Il monte Erebus erutta polvere d’oro

Gli scienziati hanno scoperto che le raffiche di gas del monte Erebus sono cariche di minuscoli cristalli di oro metallico, non più grandi di 20 micrometri. Si stima che nel corso di una sola giornata il vulcano erutta circa 80 grammi d'oro, per un valore di circa 6.000 dollari

0
727
monte Erebus

Il monte Erebus, il più grande vulcano attivo dell’Antartide, ed è stato scoperto il 27 gennaio 1841 dalla spedizione guidata da Sir James Clark Ross che ha chiamato così il vulcano in onore della sua nave Erebus. Una montagna vicina, un vulcano inattivo, è stata ribattezzata Monte Terror in onore della sua nave da compagnia, comandata dal capitano Francis Crozier.

monte Erebus

Il Monte Erebus

Il Monte Erebus è il vulcano attivo della zona meridionale del pianeta. Ha cominciato a formarsi circa 1,3 milioni di anni fa e ora si trova a 3794,1504 metri sopra il livello del mare. I suoi pendii sono coperti di neve e ghiaccio, ghiacciai, crepacci e occasionali colate di lava, ma il vapore di solito si alza dalla sua sommità, tradendo il calore interno.

monte Erebus

Nonostante la sua posizione remota e il clima selvaggio (la temperatura media è di meno 4° F in estate e di meno 58° F in inverno), il monte Erebus è un vulcano molto studiato. Dal 1972 un team di vulcanologi, a lungo guidato da Philip Kyle, Professore di geochimica presso l’Istituto di estrazione mineraria e tecnologia del New Mexico, ha trascorso parte di ogni estate australe sulla montagna indagando su questioni quali la natura e la frequenza delle sue eruzioni, il tipi di gas che emette e l’età delle sue rocce.



Sul monte Erebus la maggior parte delle forme di vita sono microscopiche. Le principali eccezioni sono alcuni muschi e cianobatteri, batteri che, come le piante, trasformano la luce solare in energia e che possono crescere in colonie abbastanza grandi da poter essere viste.

I vulcani dell’Antartide

Ci sono dozzine di vulcani in Antartide, la maggior parte dei quali si trova nell’Antartide occidentale e nella Terra di Marie Byrd. Uno studio del 2017 ha identificato 138 vulcani solo in questa parte del continente. Mentre la maggior parte di questi sono dormienti, otto o nove vulcani antartici sono considerati attivi.

monte Erebus

Nella storia recente sono stati visti eruttare solo tre vulcani, anche se in un lontano passato la storia era diversa. Alcune ricerche hanno raccolto carote di ghiaccio provenienti dall’Antartide che suggeriscono che il continente sia stato devastato da gigantesche eruzioni vulcaniche durante l’ultima era glaciale, molte delle quali sono state più grandi di qualsiasi eruzione avvenuta nella storia moderna.

Uno dei vulcani più feroci del continente è appunto il Monte Erebus. Se si osservano attentamente le immagini satellitari di questo gigante geologico, si noteranno lievi sfumature rosse nel suo cratere sommitale. Sorprendentemente, questo è un lago di lava rovente che ribolle almeno dal 1972.

Il monte Erebus emette regolarmente pennacchi di gas e vapore. In passato, periodi di attività vulcanica, è noto che abbia espulso massi di roccia parzialmente fusa noti come “bombe vulcaniche”.

Il monte Erebus erutta minuscoli cristalli di oro

La cosa più strana è che gli scienziati hanno scoperto che le sue raffiche di gas sono cariche di minuscoli cristalli di oro metallico, non più grandi di 20 micrometri. Si stima che nel corso di una sola giornata il monte Erebus erutta circa 80 grammi d’oro, per un valore di circa 6.000 dollari.

La polvere d’oro viaggia in lungo e in largo. I ricercatori antartici hanno rilevato tracce dell’oro nell’aria ambiente fino a 1.000 chilometri dal vulcano.

monte Erebus

Il vulcano è forse più noto, tuttavia, per il disastro del Monte Erebus. Il 28 novembre 1979, il volo Air New Zealand 901 si è schiantato frontalmente contro il fianco del vulcano, uccidendo tutte le 257 persone a bordo.

Si ritiene invece che il responsabile dello schianto sia stato un “whiteout”. Il monte Erebus coperto di ghiaccio è stato effettivamente reso invisibile dalla luce piatta, che ha reso impossibile vedere sullo sfondo del terreno ghiacciato e del cielo coperto.

Il pilota non è stato in grado di valutare il senso della distanza e ha pensato che il bianco visto davanti alla cabina di pilotaggio fosse ghiaccio e neve nel paesaggio sottostante, non la parete di una montagna. Dopo diverse cause legali costose e numerose controversie, Air New Zealand ha interrotto i suoi sorvoli turistici dell’Antartide.

2