La Cimatica è la Medicina del Futuro?

La cimatica è lo studio della vibrazione sonora visibile e mostra la natura trasformativa del suono e della materia, il suono ci guida e ci plasma

9712

Le scoperte della cimatica sono spesso associate agli studi di Masaru Emoto, famoso per aver fotografato i cristalli di acqua congelata sottoposta a determinate frequenze e vibrazioni, mostrando come l’acqua è in grado di formare strutture cristalline armoniche o caotiche, in risposta alle varie vibrazioni.

La cimatica è lo studio della vibrazione sonora visibile e mostra la natura trasformativa del suono e della materia. Il suono ci guida e ci plasma, eppure è una forza intangibile. Possiamo catturare il suono nel regno digitale dove possiamo vedere le forme d’onda. Ma questo ci dà solo una vista 2D. Il mondo della cimatica, tuttavia, ci offre una visione diversa e fornisce un’importante evoluzione nella nostra comprensione di come il suono influenzi tutti noi.
La cimatica dà validità al fatto che tutto ciò che percepiamo come oggetti duri, incluso il nostro corpo, in realtà vibra continuamente al proprio ritmo. Questo studio fonde chiaramente i campi del suono, della geometria, della luce e della matematica in uno solo attraverso la presentazione di immagini straordinarie create da frequenze di tutti i tipi presenti nei nostri corpi, in natura e oltre. Ogni suono può essere trasformato in un disegno, quelli emessi dai delfini sono molto più complessi di quanto finora sospettato.
La cimatica convalida una connessione tra il suono, le vibrazioni e la realtà fisica?

Il suono e le vibrazioni hanno il potenziale di creare? In questo articolo vedremo gli studi e le teorie che i diversi ricercatori in questo campo, la Scienza della Cimatica, hanno concluso.

La vibrazione è stata da sempre associata alla creazione della materia e alla forza vitale che pervade l’universo. Dai Veda in Oriente a Pitagora, da San Giovanni alle scoperte di Plank ed Einstein, sembra chiaro che “tutto è energia” e questa energia è vibrazione.

Leonardo Da Vinci 

“Allora dico che quando un tavolo viene urtato in punti diversi, la polvere che si trova su di esso si riduce a varie forme di cumuli e minuscole collinette. La polvere scende dall’ipotenusa di queste collinette, entra sotto la loro base e si solleva di nuovo attorno all’asse della punta della collinetta”.

figure di Chladni

ERNST CHLADNI

Nel 1787, il giurista, musicista e fisico Ernst Chladni pubblico ‘ le scoperte riguardanti la teoria della Musica. In questo e altri lavori pionieristici, Chladni, che è nato nel 1756, lo stesso anno di Mozart, ed è morto nel 1829, lo stesso anno di Beethoven, ha posto le basi per quella disciplina all’interno della fisica che venne chiamata l’acustica, la scienza del suono. Per Chladni era venuto il momento di trovare un modo per rendere visibile ciò che il suono delle onde generavano. Con l’aiuto di un archetto di violino, che ha disegnato perpendicolarmente sul bordo di lastre piane ricoperte di sabbia, ha prodotto i modelli e le forme che oggi conosciamo come figure di Chladni. Qual è stato il significato di questa scoperta? Chladni ha dimostrato una volta per tutte che il suono in realtà non influisce sulla materia fisica e che ha la qualità di creare motivi geometrici.

GALILEO GALILEI

Galileo descrisse di aver raschiato una lastra di ottone con uno scalpello e notò una “lunga fila di striature sottili, parallele ed equidistanti l’una dall’altra”  presumibilmente causate dalla limatura di ottone che danzava sulla superficie della lastra e trovava rifugio sicuro in una serie striature nodali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

HANS JENNY

Nel 1967, Hans Jenny, un medico svizzero, artista e ricercatore, ha pubblicato il libro bilingue Kymatik -Wellen und mit ihrer Schwingungen Struktur und Dynamik / Cimatica – struttura e dinamica delle onde e delle vibrazioni. In questo libro Jenny, come Chladni duecento anni prima, ha mostrato cosa succede quando si prendono vari materiali come la sabbia, le spore, limatura di ferro, acqua e sostanze viscose, e si mettono a vibrare su lastre di metallo e membrane. Appaiono forme e modelli in movimento che variano quasi perfettamente ordinati e stazionari a coloro che sono in via di sviluppo turbolento, organico, e costantemente in movimento. È stato Jenny a coniare il termine “Cymatics” contenente la parola greca, “˜Kyma” che significa “˜wave”.
Che cosa ha scoperto Hans Jenny nelle sue indagini?
In primo luogo, Jenny ha prodotto entrambe le figure di Chladni e le figure di Lissajous nei suoi esperimenti. Ha scoperto anche come far vibrare una piastra ad una specifica frequenza ed ampiezza–vibrazioni se si modifica la frequenza o ampiezza, lo sviluppo e la struttura cambiano. Ha trovato che se aumentava la frequenza, la complessità dei modelli aumentava, il numero di elementi aumentava. Se d’altra parte aumentava l’ampiezza, i movimenti diventano ancora più rapidi e turbolenti e creato piccole eruzioni, in cui materiale reale è stato gettato in aria.

