Arrivederci Mr. Peter Higgs

Peter Higgs, 94 anni, che ha ricevuto il premio Nobel per la fisica nel 2013 per il suo lavoro nel 1964 che mostra come il bosone da lui ipotizzato aiuta a tenere insieme l'Universo dando alle particelle la loro massa, è morto lunedì 8 Aprile 2024 nella sua casa di Edimburgo

2
308
Arrivederci Mr. Peter Higgs

È morto Peter Higgs, il fisico vincitore del premio Nobel che per primo aveva teorizzato la nuova particella conosciuta come bosone di Higgs (detta anche particella di Dio).

Peter Higgs
Peter Higgs.

È scomparso Peter Higgs, il “gigante della fisica”

Peter Higgs, 94 anni, che ha ricevuto il premio Nobel per la fisica nel 2013 per il suo lavoro nel 1964 che mostra come il bosone da lui ipotizzato aiuta a tenere insieme l’Universo dando alle particelle la loro massa, è morto lunedì 8 Aprile 2024 nella sua casa di Edimburgo.

Dopo una serie di esperimenti, intrapresi nel 2008, la sua teoria è stata dimostrata dai fisici che hanno lavorato al Large Hadron Collider del Cern in Svizzera nel 2012. Il premio Nobel è stato condiviso con François Englert, un fisico teorico belga il cui impegno nel 1964 ha contribuito direttamente alla scoperta.

Membro della Royal Society e Compagno d’Onore, Peter Higgs ha trascorso gran parte della sua vita professionale all’Università di Edimburgo, che ha fondato in suo onore l’Higgs Center for Theoretical Physics nel 2012.

Il Professor Peter Mathieson, Preside dell’Università, ha dichiarato: “Peter Higgs era un individuo straordinario, uno scienziato davvero dotato, la cui visione e immaginazione hanno arricchito la nostra conoscenza del mondo che ci circonda”.



Il suo lavoro pionieristico ha motivato migliaia di scienziati e la sua eredità continuerà a ispirarne molti altri per le generazioni a venire”.

Peter Higgs

La Professoressa Fabiola Gianotti, Ddirettrice generale del Cern ed ex leader dell’esperimento Atlas, che ha contribuito alla scoperta della particella Higgs nel 2012, ha dichiarato: “Oltre ai suoi eccezionali contributi alla fisica delle particelle, Peter era una persona molto speciale, un uomo di rara modestia, un grande insegnante e qualcuno che spiegava la fisica in modo molto semplice e profondo”.

A lui è legato un pezzo importante della storia e delle realizzazioni del Cern. Sono molto addolorato e mi mancherà moltissimo”.

La sera prima che fosse annunciata la scoperta della particella, Peter Higgs è stato  invitato a una piccola festa a casa di John Ellis, ex capo del dipartimento di teoria al Cern: “Un gigante della fisica delle particelle ci ha lasciato”, ha detto Ellis: “Senza la sua teoria, gli atomi non potrebbero esistere e la radioattività sarebbe una forza forte quanto l’elettricità e il magnetismo”.

La sua previsione dell’esistenza della particella che porta il suo nome è stata un’intuizione profonda, e la sua scoperta al Cern nel 2012 è stato un momento culminante che ha confermato la sua comprensione del modo in cui funziona l’Universo”.

Jon Butterworth, membro della collaborazione Atlas, ha affermato che Peter Higgs è “un eroe per la comunità della fisica delle particelle”.

“Anche se non gli è piaciuto molto, ha sentito la responsabilità di utilizzare il profilo pubblico che i suoi risultati gli hanno procurato per il bene della scienza, e lo ha fatto molte volte. La particella che porta il suo nome è forse l’esempio più sorprendente di come idee matematiche apparentemente astratte possano fare previsioni che si rivelano avere enormi conseguenze fisiche”.

L’importanza della scoperta della particella di Higgs

L’Accademia reale svedese delle scienze, che assegna il Nobel, ha affermato all’epoca che il modello standard della fisica su cui si fonda la comprensione scientifica dell’Universo: “Si basa sull’esistenza di un tipo speciale di particella: la particella di Higgs. Questa particella ha origine da un campo invisibile che riempie tutto lo spazio”.

Anche quando l’Universo sembra vuoto questo campo è lì. Senza di essa non esisteremmo, perché è dal contatto con il campo che le particelle acquisiscono massa. La teoria proposta da Englert e Peter Higgs descrive questo processo”.

Peter Higgs

Un uomo immensamente timido a cui non piacevano le storie, Higgs era uscito di casa per un pranzo tranquillo a base di zuppa e trota a Leith il giorno dell’annuncio, per essere fermato da un ex vicino che gli aveva dato la notizia mentre tornava a casa.

Nato a Newcastle upon Tyne, Peter Higgs lascia due figli, Chris e Jonny, sua nuora Suzanne e due nipoti. Sua moglie Jody, docente di linguistica dalla quale era separato, è deceduta nel 2008.

Che cos’è il bosone di Higgs?

Il bosone di Higgs è la particella portatrice di forza fondamentale del campo di Higgs, responsabile di conferire massa ad altre particelle.

Il bosone di Higgs ha una massa di 125 miliardi di elettronvolt, il che significa che, secondo il CERN,  è 130 volte più massiccio di un protone. È anche privo di carica e con spin pari a zero, l’equivalente quantomeccanico del momento angolare. Il bosone di Higgs è l’unica particella elementare priva di spin.

Un bosone è una particella “portatrice di forza” che entra in gioco quando le particelle interagiscono tra loro, con uno scambio di bosoni durante questa interazione. Ad esempio, quando due elettroni interagiscono, si scambiano un fotone, la particella che trasporta la forza dei campi elettromagnetici.

Peter Higgs

Poiché la teoria quantistica dei campi descrive il mondo microscopico e i campi quantistici che riempiono l’Universo con la meccanica ondulatoria, un bosone può anche essere descritto come un’onda in un campo.

Quindi un fotone è una particella e un’onda che nasce da un campo elettromagnetico eccitato e il bosone di Higgs è la particella o “manifestazione quantizzata” che nasce dal campo di Higgs quando eccitato. Quel campo genera massa attraverso la sua interazione con altre particelle e il meccanismo portato dal bosone di Higgs chiamato meccanismo Brout-Englert-Higgs.

Il soprannome del bosone di Higgs “la particella di Dio” si è consolidato dopo la sua scoperta, in particolare grazie ai media popolari. L’origine di questo è spesso collegata al fisico vincitore del premio Nobel Leon Lederman che si è riferito al bosone di Higgs come alla “dannata particella” rispetto quanto fosse difficile da rilevare.

2