Il Sole ha prodotto 4 brillamenti quasi contemporaneamente – Video

Il Sole ha emesso ben quattro brillamenti solari in un’armonia quasi perfetta. Si tratta di un fenomeno abbastanza raro e il Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA è riuscito a catturare l’evento con la telecamera.

Brillamenti solari, tempesta solare, Carrington

Il fenomeno dei brillamenti solari

I brillamenti solari sono esplosioni dalla superficie del Sole che emettono intense esplosioni di radiazioni elettromagnetiche. Si verificano quando l’energia magnetica si accumula nell’atmosfera solare e viene rapidamente rilasciata.

Le quattro eruzioni provenivano da quattro regioni, tre macchie solari e un filamento magnetico, separate da centinaia di migliaia di chilometri e collegate da anelli magnetici quasi invisibili nell’atmosfera esterna del sole, nota come corona.

Brillamento solare, siamo preparati ad affrontare un evento a livello Carrington? Tempesta solare

Questo tipo di esplosioni sono chiamate “brillamenti solari simpatetici“. Sono costituite da coppie di esplosioni che si verificano quasi all’unisono in diverse regioni del disco solare. L’evento del 23 aprile 2024 non consisteva in una semplice coppia ma in un quartetto, il che lo ha reso “super simpatetici“.

I brillamenti solari simpatetici

I brillamenti solari simpatetici vengono innescati quando le instabilità viaggiano rapidamente da una regione all’altra lungo i circuiti magnetici che le uniscono. Pertanto, gran parte della porzione del sole rivolta verso la Terra è stata coinvolta nella sinfonia solare del 23 aprile 2024.

Dovremo aspettare e vedere se parte del materiale espulso dall’eruzione supersimpatetica avrà un impatto sulla Terra, poiché esiste la possibilità di un’espulsione di massa coronale (CME) sia diretta verso il nostro pianeta.

Le CME sono enormi espulsioni di plasma e campi magnetici dal sole. Quando sono dirette verso la Terra, possono devastare le reti elettriche, le reti di telecomunicazione e i satelliti in orbita ed esporre gli astronauti a pericolose dosi di radiazioni.

Al contrario, le CME sono un gradito visitatore per gli skywatcher di tutto il mondo poiché possono innescare splendide aurore visibili a latitudini oltre la loro gamma polare “normale“.

Diverse CME eruttate dal Sole negli ultimi giorni potrebbero essere dirette verso di noi. Se anche solo uno di essi sfiorasse il campo magnetico terrestre, potrebbe scatenarsi una tempesta geomagnetica di classe minore G1. Le date di impatto più probabili sono il 25 e il 26 aprile 2024.

Gli effetti negativi dei brillamenti solari sulla tecnologia terrestre. Tempesta solare

L’esplosione dei quattro brillamenti solari potrebbe essere un segno che ci stiamo avvicinando al massimo solare, il picco dell’attività durante il ciclo di 11 anni del Sole, poiché si ritiene che i brillamenti solari simpatici aumentino con un aumento dell’attività solare appunto.

Forse abbiamo già raggiunto il massimo solare e stiamo entrando nella fase di decadimento del ciclo, poiché uno studio del 2022 pubblicato su Astrophysics and Space Science ha indicato che i brillamenti solari si verificano prevalentemente nella fase di decadimento del ciclo solare.

In ogni caso, gli scienziati non sapranno quando si sarà verificato il massimo solare fino a sette mesi dopo la sua fine a causa di come viene calcolato il massimo.

Conclusioni

I brillamenti solari tendono ad avere origine da regioni della superficie solare che contengono macchie solari: porzioni più scure e più fredde della superficie solare dove i campi magnetici sono particolarmente forti. Pertanto, il numero di macchie solari può indicare la probabilità di un’eruzione solare.

Secondo la NOAA , esistono cinque classi di brillamenti solari. La loro designazione dipende dall’intensità dei raggi X emessi. Ogni lettera di classe rappresenta un aumento di 10 volte della produzione di energia, simile alla scala Richter che misura la forza dei terremoti.

Brillamento solare di classe X, problemi alle comunicazioni in corso

Secondo la NASA , i brillamenti di classe X sono i brillamenti solari più potenti. Poi ci sono i brillamenti di classe M che sono 10 volte più piccoli dei brillamenti di classe X, poi i brillamenti di classe C, di classe B e infine i brillamenti di classe A che sono troppo deboli per influenzare in modo significativo la Terra.

Quelli di classe X possono rompere questo schema di classificazione a nove punti con punteggi più alti, poiché non esiste classe più potente della classe X. Sempre secondo la NASA, un brillamento solare nel 2003 è stato così potente da sovraccaricare i sensori che lo misuravano. I sensori hanno segnalato un bagliore X28 prima di spegnersi.

Fortunatamente, i brillamenti di classe X si verificano in media circa 10 volte all’anno, e i brillamenti potenti come quello registrato nel 2003 sono ancora meno probabili.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Articoli correlati

Popular Categories