14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeArcheologia e StoriaUna scoperta rivela che il tabacco veniva usato già 12.000 anni fa

Una scoperta rivela che il tabacco veniva usato già 12.000 anni fa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli archeologi hanno scoperto prove che i cacciatori-raccoglitori in Nord America usavano il tabacco circa 12.300 anni fa, 9.000 anni prima di quanto precedentemente documentato.

L’uso del tabacco si diffuse in tutto il mondo dopo il contatto tra esploratori europei e popolazioni indigene del Nord America nel XV secolo. Ma i ricercatori discutono con precisione su come e quando le piante di tabacco ( Nicotiana spp.) sono state addomesticate per la prima volta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La più antica prova diretta dell’uso di tabacco

Il ricercatore Daron Duke e i suoi colleghi del Far Western Anthropological Research Group di Davis, in California, hanno scoperto la più antica prova diretta è stata rinvenuta in un campo di cacciatori-raccoglitori nel deserto occidentale dello Utah. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Human Behavior.

Il sito si trova lungo il canale ormai asciutto di un fiume preistorico chiamato Old River Bed, dove le persone si accampavano da 13.000 a 9.500 anni fa. Durante gli scavi in ​​un sito storico situato all’interno dello Utah Test and Training Range della US Air Force, il team ha trovato un antico focolare contenente quattro semi bruciati di piante di tabacco.

I ricercatori hanno utilizzato la datazione al radiocarbonio per determinare l’età del focolare e del suo contenuto. I semi erano troppo piccoli e fragili per essere datati, ma il team ha stabilito che altro materiale legnoso bruciato nel focolare aveva circa 12.300 anni. Si presume che i semi carbonizzati abbiano un’età simile.

Sebbene il team non possa dire con certezza come è stato utilizzato il tabacco, il fatto che rimangano solo i semi implica che le foglie e gli steli della pianta del tabacco, le parti con l’effetto intossicante, siano stati consumati. I semi, che sono piccoli e si impigliano facilmente nei peli appiccicosi della pianta, potrebbero essere stati raccolti quando sono state raccolte le parti fiorite. “Le persone nel Pleistocene probabilmente fumavano tabacco o masticavano tabacco in modo simile a come viene usato oggi”, ha afferma Jaime Kennedy, un archeologo dell’Università dell’Oregon a Eugene.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ossa d’anatra

I reperti trovati dentro e intorno al focolare forniscono un contesto per il ritrovamento. Questi includono frammenti di un Haskett, una punta di lancia comunemente usata dai cacciatori-raccoglitori vaganti nel Nord America durante il Pleistocene. In questo caso, dicono i ricercatori, sembra sia stato utilizzato per cacciare diverse specie di anatre: nel sito sono state scoperte un gran numero di ossa di uccelli acquatici.

Il team di Duke ha anche trovato semi carbonizzati di altre piante tradizionalmente mangiate dalle comunità native americane: goosefootChenopodium spp.), Red Maid ( Calandrina spp.) e hairgrassDeschampsia spp.).

È improbabile che i semi di tabacco si siano depositati naturalmente nel focolare, affermano i ricercatori, ma hanno studiato questa possibilità. I semi potrebbero provenire dallo stomaco delle anatre cacciate, o da piante che crescono nelle vicinanze del focolare. Ma il tabacco cresce in montagna, lontano dalle zone umide e dai cibi tipici degli uccelli acquatici. “Gli uccelli dovrebbero essere lontani dal loro habitat naturale e mangiare qualcosa che è fondamentalmente tossico e non appetibile”, ha afferma Duke.

Lui e il suo team hanno esaminato i sedimenti dell’area intorno al periodo dell’occupazione umana. “Abbiamo trovato solo piante comuni delle zone umide, non tabacco”, dice.

“È particolarmente interessante che il tabacco sia stato trovato insieme a semi di piante commestibili come la zampa d’oca”, ha dichiarato Kennedy.Questa scoperta mette in evidenza l’antica relazione simbiotica tra le persone e le piante come il tabacco che prosperano in terreni disturbati dall’attività antropica”, conclude Kennedy.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti