17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeArcheologia e StoriaGrande Piramide di Giza: scansione ai muoni per esplorarla

Grande Piramide di Giza: scansione ai muoni per esplorarla

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Scienziati e ingegneri studiano da anni i misteri delle piramidi d’Egitto. Ma una cosa ancora li sfugge: cosa c’è dentro i due ambienti vuoti della Grande Piramide di Giza?

Scansioni passate hanno mostrato due ambienti vuoti nell’antica struttura: uno situato appena sopra la grande galleria della piramide che misura circa 30 metri di lunghezza e 6 metri di altezza e un vuoto molto più piccolo, appena oltre la parete nord della struttura.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ora, un team del Fermi National Accelerator Laboratory sta pianificando di intraprendere una scansione ai muoni della Grande Piramide per scoprire in modo specifico cosa si trova in questi due vuoti, secondo un documento pubblicato dagli scienziati il ​​mese scorso.

Una scansione ai muoni

Questa scansione avanzata si basa sull’uso dei muoni, la particella elementare che si crea quando i raggi cosmici colpiscono gli atomi nell’atmosfera terrestre. Queste particelle sono centinaia di volte più grandi degli elettroni e, di conseguenza, reagiscono in modo diverso alla pietra o alla materia densa.

In più occasioni, gli scienziati hanno utilizzato rivelatori sensibili per scansionare il contenuto delle strutture, e grazie a questo processo, sono riusciti mappare gli spazi vuoti di Giza.

Questa tecnologia è stata già utilizzata in precedenza, ma il team del Fermi National Accelerator Laboratory sta pianificando di utilizzarne una versione potenziata per ottenere risultati ancora migliori.

“Abbiamo in programma di mettere in campo un sistema di scansione che abbia una sensibilità fino a 100 volte superiore all’attrezzatura che è stata utilizzata in precedenza sulla Grande Piramide“, hanno scritto gli scienziati nel loro articolo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Telescopi all’esterno della Grande Piramide

Ma la loro missione non è priva di ostacoli.

“Poiché i rivelatori proposti sono molto grandi, non possono essere collocati all’interno della piramide, quindi il nostro approccio è metterli all’esterno e spostarli lungo la base. In questo modo possiamo raccogliere muoni da tutte le angolazioni in modo da accumulare il set di dati richiesto”, ha scritto il team nel documento.

“L’uso di rilevatori per muoni molto grandi posti all’esterno della Grande Piramide può produrre immagini a risoluzione molto più elevata grazie alla possibilità di rilevare un gran numero di muoni“, hanno concluso.

Cosa si potrebbe scoprire in questa grande struttura antica? Solo il tempo lo dirà.

La Grande Piramide di Giza è la più grande piramide mai costruita nell’antico Egitto ed è l’unica meraviglia sopravvissuta del mondo antico. Fu costruita per il faraone Cheope durante il suo regno che durò dal 2551 a.C. al 2528 a.C.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le piramidi dell’altopiano di Giza hanno affascinato i visitatori sin dai tempi antichi e sono l’ultima delle Sette Meraviglie del mondo antico ancora in piedi. È passato mezzo secolo da quando Luiz Alvarez e il suo team hanno utilizzato l’imaging dei muoni a raggi cosmici per cercare camere nascoste nella Piramide di Chefren.

I progressi nella strumentazione per la fisica delle alte energie (HEP) hanno consentito a una nuova indagine, ScanPyramids, di fare nuove importanti scoperte presso la Grande Piramide (Khufu) utilizzando la stessa tecnica di base utilizzata dal team di Alvarez, ma ora con una strumentazione moderna. La missione Exploring the Great Pyramid prevede di mettere in campo un sistema di telescopio a muoni molto grande che sarà trasformativo rispetto al campo dell’imaging dei muoni di raggi cosmici.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti