Quanti buchi neri ci sono nell’universo?

Quanti buchi neri ci sono nell’Universo? Questa è una delle domande più importanti e urgenti nell’astrofisica e nella cosmologia moderne.

L’intrigante questione è stata recentemente affrontata dal Dottorato di Ricerca della SISSA, studente Alex Sicilia, supervisionato dal Prof. Andrea Lapi e dal Dr. Lumen Boco, insieme ad altri collaboratori della SISSA e di altre istituzioni nazionali e internazionali.

Nel primo articolo di una serie appena pubblicata su The Astrophysical Journal, gli autori hanno studiato i dati demografici dei buchi neri di massa stellare, che sono buchi neri con masse comprese tra poche e alcune centinaia di masse solari, che si sono originati alla fine della vita di stelle massicce.

Secondo la nuova ricerca, una quantità notevole, circa l’1% della materia ordinaria (barionica) complessiva dell’Universo è rinchiusa in buchi neri di massa stellare. Sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che il numero di buchi neri all’interno dell’Universo osservabile (una sfera di diametro di circa 90 miliardi di anni luce), è attualmente di circa 40 miliardi di miliardi (cioè, circa 40 x 10 18, cioè 4 seguiti da 19 zeri!) 40.000.000.000.000.000.000.

Un nuovo metodo per calcolare il numero di buchi neri

Come spiegano gli autori della ricerca: “Questo importante risultato è stato ottenuto grazie a un approccio originale che combina lo stato dell’arte del codice di evoluzione stellare e binaria SEVN, sviluppato dal ricercatore della SISSA Dr. Mario Spera a prescrizioni empiriche per rilevanti proprietà delle galassie, in particolare il tasso di formazione stellare, la quantità di massa stellare e la metallicità del mezzo interstellare (che sono tutti elementi importanti per definire il numero e le masse dei buchi neri stellari)”.

Sfruttando questi ingredienti cruciali in un approccio auto-coerente, grazie al loro nuovo approccio computazionale, i ricercatori hanno quindi derivato il numero di buchi neri stellari e la loro distribuzione di massa nell’intera storia dell’Universo.

Alex Sicilia, primo autore dello studio, ha commentato: “Il carattere innovativo di questo lavoro sta nell’accoppiamento di un modello dettagliato dell’evoluzione stellare e binaria con ricette avanzate per la formazione stellare e l’arricchimento di metalli nelle singole galassie. Questo è uno dei primi, e uno dei più robusti calcoli della funzione di massa del buco nero stellare nella storia cosmica”.

Qual è l’origine dei buchi neri stellari più massicci?

La stima del numero di buchi neri nell’Universo osservabile non è l’unico problema indagato dagli scienziati in questo pezzo di ricerca. In collaborazione con il Dr. Ugo Di Carlo e la Prof. Michela Mapelli dell’Università di Padova, hanno anche esplorato i vari canali di formazione di buchi neri di diverse masse, come stelle isolate, sistemi binari e ammassi stellari.

Secondo il loro lavoro, i buchi neri stellari più massicci provengono principalmente da eventi dinamici negli ammassi stellari. In particolare, i ricercatori hanno dimostrato che tali eventi sono necessari per spiegare la funzione di massa dei buchi neri coalescenti stimata dalle osservazioni delle onde gravitazionali dalla collaborazione LIGO /Virgo.

Lumen Boco, coautore dell’articolo, commenta: “Il nostro lavoro fornisce una solida teoria per la generazione di semi di luce per buchi neri supermassicci ad alto redshift e può costituire un punto di partenza per indagare sull’origine dei “semi pesanti”

Un lavoro multidisciplinare svolto nell’ambito di “BiD4BESt – Big Data Application for Black Hole Evolution Studies” del Prof. Andrea Lapi, relatore siciliano e coordinatore del dottorato di ricerca in Astrofisica e Cosmologia alla SISSA, aggiunge: “Questa ricerca è davvero multidisciplinare, copre aspetti e richiede competenze in astrofisica stellare, formazione ed evoluzione di galassie, onde gravitazionali e astrofisica multi-messaggera; come tale ha bisogno degli sforzi collaborativi di vari membri del gruppo di astrofisica e cosmologia della SISSA e di un forte networking con collaboratori esterni”.

Il lavoro di Alex Sicilia si colloca nell’ambito di un prestigioso Progetto Innovative Training Network “BiD4BESt – Big Data Application for Black Hole Evolution Studies” co-PIed dal Prof. Andrea Lapi della SISSA (H2020-MSCAITN-2019 Project 860744), che è stato finanziato dall’Unione Europea con circa 3,5 milioni di euro complessivi; coinvolge diversi partner accademici e industriali, per fornire dottorato di ricerca e formazione a 13 ricercatori in fase iniziale nell’area della formazione e dell’evoluzione dei buchi neri, sfruttando tecniche avanzate di data science.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Articoli correlati

Popular Categories