Foto dell’iceberg del Titanic: dal 1912 un pezzo di storia

Uno scatto nel tempo, con la storia nascosta dietro l’iceberg del Titanic

0
215
Foto dell'iceberg del Titanic

Nel profondo abisso della storia marittima, poche tragedie hanno catturato l’immaginazione collettiva come l’affondamento del RMS Titanic, e tra le onde di racconti e memorabilia, una foto dell’iceberg del Titanic emerge come un silenzioso testimone di quella notte fatidica. Scattata due giorni dopo il disastro, questa immagine potrebbe aver catturato l’iceberg che segnò il destino del Titanic.

Foto dell'iceberg del Titanic

La foto dell’iceberg del Titanic, opera dell’impresario di pompe funebri John Snow Jr., non è solo un pezzo di carta impresso, è una finestra sul passato, un frammento di storia che connette l’osservatore con gli eventi di 112 anni fa, il 14 aprile, quando il Titanic affondò a 640 chilometri (400 miglia) al largo di Terranova, in Canada, e dove 1.500 persone (su oltre 2.200 passeggeri) morirono, chi per annegamento e chi per ipotermia da immersione.

John Snow Jr. era il capo imbalsamatore dell’agenzia di pompe funebri John Snow & Co, e fu convocato sul relitto del Titanic per aiutare a raccogliere alcuni, ma non tutti, i corpi per la sepoltura.

John Snow Jr. e la nave teleferica Mackay-Bennett furono protagonisti di una missione di recupero senza precedenti, questo in quanto a bordo c’erano 100 bare in cui collocare i corpi e 100 tonnellate di ghiaccio per preservare quelli e altri corpi. Valutando la scena, l’equipaggio si rese presto conto che c’erano molti più corpi di quanto si aspettassero e che sarebbe stata necessaria una seconda barca per aiutare a recuperare le vittime.



In totale, l’equipaggio della CS Mackay-Bennett recuperò 306 corpi dall’acqua, ed il sistema di classi in vigore a bordo del Titanic veniva utilizzato per decidere chi sarebbe stato riportato indietro per la sepoltura e chi sarebbe stato sepolto in mare.

“Le decisioni su quali corpi seppellire in mare venivano prese in gran parte in base alla classe economica percepita delle vittime recuperate, e quelli con biglietti di terza classe avevano molte più probabilità di essere rimessi in acqua”

spiega l’assistente professore di sociologia urbana all’Università Erasmus di Rotterdam, Jess Bier.

L’enigma dietro la foto dell’iceberg del Titanic

La foto dell’iceberg del Titanic (per precisione, dell’Iceberg che lo fece calare a picco), che come già detto venne scattata da John Snow Jr., potrebbe essere stata scattata durante questo viaggio di recupero.

Nessuno può dire con certezza che questo sia stato l’iceberg che affondò il Titanic, ma quello che possiamo dire è che dopo la nave di salvataggio Carpathia, la Mackay-Bennett fu una delle prime navi a raggiungere il luogo del relitto e che l’impresario di pompe funebri a bordo decise di scattare una foto di questo iceberg”

ha detto al Mirror il banditore Andrew Aldridge della Henry Aldridge & Son Auctioneers.

Nonostante ciò, la foto dell’iceberg del Titanic, intitolata per l’appunto “Titanic,” è stata montata per i posteri ed ha un valore storico immenso, per di più non è mai stata venduta prima ed è stata acquistata direttamente dalla famiglia del signor Snow negli anni ’90; essendo una fotografia estremamente rara, se non l’unica foto dell’iceberg del Titanic, si prevede che verrà venduta a circa 4.000-7.000 sterline (5.000-8.700 dollari).

Questo scatto non è solo una foto dell’iceberg del Titanic, ma un frammento tangibile di una tragedia epocale, che continua a parlare attraverso i secoli, ricordandoci delle vite perse e delle lezioni apprese dal Titanic.

Il simbolismo dell’iceberg

L’iceberg che ha affondato il Titanic è diventato un simbolo potente delle forze inaspettate che possono alterare il corso della storia umana, con questa immagine ghiacciata che rappresenta la natura imprevedibile e spesso indifferente del mondo naturale, che può sconvolgere le opere più sicure e maestose dell’uomo.

Nel corso degli anni, l’iceberg è stato interpretato in vari modi: come monito contro la superbia umana, come metafora della vita e della morte, e come simbolo della fragilità della vita umana, e certamente la foto dell’iceberg del Titanic non fa altro che rincalzare queste tesi.

Foto dell'iceberg del Titanic

Nel 1912, la tecnologia marittima era avanzata, ma non abbastanza per prevenire la tragedia del Titanic, questo in quanto gli strumenti di navigazione e comunicazione dell’epoca avevano limitazioni significative. Ad esempio, il Titanic era dotato di un radiotelegrafo, ma non era in uso continuo, inoltre non c’erano sufficienti binocoli per gli osservatori, e il sistema di avvistamento degli iceberg dipendeva fortemente dalla vista umana, che in quella notte fatale fu ingannata dalle condizioni atmosferiche insolite.

L’affondamento del Titanic provocò una reazione globale che portò a cambiamenti significativi nelle leggi e nelle normative marittime, e le indagini che seguirono evidenziarono la necessità di migliorare la sicurezza in mare, di conseguenza, furono introdotte nuove regole, come la richiesta che le navi avessero abbastanza scialuppe di salvataggio per tutti i passeggeri e l’istituzione del pattugliamento degli iceberg nell’Atlantico Nord.

Il Titanic è diventato un’icona nella cultura popolare, rappresentato in numerosi film, libri e mostre, queste rappresentazioni hanno plasmato la nostra comprensione dell’evento, trasformandolo da una semplice tragedia marittima a una storia di eroismo, sacrificio e amore. Il film del 1997, “Titanic”, di James Cameron, è forse l’esempio più noto di come il disastro sia stato immortalato nell’immaginario collettivo.

Mentre le storie dei passeggeri di prima classe sono ben documentate, come sappiamo anche da chi ha scattato la foto dell’iceberg del Titanic, ci sono molte storie meno conosciute di passeggeri di seconda e terza classe e dell’equipaggio.

Queste storie offrono una prospettiva più completa dell’impatto umano del disastro e meritano di essere raccontate, in quanto esse ci ricordano che ogni persona a bordo aveva una storia, sogni e speranze che furono interrotti quella notte.

Foto dell'iceberg del Titanic

La foto dell’iceberg del Titanic scattata da John Snow Jr. è un artefatto culturale che trascende il suo valore come documento storico, essa rappresenta un punto di connessione tra il presente e il passato, permettendoci di riflettere sugli eventi storici in un modo più personale e emotivo.

La foto dell’iceberg del Titanic ci invita a considerare non solo la tragedia del Titanic, ma anche il più ampio contesto storico e culturale in cui si è verificato.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2