16.1 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeGeologiaVaste chiazze di roccia di vetro causate dall'impatto di un'antica cometa

Vaste chiazze di roccia di vetro causate dall’impatto di un’antica cometa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Circa 12.000 anni fa, qualcosa ha bruciato una vasta area del deserto di Atacama in Cile, con un calore così intenso da trasformare il suolo sabbioso in ampie lastre di vetro ai silicati. Ora, un gruppo di ricerca che studia la distribuzione e la composizione di quei vetri è giunto ad una conclusione su cosa abbia causato l’inferno.

In uno studio pubblicato sulla rivista Geology, i ricercatori mostrano che i campioni di vetro del deserto contengono minuscoli frammenti di minerali spesso trovati in rocce di origine extraterrestre. Quei minerali corrispondono da vicino alla composizione del materiale restituito alla Terra dalla missione Stardust della NASA, che ha campionato le particelle di una cometa chiamata Wild 2.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team è giunto alla conclusione che quegli assemblaggi di minerali sono probabilmente i resti di un oggetto extraterrestre, molto probabilmente una cometa, sminuzzatasi in innumerevoli frammenti dopo l’esplosione generata dall’impatto che ha sciolto la superficie sabbiosa sottostante.

“Questa è la prima volta che abbiamo prove evidenti di vetri sulla Terra che sono stati creati dalla radiazione termica e dai venti di una palla di fuoco che esplode appena sopra la superficie”, ha detto Pete Schultz, professore emerito del Dipartimento di Terra, Ambiente e Planetario della Brown University. “Per avere un effetto così drammatico su un’area così vasta, questa è stata un’esplosione davvero enorme. Molti di noi hanno visto bolidi di fuoco sfrecciare nel cielo, ma quelli sono piccoli puntini in confronto a questo”.

I vetri sono concentrati in zone del deserto di Atacama a est della Pampa del Tamarugal, un altopiano nel nord del Cile incastonato tra le Ande a est e la catena costiera cilena a ovest. I campi di vetro verde scuro o nero si trovano all’interno di un corridoio che si estende per circa 75 chilometri. Non ci sono prove che i vetri possano essere stati creati dall’attività vulcanica, dice Schultz, quindi la loro origine è rimasta un mistero.

Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che il vetro fosse il risultato di antichi incendi di erba, poiché la regione non è stata sempre deserta. Durante l’epoca del Pleistocene, c’erano oasi con alberi e zone umide erbose create da fiumi che si estendevano dalle montagne a est, ed è stato suggerito che incendi diffusi potrebbero aver bruciato abbastanza da fondere il terreno sabbioso in grandi lastre di vetro.

Depositi di vetro silicato scuro sono sparsi lungo un corridoio di 75 chilometri nel deserto di Atacama, nel nord del Cile. Una nuova ricerca mostra che quei vetri sono stati probabilmente formati dal calore di un'antica cometa che esplose sopra la superficie
Depositi di vetro silicato scuro sono sparsi lungo un corridoio di 75 chilometri nel deserto di Atacama, nel nord del Cile. Una nuova ricerca mostra che quei vetri sono stati probabilmente formati dal calore di un’antica cometa che esplose sopra la superficie

Ma la quantità di vetro presente insieme a diverse caratteristiche fisiche chiave rendono i semplici incendi un meccanismo di formazione impossibile, secondo la nuova ricerca. I vetri mostrano prove di essere stati attorcigliati, piegati, arrotolati e persino lanciati mentre erano ancora allo stato fuso. Ciò è coerente con una grande meteora in arrivo e un’esplosione aerea, che sarebbe stata accompagnata da venti di forza di tornado. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’analisi ha trovato minerali chiamati zirconi che si erano decomposti termicamente per formare baddeleyite. Quella transizione minerale avviene in genere a temperature superiori a 3000 gradi Fahrenheit, molto più calde di quelle che potrebbero essere generate dagli incendi di erba, sostiene Schultz.

L’analisi ha anche rivelato assemblaggi di minerali esotici trovati solo in meteoriti e altre rocce extraterrestri, dicono i ricercatori. Minerali specifici come cubanite, troilite e inclusioni ricche di calcio-alluminio corrispondevano alle firme minerali dei campioni di comete recuperati dalla missione Stardust della NASA.

“Quei minerali sono ciò che ci dicono che questo oggetto ha tutti i segni di una cometa”, ha affermato Scott Harris, geologo planetario presso il Fernbank Science Center e coautore dello studio. “Avere la stessa mineralogia che abbiamo visto nei campioni di Stardust trascinati in questi occhiali è una prova davvero potente che ciò che stiamo vedendo è il risultato di un’esplosione di aria cometaria”.

“È necessario fare più lavoro per stabilire l’età esatta del vetro, che determinerebbe esattamente quando si è verificato l’evento”, ha affermato Schultz. “Ma la datazione provvisoria mette l’impatto intorno al tempo in cui i grandi mammiferi sono scomparsi dalla regione”.

Schultz, insieme ai ricercatori del Fernbank Science Center in Georgia, dell’Universidad Santo Tomás del Cile e del Servizio geologico e minerario cileno, hanno eseguito un’analisi chimica dettagliata di dozzine di campioni prelevati da depositi di vetro in tutta la regione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
1 / 1L'analisi dei campioni di vetro ha rivelato una mineralogia coerente con un'origine cometaria.
1 / 1L’analisi dei campioni di vetro ha rivelato una mineralogia coerente con un’origine cometaria.

“È troppo presto per dire se c’è stata una connessione causale o meno, ma quello che possiamo dire è che questo evento è accaduto più o meno nello stesso periodo in cui pensiamo che la megafauna sia scomparsa, il che è intrigante”, ha affermato. “C’è anche la possibilità che questo sia stato effettivamente testimoniato dai primi abitanti, appena arrivati ​​nella regione. Sarebbe stato uno spettacolo”.

Schultz e il suo team sperano che ulteriori ricerche possano aiutare a limitare i tempi e far luce sulle dimensioni del dispositivo di simulazione. Per ora, spera che questo studio possa aiutare i ricercatori a identificare siti di esplosione simili altrove e rivelare il potenziale rischio rappresentato da tali eventi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Potrebbero esserci molte di queste cicatrici da esplosione là fuori, ma fino ad ora non abbiamo avuto prove sufficienti per farci credere che fossero veramente legate agli eventi di esplosione aerea”, ha detto Schultz“Penso che questo sito fornisca un modello per aiutare a perfezionare i nostri modelli di impatto e aiuterà a identificare siti simili altrove”.

Altri autori dello studio sono stati Sebastian Perroud, Nicolas Blanco e Andrew Tomlinson.

Articoli più letti