Perseverance ci dice di più su un antico lago marziano

Perseverance ha completato la sua esplorazione nell'antico delta di un fiume che conserva le prove della presenza di un lago nel cratere Jezero

0
172
Perseverance ci dice di più su un antico lago marziano

In occasione del suo millesimo giorno marziano sul Pianeta Rosso, il rover Perseverance della NASA ha recentemente completato la sua esplorazione dell’antico delta del fiume che conserva le prove di un lago che riempiva il cratere Jezero miliardi di anni fa.

Lo scienziato a sei ruote ha raccolto finora un totale di 23 campioni, rivelando così la storia geologica di questa regione di Marte. Un campione chiamato “Lefroy Bay” contiene una grande quantità di silice a grana fine, un materiale noto per preservare antichi fossili sulla Terra. Un altro, chiamato “Otis Peak“, contiene una quantità significativa di fosfato, che è spesso associato alla vita come la conosciamo.

Entrambi questi campioni sono anche ricchi di carbonato, che può conservare una traccia delle condizioni ambientali da quando si è formata la roccia. Le scoperte sono state condivise martedì 12 dicembre alla riunione autunnale dell’American Geophysical Union a San Francisco.

Il ricercatore di Perseverance: “Perché abbiamo scelto Jezero”

Ken Farley è lo scienziato del Caltech facente parte del progetto Perseverance. L’esperto ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Phys.org: “Abbiamo scelto il cratere Jezero come sito di atterraggio perché le immagini orbitali mostravano un delta: una chiara prova che un grande lago un tempo riempiva il cratere. Un lago è un ambiente potenzialmente abitabile e le rocce del delta sono un ottimo ambiente per seppellire segni di vita antica come fossili nella documentazione geologica. Dopo un’esplorazione approfondita, abbiamo ricostruito la storia geologica del cratere, tracciando la fase lacustre e fluviale dall’inizio alla fine”.

La formazione del cratere

Il cratere Jezero si è formato dall’impatto di un asteroide quasi 4 miliardi di anni fa. Dopo l’atterraggio di Perseverance, nel febbraio 2021, il team della missione ha scoperto che il fondo del cratere è costituito da roccia ignea formata dal magma sotterraneo o da attività vulcanica in superficie. Da allora hanno trovato arenaria e fango, segnalando l’arrivo del primo fiume nel cratere centinaia di milioni di anni dopo.

Sopra queste rocce ci sono pietre fangose ​​ricche di sale, che segnalano la presenza di un lago poco profondo in fase di evaporazione. Il team ritiene che alla fine il lago sia cresciuto fino a raggiungere un diametro di 35 chilometri e una profondità di 30 metri. Successivamente, l’acqua che scorreva velocemente trasportava massi dall’esterno di Jezero, distribuendoli in cima al delta e altrove nel cratere.



La storia di Jezero

Libby Ives è ricercatrice post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory nella Nasa del sud. L’esperto ha dichiarato: “Siamo stati in grado di vedere un quadro generale di questi capitoli della storia di Jezero nelle immagini orbitali, ma è stato necessario avvicinarsi a Perseverance per comprendere davvero la sequenza temporale in dettaglio”.

I campioni raccolti

I campioni raccolti da Perseverance sono grandi quanto un pezzo di gesso in classe e sono conservati in speciali tubi metallici come parte della campagna Mars Sample Return, uno sforzo congiunto della NASA e dell’ESA (Agenzia spaziale europea). Portare i tubi sulla Terra consentirebbe agli scienziati di studiare i campioni con potenti apparecchiature di laboratorio troppo grandi per essere portate su Marte.

L’obiettivo Bills Bay

In un obiettivo che il team chiama “Bills Bay”, PIXL ha individuato carbonati, minerali che si formano in ambienti acquosi con condizioni che potrebbero essere favorevoli alla conservazione delle molecole organiche (e molecole organiche si formano attraverso processi sia geologici che biologici). Queste rocce erano anche ricche di silice, un materiale eccellente nel preservare le molecole organiche, comprese quelle legate alla vita.

Gli strumenti di Perseverance sono in grado di rilevare sia strutture microscopiche, simili a fossili, sia cambiamenti chimici che potrebbero essere stati lasciati da antichi microbi, ma non hanno ancora trovato prove per nessuno dei due. In un altro bersaglio esaminato da PIXL, chiamato “Ouzel Falls“, lo strumento ha rilevato la presenza di ferro associato al fosfato. Il fosfato è un componente del DNA e delle membrane cellulari di tutta la vita terrestre conosciuta e fa parte di una molecola che aiuta le cellule a trasportare energia.

2