La nana bianca più veloce mai osservata

Se fossimo in qualche modo in grado di atterrare su una nana bianca appena scoperta senza essere bruciati, un giorno intero durerebbe solo 25 secondi

992

Se fossimo in qualche modo in grado di atterrare su una nana bianca appena scoperta senza essere bruciati, un giorno intero durerebbe solo 25 secondi.

Questo perché gli scienziati dell’Università di Warwick, nel Regno Unito, hanno appena osservato la nana bianca che gira più velocemente fino ad oggi, facendo una rotazione ogni 25 secondi. La stella nana, chiamata LAMOST J0240+1952, ha battuto il precedente detentore del record di cinque secondi, rivela un rapporto su ScienceNews.

Girando a destra intorno

Per riferimento, il sole e la luna ruotano entrambi circa una volta al mese terrestre. LAMOST J0240+1952, invece, ruota più di due volte al minuto. Questo la rende la stella di qualsiasi tipo più veloce mai osservata dalla comunità scientifica, senza contare le stelle di neutroni, che sono i nuclei collassati di massicce stelle supergiganti.

La scoperta è stata fatta dall’astronoma dell’Università di Warwick Ingrid Pelisoli e dai suoi colleghi dopo aver notato un’esplosione di luce dalla stella nana bianca, che è molto vicina a una stella nana rossa. Si sono resi conto che questa breve esplosione di luce si è verificata una volta ogni 24,93 secondi, rivelando il periodo di rotazione della stella nana bianca. In genere, una nana bianca impiega ore o giorni per girare.

Tuttavia, la stella appena scoperta, che si trova nella costellazione dell’Ariete, si muove così velocemente a causa della vicina stella nana rossa che sta alimentando gas in LAMOST J0240+1952, facendola ruotare incredibilmente velocemente. Pelisoli e il suo team hanno pubblicato i loro risultati in un documento disponibile sul server di prestampa arXiv

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le stelle nane bianche rivelano i misteri dell’universo

Le stelle nane bianche sono alcuni dei più antichi oggetti celesti osservabili nell’universo e sono state al centro di diverse drammatiche osservazioni scientifiche negli ultimi anni. L’anno scorso, ad esempio, gli astronomi si sono rivolti alle stelle di neutroni e alle stelle nane bianche per aiutarli a dimostrare la teoria della relatività di Einstein attraverso l’osservazione del frame-dragging, per cui lo spaziotempo viene alterato da enormi oggetti rotanti. 

Le stelle nane bianche alla fine si cristallizzano in ossigeno metallico e carbonio
Le stelle nane bianche alla fine si cristallizzano in ossigeno metallico e carbonio

Gli astronomi dell’Università di Warwick hanno anche rivelato in precedenza osservazioni dirette che dimostrano che migliaia di stelle nane bianche nella nostra galassia si sono gradualmente cristallizzate mentre si raffreddavano nel corso dei millenni e che il nostro Sole un giorno incontrerà lo stesso destino, anche se probabilmente non ruoterà ogni 25 secondi prima che alla fine si raffreddi in un nucleo cristallino di ossigeno metallico e carbonio. Questa scoperta significa che alcune nane bianche sono miliardi di anni più vecchie di quanto precedentemente stimato. La più antica di tutte potrebbe avere più o meno la stessa età dell’universo stesso, il che significa che scoprire i misteri delle nane bianche promette di insegnarci molto sulla storia del cosmo