Hephaistos: il progetto che cerca le tecnofirme delle sfere di Dyson

Un team di ricercatori ha sviluppato un modo per cercare le tecnofirme delle sfere di Dyson che hanno denominato Progetto Hephaistos, ispirandosi a Efesto, il dio greco del fuoco e della metallurgia

2
465
Sfere di Dyson: rilevarle ci farebbe individuare civiltà aliene, Hephaistos

Un team di ricercatori provenienti da Svezia, India, Regno Unito e Stati Uniti ha sviluppato un modo per cercare le tecnofirme delle sfere di Dyson che hanno denominato Progetto Hephaistos, ispirandosi a Efesto, il dio greco del fuoco e della metallurgia.

Sfere di Dyson: rilevarle ci farebbe individuare civiltà aliene, Hephaistos

La presentazione del.progetto Hephaistos

I risultati della ricerca Hephaistos sono stati pubblicati negli Avvisi mensili della Royal Academy of Sciences. Lo studio è stato intitolato:”Project Hephaistos – II. Dyson sphere candidates from Gaia DR3, 2MASS, and WISE“. L’autore principale è Matías Suazo, ricercartatore presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Uppsala in Svezia. Questo è il secondo articolo che presenta il Progetto Hephaistos, che si è susseguito a una prima ricerca.

In questo studio, abbiamo presentato una ricerca completa di sfere di Dyson parziali analizzando le osservazioni ottiche e infrarosse di Gaia, 2MASS e WISE“, scrivono gli autori.

Sfere di Dyson, Hephaistos
Hephaistos: il progetto che cerca le tecnofirme delle sfere di Dyson

Si tratta di rilievi astronomici su larga scala progettati per scopi diversi. Ognuno di essi ha generato un’enorme quantità di dati dalle singole stelle: “La ricerca ha esaminato la fotometria Gaia DR3, 2MASS e WISE di circa 5 milioni di sorgenti per costruire un catalogo di potenziali sfere di Dyson“, hanno spiegato gli autori.



Analizzare tutti questi dati è stato un compito arduo. Durante il progetto Hephaistos, il team di ricercatori ha sviluppato una speciale pipeline di dati per elaborare i dati combinati di tutte e tre le indagini. Gli esperti hanno sottolineato che stanno cercando sfere parzialmente completate, che emetterebbero un eccesso di radiazione infrarossa.

Lo studio

Questa struttura emetterebbe calore disperso sotto forma di radiazione nel medio infrarosso che, oltre al livello di completamento della struttura, dipenderebbe dalla sua temperatura effettiva”, hanno specificato Suazo e i suoi colleghi.

Il problema è che non sono gli unici oggetti a farlo. Anche molti oggetti naturali lo fanno, come gli anelli di polvere circumstellari e le nebulose. Le galassie di fondo possono anche emettere radiazioni infrarosse in eccesso e creare falsi positivi. È compito del gasdotto filtrarli.

È stata sviluppata una pipeline specializzata per identificare potenziali candidati alla sfera di Dyson concentrandosi sul rilevamento di fonti che mostrano eccessi infrarossi anomali che non possono essere attribuiti a nessuna fonte naturale conosciuta di tale radiazione“, hanno aggiunto i ricercatori del progetto Hephaistos.

Questo diagramma di flusso mostra come appare la pipeline:

Hephaistos

Il gasdotto è solo il primo passo. Il team ha sottoposto l’elenco dei candidati a un ulteriore esame basato su fattori come le emissioni di H-alfa, la variabilità ottica e l’astrometria.

Alla scoperta delle sfere di Dyson, Hephaistos

368 fonti sono sopravvissute all’ultimo taglio. Di questi, 328 sono stati respinti come miscele, 29 come irregolari e quattro come nebulari. Sono rimaste solo sette potenziali sfere di Dyson su circa 5 milioni di oggetti iniziali, e i ricercatori sono fiduciosi che quelle sette siano legittime.

Tutte le fonti sono emettitori chiari nel medio infrarosso senza contaminanti o firme evidenti che indichino un’evidente origine nel medio infrarosso“.

Questi sono i sette candidati più forti, ma i ricercatori sanno che sono ancora solo candidati. Potrebbero esserci altri motivi per cui i sette emettono infrarossi in eccesso.

La presenza di dischi di detriti caldi che circondano i nostri candidati rimane una spiegazione plausibile per l’eccesso di infrarossi delle nostre sorgenti“, hanno spiegato gli studiosi.

Le loro candidate però sembrano essere stelle di tipo M (nane rosse), e i dischi di detriti attorno alle nane M sono molto rari. Tuttavia, la situazione si è complicata perché alcune ricerche hanno indicato che i dischi di detriti attorno alle nane M si sono formati e si presentano in modo diverso.

Un tipo di disco di detriti chiamato Extreme Debris Disks (EDD) può spiegare parte della luminosità che il team vede attorno ai propri candidati: “Queste fonti però non sono mai state osservate in relazione ai nani M”, hanno dichiarato Suazo e i suoi coautori.

Questo ha lasciato il team con tre domande: “I nostri candidati sono strane stelle giovani il cui flusso non varia con il tempo? Sono dischi di detriti nani M di queste stelle con una luminosità frazionaria estrema? O qualcosa di completamente diverso?”.

Conclusioni

Dopo aver analizzato la fotometria ottica/NIR/MIR di circa 5 x 10 6 sorgenti, abbiamo trovato 7 apparenti nane M che hanno mostrato un eccesso di infrarossi di natura poco chiara che è compatibile con i nostri modelli di sfera di Dyson”, hanno detto i ricercatori nella loro conclusione sul progetto Hephaistos.

Sfere di Dyson, Hephaistos

Ci sono spiegazioni naturali per l’eccesso di infrarossi proveniente da questi sette candidati: “Ma nessuno di loro spiega chiaramente un simile fenomeno nei candidati, soprattutto dato che sono tutti nani M”.

I ricercatori hanno affermato che la spettroscopia ottica di follow-up aiuterebbe a comprendere meglio queste sette fonti. Una migliore comprensione delle emissioni di H-alfa è particolarmente preziosa poiché possono provenire anche da dischi giovani: “In particolare, l’analisi della regione spettrale attorno all’H-alfa può aiutarci a scartare o verificare la presenza di dischi giovani”.

Sono sicuramente necessarie ulteriori analisi per svelare la vera natura di queste fonti“.

2