8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeFisco e tasseSperanza per i cani affetti da tumore

Speranza per i cani affetti da tumore

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Una mattina di gennaio, il cane Dennis ha iniziato a zoppicare. Sollevava la zampa destra davanti al suo proprietario, Roger, per mostrare che c’era qualcosa che non andava. All’inizio Roger non era troppo preoccupato, poiché spesso capitava che Dennis calpestasse una spina o una roccia e poi zoppicava per alcuni giorni. Ma dopo una settimana, la zoppia non migliorava, quindi Roger si recò dal Dr. Tim Johnson della Johnson Veterinary Clinic.

Pensando che Dennis, 10 anni la prossima estate, potesse soffrire di artrite, Johnson ha prescritto alcuni farmaci antinfiammatori e antidolorifici. Però, anche se il farmaco sembrava aiutare un po’, Dennis continuava a zoppicare e a manifestare dolore in modo evidente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una radiografia è stata il passo successivo. Johnson avvertì Roger che la radiografia avrebbe potuto mostrare che il problema era un tumore alle ossa, una malattia generalmente fatale. 

Purtroppo, la radiografia raccontava proprio la storia che Roger non voleva sentire. L’osso sopra il piede destro di Dennis sembrava “mangiato dalle tarme” come lo descriveva Johnson. L’area era chiara in contrasto con l’osso denso che la circondava, un indicatore di cancro alle ossa.

Molto spesso, quando viene scoperto, il cancro alle ossa negli animali si è già diffuso agli organi ed è rapidamente fatale. In ogni caso, il trattamento abituale è l’amputazione seguita dalla chemioterapia. Johnson, però, consigliò di evitare l’amputazione per Dennis, dato che è un grosso cane da oltre 40 chili.

Alternative

Roger trascorse una settimana desolante guardando Dennis camminare sempre meno. Un giorno il cane smise di mangiare, cosà preoccupante perché poteva essere un segno della fine della vita. In realtà venne fuori che aveva una colite, un’infiammazione del colon, forse a causa di uno dei farmaci che stava prendendo. Roger parlò con Johnson che consigliò di interrompere il farmaco e gradualmente Dennis ricominciò a mangiare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il quadro migliorò la settimana successiva, quando Roger ebbe un primo consulto telefonico con la dottoressa Jeannette Kelly, DVM presso Veterinary Cancer Care a Santa Fe. La veterinaria gli comunicò che erano possibili alcuni trattamenti alternativi per il cancro alle ossa che sembravano promettenti. 

Alla domanda sull’approccio tipico al cancro alle ossa negli animali, l’Infermiera Veterinatry Cancer Care Senior Oncology and Operations Manager Megan Padget gli spiegò: “L’amputazione è ancora uno standard di cura. Sfortunatamente, questa non è un’opzione per tutti i pazienti per una serie di motivi, tra cui costo, peso del paziente, corporatura del paziente, posizione del cancro (ad esempio la gamba anteriore) e preoccupazioni del cliente. L’amputazione è efficace nel trattamento del dolore, perché rimuove il tumore che è la causa del dolore. Tuttavia, l’osteosarcoma ha un’alta probabilità di metastasi polmonari, quindi non significa necessariamente che hai sconfitto il cancro. Anche la chirurgia salva-ossa che rimuove parte dell’osso può essere efficace per alleviare il dolore, ma vediamo un’alta incidenza del sito chirurgico rottura che porta alla necessità di una gestione delle ferite, che può essere costoso nel tempo e provocare più dolore per l’animale“.

Visita veterinaria per la cura del cancro

Alla fine di febbraio, Dennis e Roger fecero un viaggio di due ore fino all’ufficio del Veterinary Cancer Care a Santa Fe. È un ambiente amichevole e privo di gabbie e diversi cani vagavano liberamente per le sale.

Il primo passo è stato eseguire un’altra radiografia per confermare la diagnosi e un’ecografia per vedere se il cancro si diffondeva negli organi del corpo. Il sangue è stato prelevato per verificare la presenza di squilibri e carenze vitaminiche. Prima di eseguire questo passaggio, il personale ha presentato il preventivo dei costi per l’approvazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’ecografia non ha mostrato segni che il cancro si fosse diffuso: un enorme sollievo. Dopo una discussione sulle opzioni, il personale ha proceduto con due trattamenti.

Il primo era lo zoledronato, che viene somministrato per via endovenosa. È un bifosfonato, un farmaco usato per prevenire la perdita di densità ossea.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo zoledronato estrae il calcio dal sangue e lo dirige verso l’osso“, spiegò Padget. “Questo aiuta a ricostruire l’osso che è stato distrutto dal cancro e ad alleviare il dolore osseo. Questa è una grande opzione di trattamento quando non si sceglie l’amputazione“.

L’altro trattamento era l’elettrochemioterapia, che è un modo per somministrare la chemioterapia in piccoli dosaggi utilizzando sonde elettriche. Rallenta la crescita del cancro e di solito fa sentire meglio l’area entro uno o due giorni. “L’elettrochemioterapia sta diventando più popolare negli Stati Uniti, ma è stata popolare in Europa per un po’. Fornisce un’alternativa più delicata ed economica alle radiazioni”, ha detto Padget.

I risultati

Con grande stupore e sollievo di Roger, già il giorno dopo Dennis stava meglio. Iniziò a mettere il peso sulla zampa destra ed a camminare di più per il cortile. Nel giro di pochi giorni, uomo e cane erano tornati a fare le loro escursioni regolari e sembrava Dennis soffrisse meno.

Dennis dovrà tornare circa una volta al mese alla Veterinary Cancer Care per monitorare i suoi progressi e continuare i trattamenti.

Integratori e cibo

Quando hanno lasciato la clinica, Roger ha portato a casa una varietà di integratori, tra cui polveri, pillole e liquidi che riducono il dolore, rallentano il cancro e supportano la salute generale.

C’era anche un volantino chiamato “Guida facile all’alimentazione canina“. Tra gli approcci consigliati ci sono la cucina casalinga o diete speciali per una migliore alimentazione. La distribuzione descrive il tipo di cibo di cui un cane ha bisogno quotidianamente, con il 75-88% di proteine ​​con carne di organi e il 10-20% della dieta con frutta e verdura con carboidrati a meno del 10%.

Un modo per avvicinarsi a questo tipo di alimentazione è ordinare pasti pronti. Ci sono ditte che offrono pasti crudi e cucinati delicatamente insieme a ossa e altri alimenti che forniscono carne non OGM di alta qualità, biologica quando possibile. Esiste una speciale dieta per il cancro cucinata delicatamente da un veterinario che include cinghiale, patate dolci, funghi, lino e altri ingredienti.

Alla domanda su quale sia più importante, trattamenti, integratori o cibo, Padget ha detto: “Ognuno ha un ruolo. I tumori ossei hanno un alto tasso di metastasi polmonari. Aneddoticamente, vediamo un tasso più lento di progressione ai polmoni quando usiamo metodi integrativi Mantenere il corpo dell’animale il più sano possibile, curando parti come il sistema immunitario, la pelle, i muscoli e il tratto gastrointestinale, li aiuta a combattere i tumori in modo più efficace“.

Articoli più letti