13.7 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeEsplorazione SpazialeI satelliti Starlink di SpaceX stanno "bombardando" l'astronomia moderna

I satelliti Starlink di SpaceX stanno “bombardando” l’astronomia moderna

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Per anni, gli astronomi hanno avvertito che l’obiettivo di SpaceX di portare più di 10.000 satelliti Starlink nell’orbita bassa della Terra ingombrerebbe il cielo notturno. Ma ora stiamo finalmente ottenendo la parola scientifica sui cieli sempre più affollati.

In 22 mesi, i ricercatori del Palomar Observatory del Caltech hanno analizzato e catalogato più di 5.000 striature luminose attribuibili ai satelliti Starlink, secondo un recente studio pubblicato su The Astrophysical Journal Letters. E la cosa più preoccupante è stato il cambiamento testimoniato nelle immagini scattate al crepuscolo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando è iniziato lo studio, meno di una su 200 immagini scattate a quell’ora conteneva un satellite. A settembre 2021, il numero era quasi uno su cinque.

Ma i satelliti orbitali rappresentano davvero una minaccia per l’astronomia? Alcuni campi “potrebbero essere influenzati in modo più significativo dal numero crescente di striature satellitari”, ha affermato l’autore principale dello studio, il professor Przemek Mróz dell’Università di Varsavia.

Gli astronomi stanno “cominciando” a cogliere l’impatto dei satelliti Internet

Mentre la scienza alla ZTF probabilmente non sarà influenzata dai satelliti, Mróz ha indicato un recente rapporto, finanziato in parte dalla National Science Foundation, che dipinge un quadro diverso per altri tipi di astronomia. Gli autori hanno scoperto che “le grandi costellazioni esistenti e pianificate di satelliti luminosi nell’orbita terrestre bassa, cambieranno radicalmente l’osservazione astronomica alle lunghezze d’onda ottiche e del vicino infrarosso”. Il CEO di Starlink Elon Musk ha negato tali affermazioni.

Chiaramente, i satelliti in orbita bassa sono già protagonisti di molte immagini scattate da telescopi terrestri, ma è troppo presto per dire come le enormi costellazioni pianificate da aziende, tra cui Starlink, Kuiper e Telesat, influenzeranno il cielo notturno. Come scrivono gli autori del rapporto NSF, “gli astronomi stanno appena iniziando a comprendere l’intera gamma di impatti sulla disciplina”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti