Soldati mercenari combatterono al fianco degli antichi greci a Himera

Sembra che i primi storici non abbiano tramandato l'intera storia della battaglia di Himera e le nuove scoperte potrebbero riscrivere parti di ciò che si conosce sulla storia militare greca

0
1181

Gli storici antichi amavano scrivere di guerre e battaglie famose. Mentre queste storie millenarie alimentano ancora l’immaginazione moderna, raramente ci sono prove fisiche che gli eventi che descrivono siano realmente accaduti.

Ma nel 2008 un team di archeologi italiani ha iniziato a scavare al di fuori delle antiche mura della città di Himera, una colonia greca sulla costa centro-settentrionale della Sicilia, in Italia. Nella necropoli occidentale, o cimitero, sono state trovate diverse fosse comuni risalenti all’inizio del V secolo aC.

Tutti gli individui nelle tombe erano maschi e molti avevano traumi violenti o persino armi conficcate nelle ossa.

mappa della Sicilia con un ritaglio che mostra il sito archeologico di Himera

Una pianta della città colonia greca di Himera, la sua posizione in Sicilia tra gli altri siti e all’interno del Mediterraneo più ampio. Le fosse comuni sono state trovate nella necropoli occidentale. Reinberger KL, Reitsema LJ, Kyle B, Vassallo S, Kamenov G, Krigbaum J (2021) Prove isotopiche per l’eterogeneità geografica nelle forze militari della Grecia antica. PLoS ONE 16 (5): e0248803.- CC BY

Le prove suggeriscono fortemente che questi uomini avrebbero potuto essere soldati che combatterono nel 480 a.C. e nel 409 a.C. nelle battaglie di Himera, di cui parlano gli antichi storici greci.

Un  team interdisciplinare di antropologi, archeologi  e geologi ha analizzato i denti di queste persone vissute più di 2.400 anni fa per capire chi fossero e da dove provenissero. Sembra che i primi storici non abbiano tramandato l’intera storia e le nuove scoperte potrebbero riscrivere parti di ciò che si conosce sulla storia militare greca.



Un’opportunità per verificare la storia antica

Erodoto e un altro storico, Diodoro Siculo, scrissero entrambi delle battaglie di Imera. Descrivono la prima battaglia nel 480 aC come una vittoria di un’alleanza di greci di tutta la Sicilia su un’invasione di forze cartaginesi provenienti dall’odierna Tunisia.

Tre generazioni dopo, la seconda battaglia nel 409 a.C. fu più caotica. Gli storici riferiscono che Cartagine assediò la città di Himera, che questa volta ebbe poca assistenza esterna.

Questi antichi racconti parlano di grandi generali, alleanze politiche e tattiche militari subdole.

La scoperta nel 21° secolo di quelli che sembravano i resti di soldati dell’epoca di queste due famose battaglie ha fornito una rara opportunità.

Una volta che i ricercatori italiani hanno svolto studi iniziali sui resti scheletrici di 132 individui, inclusa la stima della loro età alla morte e la ricerca di segni di malattia, il Bioarchaeology of the Mediterranean Colonies Project, co-diretto da Laurie Reitsema e Britney Kyle, ha raccolto campioni per l’analisi degli isotopi.

L’obiettivo era capire se i resti dei soldati raccontassero la stessa storia degli storici antichi. Le fonti storiche dicono che probabilmente erano tutti greci, con alcuni forse provenienti da altre città della Sicilia, come Siracusa o Agrigento. Da dove venivano davvero questi soldati?

I denti registrano la tua storia di origine

Fortunatamente, la chimica fornisce un modo per rispondere a questa domanda.

Luoghi diversi sulla Terra hanno rapporti caratteristici degli isotopi elementali nella loro terra e nell’acqua. Gli isotopi sono versioni di elementi che hanno il numero standard di protoni ma varie quantità di neutroni.

Il trucco è che mentre consumi questi isotopi caratteristici nel cibo e nelle bevande, il tuo corpo li assorbe nelle ossa e nei denti.

