Intelligenza animale: un cefalopode ha superato un test cognitivo

La capacità di ritardare la gratificazione dimostra come l'intelligenza animale possa in qualche modo, pianificare il futuro. Questo processo è stato studiato per capire come si sviluppano le capacità cognitive umane, e nello specifico a quale età un essere umano è abbastanza intelligente da ritardare la gratificazione se ciò significa il raggiungimento di un risultato più gratificante in futuro

1590

Un test adattato per valutare l’intelligenza dei cefalopodi ha svelato quanto sia importante non sottovalutare l’intelligenza animale

Alcune seppie sono state sottoposte a una versione adattata del test del marshmallow e i risultati ottenuti sembrano dimostrare che l’intelligenza animale ci nasconde molto di più di quanto riusciamo a immaginare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo i ricercatori che hanno adattato e condotto il test, le capacità dimostrate dalle seppie potrebbero essersi evolute per ottenere un vantaggio nello spietato mondo acquatico in cui devono sopravvivere.

Ma cos’è il test marshmallow o esperimento marshmallow di Stanford? L’esperimento è molto semplice. Un bambino viene messo in una stanza con un marshmallow, gli viene assicurato che se riesce a non mangiare il marshmallow per 15 minuti, ne riceverà un altro e allora potrà mangiarli entrambi.

La capacità di ritardare la gratificazione dimostra come l’intelligenza animale possa in qualche modo, pianificare il futuro.

Questo processo è stato studiato per capire come si sviluppano le capacità cognitive umane, e nello specifico a quale età un essere umano è abbastanza intelligente da ritardare la gratificazione se ciò significa il raggiungimento di un risultato più gratificante in futuro.

Il test è molto semplice e può essere adattato per misurare l’intelligenza animale

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sembra ovvio che non possiamo comunicare con un animale per spiegargli che riceverà una ricompensa migliore se aspetta, ma è possibile addestrarlo a capire che il cibo migliore arriverà se non mangia subito il cibo che gli viene messo di fronte.

Alcuni primati sono in grado di ritardare la gratificazione, insieme ai cani, anche se in modo incoerente. Anche i corvidi hanno superato il test del marshmallow. Lo scorso anno anche le seppie hanno superato con successo uno di questi test riadattati per misurare l’intelligenza animale.

Gli scienziati hanno dimostrato che la seppia comune (Sepia officinalis) può ritardare un pasto a base di carne di granchio al mattino una volta che ha imparato che la cena sarà a base di un cibo più gradito, i gamberetti.

Il team, guidato dall’ecologa comportamentale Alexandra Schnell dell’Università di Cambridge spiega in un nuovo articolo quanto sia complesso determinare se questo cambiamento nel comportamento alla risposta della disponibilità di cibo, fosse governato dall’abilità di esercitare un certo tipo di autocontrollo.

Per scoprirlo il team ha progettato un test “marshmallow”, adattandolo a sei seppie comuni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Test sull’intelligenza animale

Nel nuovo test le seppie venivano poste all’interno di una speciale vasca con due camere chiuse e dotate di porte trasparenti in modo che gli animali potevano vedere all’interno. Nelle camere c’erano degli spuntini: un pezzo di gamberone crudo in una camera e un gambero vivo molto più allettante per le seppie nell’altra.

Le porte erano dotate di simboli che le seppie aveva imparato in precedenza a riconoscere.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un cerchio indicava che la porta si sarebbe aperta immediatamente, un triangolo indicava che la porta si sarebbe aperta dopo un intervallo di tempo compreso tra 10 e 130 secondi e un quadrato, utilizzato solo nella condizione di controllo, indicava infine che la porta sarebbe rimasta chiusa a tempo indeterminato.

Nel Test, il pezzo di gamberone si trovava dietro la porta aperta, mentre il gambero vivo era accessibile solo dopo un certo lasso ‘di tempo. Se la seppia si spostava verso il gambero, il gambero veniva immediatamente tolto.

Nel frattempo, nel gruppo di controllo, i gamberetti si trovavano dietro la porta con il simbolo quadrato che indicava che non si sarebbe aperta.

I ricercatori hanno scoperto che tutte le seppie nelle condizioni di prova decidevano di aspettare il loro cibo preferito (i gamberi vivi), ma non si preoccupavano di farlo nel gruppo di controllo, dove non potevano entrare.

“Le seppie nel presente studio sono state tutte in grado di aspettare la migliore ricompensa e ritardi tollerati fino a 50-130 secondi, che è paragonabile a quello che vediamo nei vertebrati come scimpanzé, corvi e pappagalli”, ha detto Schnell.

La seconda parte dell’esperimento consisteva nel testare quanto fossero brave le sei seppie nell’apprendimento.

Sono stati mostrati due diversi segnali visivi, un quadrato grigio e uno bianco. Quando si sarebbero avvicinati all’uno, l’altro sarebbe stato tolto dalla vasca; se avessero fatto la scelta “corretta”, le seppie sarebbero state ricompensate con del cibo.

Dopo aver imparato ad associare il quadrato a uno spuntino, i ricercatori hanno cambiato le indicazioni, in modo che l’altro quadrato diventasse ora il segnale corretto. È interessante notare che le seppie che hanno imparato ad adattarsi più velocemente a questo cambiamento sono state le stesse seppie che hanno aspettato più a lungo per ricevere la ricompensa dei gamberi.

Sembra che le seppie siano in grado di esercitare un certo autocontrollo anche se il motivo non è chiaro. In specie come pappagalli, primati e corvidi, la gratificazione ritardata è stata collegata a fattori come l’uso di strumenti (che necessitano di una pianificazione anticipata), l’accaparramento alimentare e la competenza sociale.

Le seppie, per quanto ne sappiamo, non usano strumenti, non nascondono cibo, né sono animali particolarmente sociali. I ricercatori ritengono che la capacità di ritardare la gratificazione possa invece avere a che fare con il modo in cui le seppie si nutrono.

“Le seppie trascorrono la maggior parte del loro tempo mimetizzandosi, sedendosi e aspettando, punteggiato da brevi periodi di foraggiamento”, ha detto Schnell .

“Svelano il camuffamento quando si nutrono, quindi sono esposte a tutti i predatori dell’oceano che vogliono mangiarle. Supponiamo che la gratificazione ritardata possa essersi evoluta come sottoprodotto di questo comportamento, quindi le seppie possono ottimizzare il foraggiamento aspettando di scegliere una qualità migliore o più gradita di cibo”.

È un esempio affascinante di come stili di vita molto diversi in specie molto diverse possano portare a comportamenti e capacità cognitive simili. La ricerca futura sull’intelligenza animale dovrebbe cercare di determinare se davvero le seppie sono in grado di pianificare il loro futuro.