15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeCucinaLa pasta: secca o fresca, ogni regione ha le sue tradizioni

La pasta: secca o fresca, ogni regione ha le sue tradizioni

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

In fatto di pasta l’Italia è al primo posto nel vantare innumerevoli specialità: infatti, ogni regione ha sviluppato nel tempo una propria tradizione, sia fresca che secca. Ad esempio, con i celebri tortellini, le lasagne, cappelletti, garganelli o le tagliatelle (perfette con il ragù alla bolognese), all’Emilia Romagna va la palma di “patria della pasta ripiena”.

I diversi formati di pasta regionale

In Campania gli scialatielli, le mafalde e i paccheri; in Lazio i bucatini (ottimi con il classico sugo all’amatriciana); in Liguria in particolar modo di trofie, oltre ad altre specialità regionali come i pansotti e le trenette, che tutti conoscono abbinate con il classico pesto alla genovese.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In Puglia abbiamo le orecchiette, le sagne leccesi e gli strascinati baresi; in Sardegna i malloreddus, culurjones, chiusoni, filindeu; in Lombardia pizzoccheri, casoncei, tortelli e gnocchi.

In Piemonte tajarin e agnolotti del plin; in Veneto casonsei e bigoli; Marche pappardelle e vincisgrassi; Toscana matuffi, pici e pappardelle; Abruzzo strozzapreti, tacconi e spaghetti alla chitarra; in Calabria cannarozzi e ferrazzuoli; Sicilia anelli e cus cus e così via.

Ogni regione, insomma, ha la propria tradizione in fatto di pasta; e in ogni famiglia c’è una nonna con la propria ricetta per condirla, oltre che a farla a mano con tanto amore!

Per quanto riguarda i classici tipi di pasta secca industriale, sono talmente diffusi che forse se n’è persa l’origine: dagli spaghetti alle farfalle, dalle penne ai fusilli, dai maccheroni ai cannelloni, le mezze maniche, i conchiglioni, tubetti, ditali, paccheri, sedani, rigatoni, eccetera. Insomma, c’è da sbizzarrire la fantasia, sia nei formati che nei tantissimi sughi e intingoli!

Come si condisce la pasta

Infiniti i condimenti: con verdure (e sono davvero tante le ricette nella nostra gastronomia) con aglio, olio e peperoncino, insieme ai legumi (pasta e fagioli, un classico con la sua variante in ogni regione), con diverse varietà di pesce, frutti di mare e crostacei, al forno, gratinata, in brodo, asciutta o come suggerisce l’estro e gli ingredienti del momento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Con i primi piatti, insomma, si può scatenare la fantasia provando una ricetta diversa ogni giorno! Infatti, la straordinaria versatilità è la sua forza: quando si desidera un primo veloce, ad esempio una classica pasta al sugo, è perfetta! Pomodoro e basilico, l’accoppiata vincente che piace a tutti, grandi e piccini.

Ma si può portare in tavola anche una ricetta più “importante”, oppure, se ci tenete a  mantenere il peso forma senza rinunciare al gusto, in versione integrale condita in modo leggero. Tante le possibilità, dal piatto più semplice a quello più elaborato, ma sempre con la stessa straordinaria protagonista: la pasta!

Articoli più letti