I ricercatori sanno che il tipo di stronzio nel tuo corpo riflette la geologia sottostante o il substrato roccioso in cui sono cresciute le piante e gli animali che hai mangiato. Gli isotopi dell’ossigeno provengono dalla tua fonte d’acqua. Questi elementi diventano una registrazione fisica delle tue origini.

Mentre le ossa sono in costante crescita e incorporano elementi del tuo ambiente per tutta la vita, lo smalto dei denti è come una capsula del tempo. Gli scienziati possono utilizzare questo strato esterno del dente per capire dove è cresciuto un individuo, perché si forma quando sei un bambino e non cambia nel tempo.

Gli isotopi di stronzio e ossigeno misurati su 62 degli individui sono stati incorporati nei denti dei soldati durante l’infanzia e conservati lì, anche dopo migliaia di anni nel terreno.

La combinazione di questi elementi ha permesso di determinare se questi soldati provenissero o meno da Himera confrontandoli con i campioni raccolti per creare un profilo isotopico locale per la città.

È interessante notare che, secondo le analisi, la maggior parte dei soldati della prima battaglia, nel 480 aC, non erano locali. Ricorda, quella era la battaglia che, secondo quanto riferito, aveva il sostegno di alleati da tutta la Sicilia.

Questi soldati avevano valori di stronzio troppo alti e valori di ossigeno bassi rispetto a quello che avrebbe dovuto avere un nativo di Himera per cui i ricercatori ritengono che provenissero da luoghi ancora più lontani di altre parti della Sicilia.

Sulla base dei rapporti isotopici elementari dei loro denti, i soldati probabilmente avevano origini geografiche diverse che andavano attraverso il Mediterraneo e probabilmente oltre.

D’altra parte, la maggior parte dei soldati della successiva battaglia nel 409 a.C. erano in realtà locali. Questa scoperta supporta le antiche fonti che dicevano che gli Himerani furono per lo più lasciati senza aiuto nel secondo combattimento, il che permise alle forze cartaginesi di sopraffarli.

Il ruolo sconosciuto dei mercenari stranieri ad Himera

Il caso dei soldati del 480 a.C. suggerisce che gli eserciti greci fossero più diversificati di quanto si pensasse in precedenza. questi risultati sfidano le interpretazioni precedenti basate su documenti storici secondo cui i soldati erano greci, omettendo la presenza di mercenari.

Gli storici moderni sanno che i soldati greci spesso servivano come soldati di carriera retribuiti, o mercenari, negli eserciti stranieri. Ma ci sono poche prove che soldati stranieri abbiano combattuto per gli eserciti greci.

Gli eserciti greci in quell’epoca erano per lo più i classici soldati opliti: soldati di fanteria pesantemente armati. Spesso combattevano in gruppi basati sulla città da cui provenivano, dove parte dell’essere cittadini significava prestare servizio militare quando necessario.

La grande variazione nei valori degli isotopi tra i soldati esaminati nello studio implica fortemente che potrebbero esserci stati soldati stranieri assoldati dalla parte greca. Assumere mercenari stranieri avrebbe potuto cambiare la composizione delle comunità nel periodo classico, forse fornendo agli estranei un percorso verso la cittadinanza non altrimenti disponibile.

Sebbene le popolazioni delle colonie greche fossero probabilmente diverse a causa delle interazioni con altri gruppi di persone, non tutti i residenti della colonia avrebbero potuto ottenere la cittadinanza.

La cittadinanza significava avere un ruolo nella vita politica ed era spesso riservata agli uomini più ricchi con eredità greca. Era raro che gli stranieri potessero entrare in questa posizione così stimata perché, tradizionalmente, era necessario essere greco.

La scoperta di forze mercenarie straniere non solo cambia la storia della prima battaglia di Himera, ma trasforma anche la nostra comprensione di chi aveva potere e privilegio in Sicilia durante il periodo classico.

2