Dimenticare fa bene alla memoria

L'importanza dell'oblio è un concetto relativamente nuovo per la scienza. Fino a circa un decennio fa, l'oblio normale, in contrasto con l'oblio 'patologico' che si verifica nella malattia e con l'invecchiamento, era considerato un processo passivo che non aveva alcuno scopo utile

0
1481
Indice

Chi di noi non si è mai preoccupato quando ha smarrito il telefono, o le chiavi o è tornato nei recessi della propria mente alla ricerca di un nome familiare e ne è uscito vuoto?

La nostra cultura ci bombarda di direttive per potenziare le nostre capacità cognitive e addestrare il nostro cervello a conservare le informazioni, ma gli errori mentali possono essere allarmanti e ci preoccupiamo se questa possa essere una normale perdita di memoria o l’inizio della demenza?

Scott A. Small, direttore dell‘Alzheimer’s Disease Research Center della Columbia University e autore di un libro appena pubblicato, Forgetting: The Benefits of Not Remembering (Penguin Random House 2021), in un messaggio afferma che, per la maggior parte delle persone, non solo i vuoti di memoria sono normali, sono necessari per il funzionamento di un cervello sano, tanto importante quanto la capacità di ricordare.

In Forgetting, il dottor Small, professore di neurologia di Boris e Rose Katz alla Columbia, dove ricopre anche incarichi in psichiatria e radiologia, traduce l’attuale scienza della memoria per spiegare perché l’oblio avvantaggia le nostre capacità cognitive e creative, i nostri rapporti personali e la nostra salute sociale.

Psychiatry News in un intervista ha parlato con il Dr. Small della scienza della memoria e di come la memoria e l’oblio lavorino insieme, della differenza tra la routine e l’oblio “patologico” e di come possiamo migliorare nel lasciar andare le cose.

La formazione, la ricerca e il lavoro clinico si sono concentrati sulle malattie neurogenerative che causano la demenza. 

L’importanza dell’oblio è un concetto relativamente nuovo per la scienza. Fino a circa un decennio fa, l’oblio normale, in contrasto con l’oblio ‘patologico’ che si verifica nella malattia e con l’invecchiamento, era considerato un processo passivo che non aveva alcuno scopo utile.

Poi gli studi hanno cominciato a fondersi con numerosi campi rivelando che ci sono “nano-macchine” molecolari separate all’interno dei neuroni, una per la memoria e l’altra per l’oblio.

Questi risultati indicano un meccanismo attivo all’interno del nostro cervello che ci aiuta a ripulire le informazioni non necessarie in modo da poter conservare le informazioni più rilevanti per l’archiviazione a lungo termine.

Questa è una scoperta entusiasmante che presenta un nuovo percorso per gli specialisti della memoria, per capire meglio come il cervello immagazzina e recupera i ricordi e i disturbi del cervello umano che interferiscono con la capacità della mente di dimenticare attivamente.

Quali sono gli aspetti positivi della capacità di dimenticare?

In un mondo brulicante di informazioni, è essenziale essere in grado di abbassare il rumore e scartare dettagli inutili, in modo che non interferiscano con l’accesso a nuove conoscenze o idee. Senza la nostra consapevolezza, in particolare durante il sonno, il cervello seleziona costantemente quali ricordi conservare e quali possono essere eliminati e dimenticati.

La capacità di dimenticare ci aiuta a stabilire le priorità, pensare meglio, prendere decisioni ed essere più creativi. L’oblio normale, in equilibrio con la memoria, ci dà la flessibilità mentale per afferrare concetti astratti da un pantano di informazioni immagazzinate, permettendoci di vedere la foresta attraverso gli alberi.

Questi benefici non si applicano al tipo di dimenticanza “patologica” comunemente causata dal morbo di Alzheimer e da altre forme di demenza, le afflizioni delle centinaia di pazienti che ho cercato di aiutare nel corso della mia carriera e a cui dedico il mio libro. Parlo dei processi naturali con cui nasciamo e che avvengono in tutti gli individui sani e sono essenziali per il funzionamento del cervello“, afferma il Dr. Small.

Esiste qualcosa come la memoria fotografica o l’ultra-memoria?

La capacità di ricordare esiste lungo uno spettro, simile ad altri tratti, come essere basso o alto, socievole o timido. La memoria fotografica, un sistema di memoria in cui le istantanee non tramontano mai, è una specie di mito, più finzione che scienza.

Ci sono persone che hanno ricordi molto superiori per certe cose, ma non per tutte. Ad esempio, in una rara condizione nota come sindrome ipertimestica (nota anche come memoria autobiografica altamente superiore o HSAM), le persone possono ricordare un vasto numero di esperienze di vita con dettagli vividi (compresi eventi irrilevanti come un viaggio a Target), ma sono non necessariamente abili nel ricordare tutte le informazioni, come i numeri di telefono o dove hanno messo le chiavi.



Perché qualcuno dovrebbe volere una memoria fotografica, che dia uguale accesso alla miseria e alla gioia? Non dimenticare mai, trattenere le ferite e i risentimenti meschini.

Qual è il legame tra PTSD e memoria?

Il disturbo della sindrome post-traumatica è una condizione in cui i ricordi traumatici o terrificanti rimangono incorporati nella mente come schegge, impedendo il naturale recupero del cervello. È una malattia dell’eccessiva memoria emotiva, un disturbo da “cervello in fiamme”, caratteristico di altre condizioni psichiatriche, come il disturbo ossessivo-compulsivo, i disturbi d’ansia e le fobie.

In questi disturbi, le regioni chiave del cervello vengono inondate di segnali che si attivano in modo persistente. Al contrario, le malattie del “cervello sul ghiaccio”, come l’Alzheimer o il Parkinson, sono caratterizzate da reti neuronali interrotte che si degradano gradualmente nel tempo.

Cosa possiamo fare per aiutare il processo di lasciare andare i ricordi inutili?

Una delle conclusioni a cui sono giunto nel libro è che il modo migliore per evitare che non solo il disturbo da stress post-traumatico, ma anche qualsiasi ricordo doloroso si bruci troppo, è rimanere socievoli, cercare amicizia e amore e impegnarsi con la vita”.

L’interazione sociale sembra reprimere la parte del cervello che immagazzina troppi ricordi emotivi, soffocando il fuoco. Questo è uno dei motivi per cui l’assenza di contatto umano è stata di tale preoccupazione durante la pandemia di COVID-19“.

L’isolamento e la solitudine sono associati a così tante conseguenze negative, dalla depressione, alti livelli di ansia e tassi di suicidio alla riduzione delle funzioni immunitarie e cognitive“.

Oltre a impegnarsi nella vita, un altro modo per aiutare il cervello a dimenticare attivamente è prendere una decisione consapevole di lasciar andare risentimenti, rancori e delusioni passate. Più ci soffermiamo su un ricordo doloroso o rimuginare sugli eventi che circondano il ricordo, più forti diventano le connessioni neuronali attorno al ricordo“.

C’è qualcosa nel vecchio detto “che dobbiamo dimenticare per perdonare“. La maggior parte dei conflitti coniugali deriva dall’incapacità di dimenticare.

Un terapeuta di coppia ha detto, un po’ scherzosamente, che se qualcuno potesse fabbricare un farmaco che potesse affrettare la dimenticanza di offese e insulti, farebbe una fortuna!”

2