Onda anomala alta quattro piani registrata al largo del Canada

Una onda anomala alta 17,6 metri è stata registrata al largo della costa dell'isola di Vancouver, battendo il record di proporzionalità tre volte più grande delle onde circostanti

0
2034
Onda anomala alta quattro piani registrata al largo del Canada
Onda anomala alta quattro piani registrata al largo del Canada

Una onda anomala alta 17,6 metri è stata registrata al largo della costa dell’isola di Vancouver, battendo il record di proporzionalità tre volte più grande delle onde circostanti.

Solo poche onde anomale in alto mare sono state osservate direttamente, e niente di questa portata. Si tratta di un evento che potrebbe verificarsi una volta ogni 1.300 anni“, ha affermato Johannes Gemmrich, uno dei principali ricercatori sulle onde anomale che lavora presso l’Università di Vittoria.

L’onda ha fatto scalpore nella comunità scientifica per essere in proporzione l’onda anomala più estrema mai registrata. Sebbene sia avvenuta nel novembre 2020, lo studio che la conferma è stato pubblicato solo il 2 febbraio di quest’anno.

Un’onda anomala è esattamente ciò che sembra: qualcosa di inaspettato e terrificante. “Sembra un grande blocco di quattro piani che sporge dall’acqua“, ha detto a Galileus Web Scott Beatty, CEO di MarineLabs, la società che gestisce la boa che misurava l’onda.

Negli ultimi decenni, quello che un tempo era noto come folclore marino è stato ora accettato come reale dagli scienziati.

Chiamate ‘onde di tempesta estrema’ dagli scienziati, sono onde che sono più grandi del doppio delle onde circostanti, imprevedibili e spesso provengono inaspettatamente da direzioni diverse dal vento e dalle onde prevalenti“, come ha spiegato un portavoce del The National Oceanic and Atmospheric Association (NOAA).

In termini semplificati, “Un’onda anomala è in realtà solo un’onda molto grande rispetto al campo d’onda circostante“, ha chiarito Gemmrich. Le dimensioni complessive non contano, ma il confronto delle dimensioni con altre onde sì. Pertanto, mentre un’onda che raggiunge un’altezza equivalente a quattro piani è impressionante, la sua magnitudine è tre volte quella delle onde che la circondano ed è ciò che l’ha portata nei libri dei record.



La prima onda anomala registrata, nota come “The Draupner Wave“, è stata misurata nel 1995 al largo della costa norvegese, alta 25,6 metri con onde circostanti di circa 12 metri, cosa che la rendeva un’onda anomala grande circa il doppio dimensioni delle onde che la circondavano.

L’onda anomala da record registrata nel novembre 2020 misurava quasi 17,6 metri, rispetto alle onde circostanti di 6 metri.

Registrare queste “onde assassine” non è un’impresa facile.

L’onda anomala nello studio è stata misurata tramite una boa Marine Labs posizionata a circa 7 chilometri dalla costa di Ucluelet, nella Columbia Britannica.

Siamo una società di intelligence in tempo reale e forniamo aggiornamenti in tempo reale su ciò che sta accadendo lungo la costa, inclusi vento, onde e altri dati“, ha spiegato Beatty. Il problema sta nel come tracciare continuamente le onde anomale una volta identificate da un sensore.

La maggior parte delle osservazioni avviene in un’unica boa, in un’unica posizione, e quindi l’onda passa, e sappiamo che in questo momento era così alta, ma non sappiamo per quanto tempo. Questa è la grande questione scientifica“, ha osservato Gemmrich .
Una cosa è certa: le onde anomale possono rappresentare una minaccia significativa per le operazioni marittime e per il pubblico a causa della loro immensa potenza e mancanza di prevedibilità, ha sottolineato Beatty.

Sono inaspettate, quindi il pilota di una nave non ha preavviso. Se è abbastanza alta da poter causare alcuni danni alla nave, l’operatore non ha tempo per cambiare rotta o reagire“. Gemmrich ha aggiunto.

Un malinteso comune che Gemmrich ha sottolineato è che le onde anomale non devono essere scambiate per tsunami. Sebbene in entrambi i casi si parla di grandi onde, il modo in cui si formano è completamente diverso. “Le onde anomale sono generate dal vento, quindi sono solo un evento raro di onde generate dal vento. Mentre uno tsunami è generato più comunemente da un terremoto, un terremoto sottomarino o, come abbiamo visto di recente, un’eruzione di un vulcano“, ha affermato Gemmrich.

Le comunità costiere sono vulnerabili alle onde anomale. Secondo Gemmrich, qualunque area esposta all’acqua potrebbe subire un’onda anomala, anche se è più probabile che si verifichino in luoghi con forti correnti. Per quanto riguarda l’isola di Vancouver, non sono stati segnalati danni dall’onda anomala, poiché si è verificata troppo al largo.

Per garantire una migliore sicurezza in futuro, la comunità scientifica sta spingendo per una migliore ricerca e previsione per aiutare a prevenire qualsiasi danno alle operazioni marittime o al pubblico.

Jennie Lyons del NOAA ha sottolineato che ci sono distinzioni specializzate per le onde anomale. Una “sneaker wave” descrive in genere una condizione di onde anomale lungo la spiaggia perché ti si avvicina di soppiatto. Le onde anomale in mare aperto molto più grandi di quelle circostanti, sono spesso chiamate onde “strane”. E le onde anomale abbastanza grandi da danneggiare una nave sono chiamate “onde assassine”, perché se sono abbastanza gravi, il danno potrebbe capovolgere una nave, uccidendo potenzialmente persone.

MarineLabs ha un sistema di 26 boe posizionate strategicamente negli oceani che circondano il Nord America con la speranza di raddoppiare il loro numero entro la fine del 2022. “Miriamo a migliorare la sicurezza e il processo decisionale per le operazioni marittime e le comunità costiere attraverso una misurazione diffusa delle coste del mondo“, ha affermato Beatty.

2