Coronavirus, cosa fare in caso di sintomi sospetti

Hai la febbre? La tosse? O difficoltà respiratorie? Mantieni la calma e non precipitarti al Pronto Soccorso; è quanto raccomanda il ministero della Salute. Necessario distanziarsi dal resto della famiglia, indossare la mascherina e igienizzare spesso le mani 

0
901
Indice

Hai la febbre? La tosse? O difficoltà respiratorie? Mantieni la calma e non precipitarti al Pronto Soccorso, è quanto raccomanda il ministero della Salute. Necessario distanziarsi dal resto della famiglia, indossare la mascherina e igienizzare spesso le mani.
Se si pensa di essere stati contagiati dal Covid-19 la prima cosa da fare è mantenere la calma, non recarsi in Pronto Soccorso. Questo è quanto si legge sul sito del ministero della Salute che ha elencato una serie di cose da fare e i numeri da contattare in caso di emergenza.
Se dovessero comparire febbre, tosse, o difficoltà respiratorie, rimanere in casa, contattate il medico o il pediatra solo tramite telefono, per evitare di infettare altre persone, se non si riesce a contattare il medico si possono utilizzare i numeri di emergenza 118 e 112, il numero di pubblica utilità 1500, e per il supporto psicologico il numero verde 800833833.
Per proteggere tutta la famiglia invece è buona abitudine lavarsi spesso le mani con acqua e sapone oppure detergerle con gel a base alcolica, come ricorda il ministero della Salute.
Se pensi di essere infetto” si legge nel sito ” indossa la mascherina, resta a distanza dai tuoi familiari e disinfetta spesso gli oggetti di uso comune”.
Sarà poi il medico a fornire al paziente tutte le indicazioni per poter sottoporsi ai test previsti per verificare la positività al virus, se lo riterrà opportuno.
L’ultima circolare, quella del 12 Ottobre, prevede il rientro in società dopo un periodo di almeno 10 giorni di isolamento, se si scopre di essere positivi. Mentre se i sintomi sono la perdita dell’olfatto o del gusto il decorso sarà più lungo, ma la fine dell’isolamento deve essere certificata da un test molecolare con riscontro negativo eseguito dopo almeno 3 giorni dalla scomparsa dei sintomi.
Invece chi non presenta i sintomi ma risulta positivo al test molecolare per Sars-CoV-2, in caso di assenza dei sintomi da più di una settimana, può interrompere l’isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi.
Le persone che hanno avuto contatti con soggetti affetti da Covid-19 e identificati dalle autorità sanitarie, devono sottoporsi ad una quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, oppure una quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo giorno.
Il ministero della Salute raccomanda di scaricare l’applicazione Immuni.

2