La Vibrazione influenza il nostro corpo e la nostra salute, ecco cosa fa la cimatica

Il Prof. Carlo Ventura, direttore del laboratorio di biologia molecolare e bioingegneria delle cellule staminali, presso l’istituto di cardiologia dell’università di Bologna, in stretta collaborazione con Università della California, afferma che le cellule, come tutto l’universo, vibrano e, facendo ascoltare le giuste frequenze alle cellule staminali, queste ultime possono essere istruite per divenire cellule specifiche dei nostri organi. La vibrazione può dunque innescare la guarigione.

ROBERT HOOKE 

Robert Hooke era uno scienziato inglese dell’Università di Oxford che ha dato contributi a molti campi scientifici tra cui matematica, ottica, meccanica e astronomia. Hook ideò nel 1680 un semplice apparato costituito da una lastra di vetro ricoperta di farina che “suonò” con un arco di violino. Non è noto se Hooke avesse accesso ai taccuini di Leonardo da Vinci o di Galileo Galilei o se abbia ideato l’apparato in modo indipendente.

JOHN STUART REID

John Stuart Reid è un ingegnere acustico, scienziato e inventore inglese. Ha studiato il mondo del suono per più di trent’anni e parla ampiamente dei suoi risultati di ricerca al pubblico di tutti gli Stati Uniti e il Regno Unito. Inventore del CymaScope Pro, uno strumento per visualizzare il suono, i suoi interessi primari risiedono nell’indagare il suono come forza formativa e scoprire perché il suono guarisce.
Nel caso di esperimenti basati su liquidi, le immagini che si formeranno saranno leggermente diverse. Un tono genererà un’onda stazionaria con picchi e depressioni sincronizzati. I picchi sono il contenuto armonico che solleva l’acqua e le depressioni rappresentano i nodi o le aree di minore vibrazione. Gli esperimenti sull’acqua sono fantastici perché il suono è rappresentato come uno schema 3D controllato. Il sito web cymascope.com offre una vasta gamma di informazioni da diverse discipline accademiche con immagini CymaScope.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

MICHAEL FARADAY

Michael Faraday, chimico e fisico inglese, registra molti esperimenti in cui studiava gli effetti delle vibrazioni su acqua, olio e grani fini. Faraday era affascinato da questi fenomeni e sempre sensibile alle buone dimostrazioni al suo pubblico alla Royal Institution.

Ha scritto: “Mettendo una candela esattamente sotto questo piatto e tenendo uno schermo di carta da lucido un pollice sopra, l’immagine fornita era bellissima. Ogni mucchio di sabbia dava una ‘stella’ di luce al suo fuoco che scintillava, cioè appariva e scompariva continuamente con il mucchio mentre si alzava e si abbassava. Agli angoli appariva una luce più debole, e poi quando lo schermo era più vicino o più lontano apparivano linee di luce in 2 o anche 4 direzioni (costanti).” Faraday non ha individuato potenziali applicazioni e per quanto si sa non ha mai riaperto le sue indagini in questo campo.

La Fisica quantistica, parla di “Universo Olografico“. Gli ologrammi sono immagini virtuali create proprio dall’interazione di due onde luminose, in cui la luce essendo pura e coerente è in grado di generare una forma, analogamente a quanto abbiamo visto per il suono e le figure da esso generate. Se la pellicola che crea l’ologramma, una volta impressa viene illuminata da una sola fonte si vedranno solo cerchi concentrici e nessuna immagine definita. Se però vi si dirige un secondo raggio, allora ecco apparire il soggetto in tutta la sua “apparente” tridimensionalità.
Pitagora diceva che la musica è la vera medicina e nelle antiche tradizioni religiose ed esoteriche i canti e i suoni venivano usati per indurre guarigioni fisiche e spirituali. Oggi la scienza sta riscoprendo tutto questo, aprendo le porte a quella che viene chiamata: “Medicina Quantistica”.

Altro sulla cimatica: Risonanza di Schumann e bioregolazione umana

---L'articolo continua dopo la pubblicità---