17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeMedicinaMorbo di Alzheimer correlato ai ritmi circadiani

Morbo di Alzheimer correlato ai ritmi circadiani

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’Alzheimer è stato a lungo un mistero poiché i ricercatori lavorano duramente per cercare di trovare un modo per prevenire e persino curare la condizione debilitante.

Un nuovo studio pubblicato su Plos Genetics sta rivelando che la condizione potrebbe essere direttamente collegata ai ritmi circadiani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La scoperta potrebbe portare a un nuovo trattamento preventivo, che questa volta potrebbe effettivamente funzionare.

Il mistero dell’Alzheimer risolto?

“Capire come i nostri ritmi circadiani possono regolare i livelli di eparan sulla superficie cellulare per controllare l’accumulo di beta-amiloide può portare allo sviluppo di cronoterapici che alleviano i sintomi dell’Alzheimer e di altre malattie infiammatorie”, ha affermato in un comunicato stampa Jennifer Hurley del Rensselaer Polytechnic Institute che ha guidato lo studio.

Che cos’hanno trovato i ricercatori? Il loro lavoro ha rivelato che le cellule immunitarie responsabili dell’eliminazione di una proteina chiave che si accumula nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer funzionano secondo i ritmi circadiani quotidiani, i cicli di 24 ore che controllano molti elementi della fisiologia umana.

Questa scoperta chiave può portare a una potenziale spiegazione del legame tra il morbo di Alzheimer e le interruzioni del ciclo del sonno di una persona. Studi precedenti hanno già scoperto che le interruzioni del sonno possono essere indicatori precoci dell’Alzheimer poiché iniziano anni prima della comparsa dei sintomi della malattia e sono un’indicazione di un rischio maggiore di sviluppare la condizione.

La nuova ricerca ha valutato l’attività delle cellule immunitarie responsabili dell’eliminazione delle proteine ​​​​chiamate beta-amiloide che si accumulano come placche nel cervello nelle persone con malattia di Alzheimer. Gli scienziati hanno scoperto che le cellule immunitarie eliminano la beta-amiloide in un ciclo determinato dai ritmi circadiani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Identificato un meccanismo molecolare

Qualsiasi anomalia in quel ritmo provocava la scomparsa del ciclo quotidiano e quindi un aumento dell’accumulo di pericolose proteine ​​beta-amiloide. Da lì, gli scienziati hanno dedotto che esisteva un meccanismo molecolare potenzialmente responsabile della connessione tra il morbo di Alzheimer e i ritmi circadiani e svolgeva un ruolo chiave nello sviluppo della condizione.

Potrebbe essere questa la svolta che porta a un trattamento dell’Alzheimer che funziona davvero? È difficile da dire poiché la ricerca è ancora nelle sue fasi iniziali, ma i risultati presentano già un potenziale per evitare la malattia. Se la clearance giornaliera delle proteine ​​beta-amiloide può essere mantenuta, i pazienti potrebbero avere meno probabilità di sviluppare la malattia e o almeno soffrire di sintomi meno gravi.

Articoli più letti