L’Hangar 18: il magazzino dell’USAF che custodirebbe resti di dischi volanti

La leggenda dell'Hangar 18 risale al presunto schianto di un UFO nel deserto vicino a Roswell, New Mexico, nel luglio 1947

0
5557
L'Hangar 18: il magazzino dell'USAF che custodirebbe resti di dischi volanti
L'Hangar 18: il magazzino dell'USAF che custodirebbe resti di dischi volanti

Come sede del Project Blue Book, punto zero per le indagini governative sugli UFO dal 1951 al 1969, Wright Field (ora Wright-Patterson Air Force Base) fuori Dayton, Ohio, si colloca  accanto all’Area 51 come oggetto di speculazioni durature.

Molte delle voci che circondano Wright-Patt, come è noto in breve, riguardano ciò che potrebbe essere accaduto all’interno di un particolare edificio, noto come Hangar 18.

Molti appassionati di UFO credono che nell’hangar 18 il governo abbia nascosto prove fisiche dalle loro indagini, inclusi rottami di dischi volanti, resti extraterrestri e persino alieni catturati, in particolare all’interno di un luogo sigillato e altamente sorvegliato soprannominato “la Stanza Blu“.

La leggenda dell’Hangar 18 risale al presunto schianto di un UFO nel deserto vicino a Roswell, New Mexico, nel luglio 1947. Secondo il comunicato stampa iniziale emesso all’epoca dal Roswell Army Air Field (RAAF), il personale militare aveva ispezionato il “disco volante” e lo aveva inviato al “quartier generale superiore”. 

Un successivo comunicato stampa da una base dell’Air Force a Fort Worth, in Texas (presunta essere il suddetto quartier generale) affermava che il disco era un pallone meteorologico, un’affermazione che l’Air Force ha riconosciuto essere falsa nel 1994 , ammettendo che stava testando un dispositivo di sorveglianza progettato per sorvolare i siti di ricerca nucleare in Unione Sovietica.



Come si arriva all’Hangar 18

Oltre che a Fort Worth, molti ricercatori UFO ritengono che alcuni dei materiali di Roswell siano stati trasportati anche a Wright Field dopo l’incidente e immagazzinati nell’Hangar 18, sulla base di rapporti non comprovati di ex piloti militari. Uno, Oliver Henderson, avrebbe detto a sua moglie di aver pilotato un aereo carico di rottami, insieme a diversi piccoli corpi alieni, da Roswell a Wright Field. 

Secondo i figli di un altro pilota, l’asso della seconda guerra mondiale Marion “Black Mac” Magruder, il padre sostenne di aver visto un alieno vivente a Wright Field nel 1947 e disse loro “è stata una cosa vergognosa che i militari abbiano distrutto questa creatura conducendo test su esso“.

2