Trovata una stella di neutroni nel nucleo dei resti di una giovane supernova

Il telescopio Webb ha rivelato l'esistenza di una stella di di neutroni nel cuore dei resti della supernova SN 1987A

2
160
Stella di neutroni

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha trovato la prova migliore finora dell’emissione di una nel sito di una supernova osservata di recente. La supernova, nota come SN 1987A, era una supernova a collasso del nucleo, il che significa che i resti compattati al suo nucleo formavano una stella di neutroni o un buco nero.

Stella di neutroni

Le stelle di neutroni si trovano in molti resti di supernova

La prova di un oggetto così compatto è stata cercata a lungo e, sebbene in precedenza siano state trovate prove indirette della presenza di una stella di neutroni, questa è la prima volta che vengono rilevati gli effetti dell’emissione ad alta energia della probabile giovane stella di neutroni.

Le supernove, gli esplosivi spasmi finali di alcune stelle massicce, esplodono in poche ore e la luminosità dell’esplosione raggiunge il picco in pochi mesi. I resti della stella in esplosione continueranno ad evolversi rapidamente nei decenni successivi, offrendo agli astronomi la rara opportunità di studiare un processo astronomico chiave in tempo reale.

La supernova SN 1987A si è verificata a 160.000 anni luce dalla Terra nella Grande Nube di Magellano ed è stata osservata per la prima volta sulla Terra nel febbraio 1987: la sua luminosità ha raggiunto il picco nel maggio dello stesso anno. Si è trattato della prima supernova visibile ad occhio nudo da quando fu osservata la Supernova di Keplero nel 1604.



Stella di neutroni

Circa due ore prima della prima osservazione in luce visibile di SN 1987A, tre osservatori in tutto il mondo hanno rilevato un’esplosione di neutrini durata solo pochi secondi. I due diversi tipi di osservazioni erano collegati allo stesso evento di supernova e hanno fornito prove importanti per informare la teoria su come avviene il collasso del nucleo delle supernovae.

Questa teoria includeva l’aspettativa che questo tipo di supernova formasse una stella di neutroni o un buco nero. Da allora gli astronomi hanno cercato prove dell’uno o dell’altro di questi oggetti compatti al centro del materiale residuo in espansione.

Negli ultimi anni sono state trovate prove indirette della presenza di una stella di neutroni e osservazioni di resti di supernova molto più antichi, come la Nebulosa del Granchio, hanno confermato che le stelle di neutroni si trovano in molti resti di supernova. Fino ad ora tutta la non era stata osservata alcuna prova diretta dell’esistenza di una stella di neutroni in seguito alla SN 1987A,o a qualsiasi altra recente esplosione di supernova.

Nell’esplosione della supernova si è formata una stella di neutroni

Claes Fransson dell’Università di Stoccolma, e autore principale di questo studio, ha spiegato: “Dai modelli teorici di SN 1987A, l’esplosione di neutrini di 10 secondi osservata appena prima della supernova ha implicato che nell’esplosione si fosse formata una stella di neutroni o un buco nero. Ma non abbiamo osservato alcuna impronta convincente di un oggetto così appena nato da alcuna esplosione di supernova. Con questo osservatorio, ora abbiamo trovato prove dirette dell’emissione innescata dal neonato oggetto compatto, molto probabilmente una stella di neutroni”.

Webb ha iniziato le osservazioni scientifiche nel luglio 2022 e le osservazioni Webb alla base di questo lavoro sono state effettuate il 16 luglio, rendendo il resto della SN 1987A uno dei primi oggetti osservati dal telescopio. Il team ha utilizzato la modalità spettrografo a media risoluzione (MRS) del MIRI (strumento per il medio infrarosso), che i membri dello stesso team hanno contribuito a sviluppare. L’MRS è un tipo di strumento noto come Integral Field Unit (IFU).

Stella di neutroni

Le IFU sono in grado di acquisire l’immagine di un oggetto e di acquisirne uno spettro allo stesso tempo. Un’IFU forma uno spettro in corrispondenza di ciascun pixel, consentendo agli osservatori di vedere le differenze spettroscopiche attraverso l’oggetto. L’analisi dello spostamento Doppler di ciascuno spettro consente anche la valutazione della velocità in ciascuna posizione.

L’analisi spettrale dei risultati ha mostrato un forte segnale dovuto all’argon ionizzato proveniente dal centro del materiale espulso che circonda il sito originale di SN 1987A. Osservazioni successive utilizzando l’IFU NIRSpec (Near-Infrared Spectrograph) a lunghezze d’onda più corte hanno trovato elementi chimici ancora più fortemente ionizzati, in particolare argon cinque volte ionizzato (ovvero atomi di argon che hanno perso cinque dei loro 18 elettroni). Tali ioni richiedono la formazione di fotoni altamente energetici, e quei fotoni devono provenire da qualche parte.

Per creare questi ioni che abbiamo osservato nei materiali espulsi, era chiaro che doveva esserci una fonte di radiazione ad alta energia al centro del resto della SN 1987A“, ha detto Fransson: “Nel documento discutiamo diverse possibilità, scoprendo che solo pochi scenari sono probabili, e tutti coinvolgono una stella di neutroni appena nata”.

2