L’ossigeno è la chiave per trovare tecnofirme aliene

L'astrofisico dell'Università di Rochester Adam Frank sta esplorando i legami tra l'ossigeno atmosferico e il rilevamento della tecnologia extraterrestre su pianeti lontani

0
174
L'ossigeno è la chiave per trovare tecnofirme aliene
L'ossigeno è la chiave per trovare tecnofirme aliene

L’astrofisico dell’Università di Rochester Adam Frank sta esplorando i legami tra l’ossigeno atmosferico e il rilevamento della tecnologia extraterrestre su pianeti lontani.

Nel tentativo di comprendere il potenziale della vita oltre la Terra, i ricercatori stanno ampliando la loro ricerca per comprendere non solo i marcatori biologici, ma anche quelli tecnologici. Sebbene gli astrobiologi riconoscano da tempo l’importanza dell’ossigeno per la vita come la conosciamo, lo stesso potrebbe anche essere una chiave per sbloccare tecnologie avanzate su scala planetaria.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy, Adam Frank, professore di fisica e astronomia Helen F.e Fred H.Gowen all’Università di Rochester e autore di The Little Book of Aliens (Harper, 2023), e Amedeo Balbi, un professore associato di astronomia e astrofisica presso l’Università di Roma Tor Vergata, in Italia, hanno delineato i legami tra l’ossigeno atmosferico e il potenziale aumento della tecnologia avanzata su pianeti lontani.

“Siamo pronti a trovare tracce di vita su mondi alieni”, ha affermato Frank.

“Stiamo esplorando se qualsiasi composizione atmosferica può essere compatibile con la presenza di tecnologia avanzata”, ha dichiarato Balbi, e abbiamo scoperto che i requisiti atmosferici potrebbero essere piuttosto severi”.

Accensione delle tecnosfere cosmiche

Frank e Balbi sostengono che, al di là della sua necessità per la respirazione e il metabolismo negli organismi multicellulari, l’ossigeno è di fondamentale importanza per lo sviluppo del fuoco – e il fuoco è un segno distintivo di una civiltà tecnologica. Gli scienziati approfondiscono il concetto di “tecnosfere”, vasti regni di tecnologia avanzata che emettono segni rivelatori – chiamati “tecnofirme” – di intelligenza extraterrestre.



“Se non c’è ossigeno nell’atmosfera, non avremo una civiltà tecnologica”, hanno aggiunto.

Sulla Terra, lo sviluppo della tecnologia ha richiesto un facile accesso alla combustione all’aria aperta, il processo alla base del fuoco, in cui qualcosa viene bruciato combinando un combustibile e un ossidante, solitamente ossigeno. Che si tratti di cucinare, forgiare metalli per strutture, produrre materiali per le case o sfruttare l’energia, la combustione è stata la forza trainante delle società industriali.

Ripercorrendo la storia della Terra, i ricercatori hanno scoperto che l’uso controllato del fuoco e i successivi progressi metallurgici sono stati possibili solo quando i livelli di ossigeno nell’atmosfera hanno raggiunto o superato il 18%. Ciò significa che solo i pianeti con concentrazioni significative di ossigeno saranno in grado di sviluppare tecnosfere avanzate e, quindi, di lasciare tracce tecnologiche rilevabili.

Il collo di bottiglia 

I livelli di ossigeno richiesti per sostenere biologicamente la vita complessa e l’intelligenza non sono alti quanto i livelli necessari per la tecnologia, quindi mentre una specie potrebbe essere in grado di emergere in un mondo senza ossigeno, non sarà in grado di diventare una civiltà tecnologica, secondo i ricercatori.

Il “collo di bottiglia dell’ossigeno”, è un termine coniato dai ricercatori per descrivere la soglia critica che separa i mondi in grado di promuovere civiltà tecnologiche da quelli che non sono all’altezza. Cioè, i livelli di ossigeno rappresentano un collo di bottiglia che impedisce l’emergere di tecnologie avanzate.

“La presenza di elevati livelli di ossigeno nell’atmosfera è come un collo di bottiglia da superare per avere una specie tecnologica”, ha affermato Frank.

Mirare agli hotspot extraterrestri

La ricerca, che affronta un aspetto precedentemente inesplorato nella ricerca cosmica della vita intelligente, sottolinea la necessità di dare priorità ai pianeti con alti livelli di ossigeno nella ricerca di tecnofirme extraterrestri.

“Prendere di mira i pianeti con alti livelli di ossigeno dovrebbe avere la priorità poiché la presenza o l’assenza di alti livelli nelle atmosfere degli esopianeti potrebbe essere un indizio importante per trovare potenziali tecnofirme”, ha aggiunto Frank.

“Le implicazioni della scoperta della vita intelligente e tecnologica su un altro pianeta sarebbero enormi”, ha sottolineato Balbi. “Dobbiamo quindi essere estremamente cauti nell’interpretare possibili rilevamenti. Il nostro studio suggerisce che dovremmo essere scettici nei confronti delle potenziali firme tecnologiche provenienti da un pianeta con insufficiente ossigeno atmosferico”, ha concluso.

Fonte: Nature Astronomy

2