La “Delta Scarp” del Jezero Crater

Circa 3,8 miliardi di anni fa, il cratere ospitava probabilmente uno specchio d'acqua delle dimensioni del lago Tahoe, insieme a un fiume e un delta a forma di ventaglio formato dai depositi sedimentari di quel fiume

0
960
Indice

Ogni ricercatore coinvolto nell’esplorazione spaziale ha una o due immagini preferite. Per Bill Anders dell’Apollo 8, si trattava di un’immagine della Terra ripresa da vicino la Luna. L’astronauta Randy Bresnik preferiva la foto di un’aurora che ha scattato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

E per Vivian Sun, una scienziata del Jet Propulsion Laboratory della NASA, è un’immagine che il rover Perseverance ha scattato su una delle scarpate del cratere Jezero (lunghe e ripide pendenze ai margini di un altopiano) – così lontano ma così allettante.

Sun sa che i primi piani di ciò che il team scientifico del rover ha chiamato “Delta Scarp” e dei suoi conglomerati (ciottoli a grana grossa mescolati a sabbia trasformati in roccia) e strati incrociati (strati inclinati di roccia sedimentaria) possono, a prima vista, sembrare qualcosa che solo un geologo potrebbe amare.

Ma per il co-conduttore della prima campagna scientifica di Perseverance questo mosaico marziano va oltre l’importanza geologica.

Ho studiato il cratere Jezero per anni e devo aver guardato le immagini orbitali della scarpata delta più di mille volte“, ha detto Sun.



Ma puoi imparare così tanto solo dall’orbita, e quando questa immagine della scarpata è scesa sulla Terra dal rover dopo l’atterraggio, mi ha letteralmente tolto il fiato. Questo è uno dei preferiti perché per la prima volta ho potuto vedere prove reali dei conglomerati e dei letti incrociati che avevamo ipotizzato”.

Marte Jezero Crater Delta Scarp

Due viste della scarpata delta: questa immagine composita della “scarpata del delta” del cratere Jezero è stata generata utilizzando i dati del Remote Microscopic Imager del rover e della fotocamera Mastcam-Z. Crediti: RMI: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/CNRS/ASU/MSSS

I conglomerati sono cementati insieme in un ambiente acquoso e il letto incrociato può essere la prova del movimento dell’acqua registrato da onde o increspature di sedimenti sciolti su cui l’acqua è passata molto tempo fa.

Entrambe le caratteristiche sono esattamente quelle che Sun e il team scientifico speravano di trovare nel cratere Jezero.

Circa 3,8 miliardi di anni fa, il cratere ospitava probabilmente uno specchio d’acqua delle dimensioni del lago Tahoe, insieme a un fiume e un delta a forma di ventaglio formato dai depositi sedimentari di quel fiume.

Sappiamo da tempo che miliardi di anni fa la scarpata del delta di Jezero ospitava un fiume impetuoso“, ha detto Sun.

Ora sappiamo che saremo in grado di vedere da vicino le prove di questo sistema fluviale, avendo un’idea migliore delle sue dimensioni e della forza dell’acqua che lo attraversava. E poiché il fiume ha depositato sedimenti e altro materiale sulla scarpata non solo dall’interno di Jezero ma anche dall’esterno, dovrebbe essere un luogo straordinario per cercare segni di vita antica”.

La missione prevede di esplorare la regione del Delta Scarp durante la seconda campagna scientifica di Perseverance, l’anno prossimo.

Al momento, il rover è nei giorni di apertura della sua prima campagna scientifica, in cui esplorerà un’area di 4 chilometri quadrati del fondo del cratere che potrebbe contenere gli strati più profondi (e più antichi) di roccia esposta di Jezero, con altre interessanti caratteristiche geologiche.

È durante questa campagna iniziale che raccoglieranno i primi campioni da un altro pianeta che saranno riportati sulla Terra da una missione futura.

Perseveranza a Delta Scarp

Perseverance to Delta Scarp: questa immagine annotata del Jezero Crater di Marte raffigura la posizione del rover Perseverance della NASA (punto giallo) e il campo visivo della sua fotocamera Remote Microscopic Imager (RMI) quando ha scattato una serie di immagini del “Delta Scarp ” il 17 marzo 2021. Crediti: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

Per quanto riguarda l’immagine preferita di Sun, mostra una porzione della scarpata larga larga 115 metri. È stata messo insieme da cinque immagini scattate dalla fotocamera Remote Microscopic Imager (RMI) del rover il 17 marzo 2021 (il 26° giorno marziano, o sol della missione), da 2,25 chilometri di distanza.

Parte dello strumento SuperCam, l’RMI può individuare un oggetto delle dimensioni di una palla da softball da quasi un miglio di distanza, consentendo agli scienziati di acquisire immagini dettagliate da lunghe distanze.

Può anche osservare granelli di polvere piccoli fino a 100 micron. Arroccato in cima all’albero del rover, la testa del sensore da 5,6 chilogrammi della SuperCam può eseguire cinque tipi di analisi per studiare la geologia di Marte e aiutare gli scienziati a scegliere quali rocce il rover dovrebbe campionare nella sua ricerca di segni di antica vita microbica.

Maggiori informazioni sulla missione

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima del passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e rocce e regolite marziane per inviarle sulla Terra.

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’ESA (Agenzia spaziale europea), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione Moon to Mars della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

JPL, che è gestito per la NASA dal Caltech a Pasadena, in California, ha costruito e gestisce le operazioni del rover Perseverance.

2