la stella di Boyajian potrebbe aiutare la ricerca della vita extraterrestre

Lo studio della stella di Boyajian promosso come modello di ricerca che potrebbe aiutare in una delle ricerche scientifiche più interessanti: trovare vita intelligente su altri mondi

2
331
stella di Boyajian
Belt of Dust

La stella di Boyajian la stella più insolita della nostra galassia, un globo di luce tremolante la cui emissione sporadica e imprevedibile ha sconcertato gli astronomi per anni. Ma ora il suo studio promosso come modello di ricerca che potrebbe aiutare in una delle ricerche scientifiche più interessanti: trovare vita intelligente su altri mondi.

stella di Boyajian

La stella di Boyajian è unica in tutta la galassia

Un astrofisico dell’Università di Oxford, il professor Chris Lintott, farà una conferenza pubblica a tal proposito: il suo obiettivo principale sarà la stella di Boyajian, a volte soprannominata la stella di Tabby dal nome della scienziata Tabetha Boyajian, nella costellazione del Cigno il cui strano oscuramento e luminosità è stato oggetto di intensi studi da parte di sonde spaziali e osservatori negli ultimi anni.

“Il suo comportamento è straordinario“, ha detto Lintott: “Ha esplosioni rapide e casuali in cui la sua luminosità diminuisce drasticamente e poi ritorna. Non c’è alcuno schema in questo. Lampeggia come se qualcuno stesse giocando con il suo dimmer. Non c’è nessun’altra stella come questa nella nostra galassia”.

stella di Boyajian



La stella di Boyajian è stata studiata in dettaglio dall’osservatorio spaziale Kepler nel 2012, quando è stato scoperto per la prima volta il suo comportamento irregolare. Queste osservazioni hanno indicato che un’enorme massa di materia circonda la stella in formazione compatta e ne blocca sporadicamente la luce.

Quale era la natura di questa vasta massa di materiale? Come spiegazioni sono stati addotti anelli di polvere, comete in disintegrazione e sciami di asteroidi. Tuttavia, la maggior parte dell’attenzione è stata rivolta alla teoria, proposta dagli scienziati della Penn State University, secondo cui la massa in eclisse potrebbe essere un’enorme megastruttura aliena.

La stella di Boyajian è una megastruttura aliena?

La stella di Boyajian è stata studiata in dettaglio dall’osservatorio spaziale Kepler nel 2012, quando è stato scoperto per la prima volta il suo comportamento irregolare. Queste osservazioni hanno indicato che un’enorme massa di materia circonda la stella in formazione compatta e ne blocca sporadicamente la luce.

Tali argomentazioni sono state proposte dal fisico Freeman Dyson, il quale ha sostenuto che alcune civiltà aliene potrebbero essere abbastanza avanzate da costruire vasti schieramenti di pannelli solari attorno alle loro stelle per catturarne il calore e la luce.

Soprannominati sfere o sciami di Dyson dagli astronomi, i grandi edifici orbitanti verrebbero utilizzati per alimentare queste lontane civiltà.

L’idea che gli astronomi si fossero imbattuti in una struttura del genere ha suscitato i titoli dei giornali di tutto il mondo, anche se non per molto. La ricerca successiva ha ridimensionato la questione: “Abbiamo scoperto che la luce di diverse lunghezze d’onda viene bloccata in quantità diverse: esattamente quello che ci si aspetterebbe dalla luce stellare che passa attraverso una nuvola di polvere”, ha detto Lintott.

La massa eclissante della stella di Boyajian è probabilmente una nuvola di polvere prodotta quando un pianeta è passato troppo vicino alla sua superficie ed è stato fatto a pezzi. Tuttavia, lo studio dello strano oggetto è importante perché mette in luce tecniche destinate a diventare sempre più importanti man mano che i tentativi di individuare le civiltà aliene si intensificheranno nei prossimi anni, sostiene Lintott.

Di conseguenza, l’umanità potrebbe diventare radioattiva in circa 50 anni, e questo sarà probabilmente vero per le civiltà di altri mondi: “La ricerca dell’intelligenza extraterrestre [Seti] sta cambiando”, ha detto.

In passato ci siamo affidati quasi esclusivamente ai radiotelescopi per rilevare le trasmissioni di civiltà aliene proprio come le nostre trasmissioni radiofoniche e televisive potevano rivelare loro la nostra presenza. Ad oggi, non abbiamo saputo assolutamente nulla”.

Né dovremmo essere sorpresi, secondo Lintott: “L’umanità ha già superato il suo picco di emissione di onde radio perché utilizziamo sempre più comunicazioni a raggio stretto e cavi in fibra ottica, invece di diffondere segnali TV e radio nell’ambiente generale”.

stella di Boyajian
Belt of Dust

Di conseguenza, l’umanità potrebbe diventare radioattiva in circa 50 anni, e ciò sarà probabilmente vero per le civiltà di altri mondi, ha aggiunto: “Dopo un po’ la radio passerà al silenzio, come noi. Quindi i radiotelescopi Seti dovranno essere potenziati con altri modi per cercare gli alieni. Dovremo essere più creativi riguardo a quello che stiamo cercando nei dati e trovare cose insolite che rivelino che sono opera degli alieni”.

La ricerca delle sfere di Dyson sarà un percorso chiave, anche se saranno necessari anche altri modi per individuare l’opera degli alieni. Un esempio potrebbe essere fornito da una civiltà aliena che ha sfruttato asteroidi vicino al proprio pianeta natale, un lavoro che creerebbe nubi di polvere interplanetaria che si rivelerebbero dalla loro radiazione infrarossa.

E anche se gli alieni potrebbero non rivelarsi attraverso le trasmissioni radio, potrebbero facilmente tradire la loro presenza dalle emissioni radar che usano per guidare i loro aerei e le astronavi“, ha spiegato Lintott: “Ancora una volta, dobbiamo guardare a queste lunghezze d’onda per cercare segni della loro esistenza”.

Conclusioni

Tale lavoro richiederà l’analisi di enormi quantità di dati e la storia della stella di Boyajian fornisce anche una dimostrazione chiave di come verrebbero svolti.

stella di Boyajian

I suoi segreti sono stati rivelati da un esercito di cittadini scienziati, membri del pubblico che hanno raccolto e analizzato le vaste risme di dati provenienti dagli strumenti che hanno sondato la stella di Boyajian, ha affermato Lintott.

Sono state le loro analisi combinate dei dati sulla stella di Boyajian a mostrare che si stava comportando in un modo molto strano, ed è molto probabile che saranno coinvolti nell’individuazione di altre strane stelle nella nostra galassia nei progetti futuri. E non si sa mai, la prossima volta potrebbero trovare qualcosa di buono“.

2