13.7 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeEsplorazione SpazialeMUSE e HelioSwarm per svelare i misteri del Sole

MUSE e HelioSwarm per svelare i misteri del Sole

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La NASA ha selezionato due missioni scientifiche – Multi-slit Solar Explorer (MUSE) e HelioSwarm, per aiutare a migliorare la nostra comprensione della dinamica del Sole, della connessione Sole-Terra e dell’ambiente spaziale in continua evoluzione. Queste missioni forniranno approfondimenti sul nostro universo e offriranno informazioni critiche per aiutare a proteggere astronauti, satelliti e segnali di comunicazione come il GPS.

“MUSE e HelioSwarm forniranno una visione nuova e più approfondita dell’atmosfera solare e del tempo spaziale”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza presso la sede della NASA a Washington. “Queste missioni non solo estendono la scienza delle altre nostre missioni di eliofisica, ma forniscono anche una prospettiva unica e un nuovo approccio alla comprensione dei misteri della nostra stella”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

MUSE

La missione MUSE aiuterà gli scienziati a comprendere le forze che guidano il riscaldamento della corona solare e le eruzioni in quella regione più esterna che sono alla base del clima spaziale. La missione offrirà una visione più approfondita della fisica dell’atmosfera solare utilizzando un potente strumento noto come spettrometro multi-fessura per osservare l’estrema radiazione ultravioletta del Sole e ottenere immagini della più alta risoluzione mai catturate della regione di transizione solare e della corona.

La missione fornirà anche osservazioni complementari dalla ricerca eliofisica come l’ Extreme UltraViolet Spectroscopic Telescope.

Immagine dell'atmosfera solare che mostra un'espulsione di massa coronale. Credito: NASA/SDO
Immagine dell’atmosfera solare che mostra un’espulsione di massa coronale. Credito: NASA/SDO

“MUSE ci aiuterà a colmare le lacune cruciali nelle conoscenze relative alla connessione Sole-Terra”, ha affermato Nicola Fox, direttore della divisione di eliofisica presso la sede della NASA. “Fornirà maggiori informazioni sul tempo spaziale e completerà una serie di altre missioni all’interno della flotta della missione eliofisica”.

L’obiettivo principale della missione MUSE è indagare sulle cause del riscaldamento coronale e dell’instabilità, come razzi ed espulsioni di massa coronale, e ottenere informazioni sulle proprietà di base del plasma della corona. MUSE otterrà immagini ad alta risoluzione dell’evoluzione dei nastri dei brillamenti solari in un campo visivo focalizzato su un’ampia regione attiva del Sole.

Il principale investigatore della missione MUSE è Bart DePontieu del Lockheed Martin Advanced Technology Center (LMATC) di Palo Alto, California. Questa missione ha un budget di 192 milioni di dollari. LMATC fornirà la gestione del progetto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

HelioSwarm

La missione HelioSwarm è una costellazione o “sciame” di nove veicoli spaziali che cattureranno le prime misurazioni nello spazio multiscala delle fluttuazioni del campo magnetico e dei movimenti del vento solare note come turbolenza del vento solare. Lo strato atmosferico più esterno del Sole, l’eliosfera, comprende un’enorme regione del sistema solare. I venti solari si diffondono attraverso l’eliosfera e le loro interazioni con le magnetosfere planetarie e le interruzioni come le espulsioni di massa coronale influenzano la loro turbolenza.

Lo studio della turbolenza del vento solare su vaste aree richiede misurazioni del plasma effettuate simultaneamente da diversi punti nello spazio. HelioSwarm è costituito da una navicella spaziale hub e otto piccoli satelliti co-orbitanti che si trovano a distanza l’uno dall’altro, e dalla navicella spaziale hub. Il veicolo spaziale hub manterrà il contatto radio con ogni piccolo satellite. Tutti i contatti radio tra lo sciame e la Terra saranno condotti attraverso il veicolo spaziale hub e la rete spaziale profonda della NASA di antenne di comunicazione dei veicoli spaziali.

“L’innovazione tecnica dei piccoli satelliti di HelioSwarm, che operano insieme come una costellazione, offre la capacità unica di studiare la turbolenza e la sua evoluzione nel vento solare”, ha affermato Peg Luce, vicedirettore della divisione di eliofisica.

Il principale investigatore della missione HelioSwarm è Harlan Spence dell’Università del New Hampshire. Il budget della missione è di 250 milioni di dollari. L’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley, in California, fornirà la gestione del progetto.

Il finanziamento e la supervisione della gestione di queste missioni sono forniti dall’Heliophysics Explorers Program, gestito dall’Explorers Program Office presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti