua ad essere la più importante festa stagionale ebraica, celebrata nel primo plenilunio dopo l’equinozio di primavera. Al tempo di Gesù, la Pasqua aveva un significato speciale, poiché il popolo ebraico era di nuovo sotto il dominio di potenze straniere (vale a dire, i romani). Pellegrini ebrei affluivano a Gerusalemme ogni anno nella speranza che il popolo eletto da Dio (come credeva di essere) sarebbe presto liberato ancora una volta.

In una Pasqua, Gesù si recò a Gerusalemme con i suoi discepoli per celebrare la Pasqua. Entrò a Gerusalemme in una processione trionfale e creò scompiglio nel Tempio di Gerusalemme. Sembra che entrambe queste azioni abbiano attirato l’attenzione dei romani e che di conseguenza Gesù sia stato giustiziato intorno all’anno 30 d.C. Alcuni seguaci di Gesù, tuttavia, credettero di averlo visto vivo dopo la sua morte, esperienze che diedero vita alla religione cristiana. Poiché Gesù morì durante questa festività ed i suoi seguaci credevano che fosse resuscitato dai morti tre giorni dopo, era logico commemorare questi eventi nelle immediate vicinanze.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Risurrezione

Alcuni cristiani scelsero di celebrare la risurrezione di Cristo nella stessa data della Pasqua ebraica, che cadeva intorno al giorno 14 del mese di Nisan, a marzo o aprile. Questi cristiani erano conosciuti come Quartodecimani (il nome significa “Quattordici”). Scegliendo questa data, si sono concentrati sulla morte di Gesù e hanno anche sottolineato la continuità con l’ebraismo da cui è emerso il cristianesimo. Alcuni altri invece preferivano celebrare la Pasqua di domenica, poiché in quella si credeva fosse stata trovata la tomba di Gesù. Nel 325 d.C., l’imperatore Costantino, che era favorevole al cristianesimo, convocò una riunione dei leader cristiani per risolvere importanti controversie al Concilio di Nicea. La più fatale delle sue decisioni riguardava lo stato di Cristo, che il Concilio riconosceva come “pienamente umano e pienamente divino”. Questo consiglio ha anche deliberato che  dovesse essere fissata di domenica, non il giorno 14 di Nisan. Di conseguenza, la Pasqua viene ora celebrata la prima domenica dopo la prima luna piena dell’equinozio di primavera.

Il coniglietto e le uova 

Coniglietti e uova di Pasqua
Coniglietti e uova di Pasqua

All’inizio dell’America, la festa era molto più popolare tra i cattolici che tra i protestanti. Le fortune di entrambe le feste cambiarono nell’Ottocento, quando divennero occasioni da trascorrere con la propria famiglia. Pasqua e Natale sono stati rimodellati come festività domestiche perché le concezioni dei bambini stavano cambiando. Prima del 17° secolo, i bambini erano raramente al centro dell’attenzione. Dal 17° secolo in poi, c’è stato un crescente riconoscimento dell’infanzia come momento della vita che dovrebbe essere gioioso, non semplicemente come preparatorio per l’età adulta. Questa “scoperta dell’infanzia” e l’affetto per i bambini hanno avuto effetti profondi su come si celebrava la festa.

È a questo punto dello sviluppo della Pasqua che le uova e il coniglietto di diventano particolarmente importanti. Le uova decorate facevano parte della festa pasquale almeno fin dal medioevo, dato l’evidente simbolismo di nuova vita. Una grande quantità di folklore circonda le uova di Pasqua e, in numerosi paesi dell’Europa orientale, il processo di decorazione delle uova è estremamente elaborato.

Articoli più letti