Chip 1 di Neuralink: il grande bluff di Musk?

Macabri resoconti sui maltrattamenti subiti dai primati ai quali è stato impiantato il chip 1 di Neuralink mettono in dubbio l'operato dell'azienda. Le scimmie sarebbero state sottoposte ad agonie evitabili e ad oggi non esiste nessun riscontro oggettivo sui risultati riferiti da Elon Musk

2
209
Muovere il mouse col pensiero

In un nuovo articolo per Nature sul Chip 1 di Neuralink, viene spiegato che non solo non si tratta certo di una nuova innovazione, ma non sono state fornite sufficienti informazioni per verificare le affermazioni ottimistiche di Elon Musk sul suo progetto o, cosa più inquietante, per valutare la sicurezza delle sue pratiche.

Neuralink recluterà tetraplegici per i primi esperimenti sull'uomo, chip 1 di Neuralink

Il fondatore di Neuralink, infatti, ha affermato che il primo essere umano a ricevere uno degli impianti cerebrali attentamente esaminati dalla sua azienda era già in grado di controllare il cursore del mouse con la mente.

L’unico problema è che da allora, non è stata condivisa alcuna prova dell’effettivo funzionamento del Chip 1 di Neuralink a sostegno di tale affermazione e i ricercatori medici stanno iniziando a smascherare il bluff di Musk.

Neuralink condivide solo le informazioni che vogliono farci sapere“, ha dichiarato a Nature Sameer Sheth, un neurochirurgo specializzato in neurotecnologie impiantate presso il Baylor College of Medicine: “C’è molta preoccupazione nella comunità al riguardo“.



Musk ha affermato su X-ex-Twitter il mese scorso che il paziente umano che ha ricevuto il chip 1 di Neuralink si stava “riprendendo bene”. Ma come può affermate chiunque abbia seguito il progetto, ci sono buone ragioni per essere preoccupati per quello che sta realmente accadendo dietro le quinte.

A mettere in ombra i presunti risultati dell’azienda ci sono le macabre rivelazioni fatte sul trattamento riservato alle scimmie: i documenti trapelati descrivono dettagliatamente come gli impianti del chip 1 di Neuralink abbiano provocato una miriade di lesioni aberranti, tra cui la rottura del cervello di una scimmia e la causa di un grave gonfiore cerebrale. In molti casi, le scimmie hanno trascorso gli ultimi giorni della loro vita in inutili agonie che secondo gli esperti avrebbero potuto essere evitate.

Muovere il mouse col pensiero, chip 1 di Neuralink

Facendo eco a queste preoccupazioni sulla sicurezza, Sheth ha spiegato che i ricercatori sono ancora all’oscuro delle capacità del chip 1 di Neuralink. Finora, osserva: “Abbiamo visto solo filmati del suooperare” su un manichino più di un anno fa. In realtà, non è ancora stato confermato se il chirurgo robotico sia stato utilizzato sul paziente umano”.

Un dettaglio rilevante che solleva interrogativi sulle capacità chirurgiche di Neuralink è un altro rapporto di una scimmia con un impianto cerebrale mal riuscito. Secondo un’autopsia, la scimmia ha dovuto essere sottoposta ad eutanasia dopo che il dispositivo era diventato così allentato che le viti che lo fissavano al cranio “potevano essere facilmente sollevate“.

Questi test sono avvenuti diversi anni fa, quindi per il bene del paziente possiamo sperare che da allora Neuralink sia diventato più sicuro con le sue pratiche. Sulla base degli scarsi dettagli finora, però, non è nemmeno chiaro se Neuralink abbia realizzato qualcosa di rivoluzionario.

Un essere umano che controlla un cursore non è una novità“, ha spiegato Bolu Ajiboye, un ricercatore sull’interfaccia cervello-computer della Case Western Reserve University. Egli osserva che il primo essere umano a controllare un cursore con un impianto cerebrale è stato nel 2004, e che i test lo hanno dimostrato nelle scimmie per un periodo ancora più lungo.

Nel frattempo, altri progetti di impianti cerebrali hanno permesso a pazienti completamente paralizzati di comunicare attraverso un avatar digitale usando solo la mente, o di controllare protesi robotiche che cambiano la vita.Tuttavia, Ajiboye non è ancora pronto a escludere del tutto il chip 1 di Neuralink.

Più aziende sono coinvolte nelle BCI umane”, ha concluso: “Meglio è far avanzare il campo“.

I rapporti emersi sul trattamento riservato da Neuralink alle scimmie sono stati fumosi. Resoconti di cervelli spezzati e preoccupazione hanno perseguitato tutti coloro che li hanno letti, sottoponendo l’azienda biotecnologica ad un immenso controllo.

La Securities and Exchange Commission (SEC) è sottoposta a pressioni da parte dei legislatori affinché indaghi il fondatore Elon Musk, che potrebbe aver fuorviato gli investitori non rivelando gli effetti macabri del suo chip 1 di Neuralink nei primati.

È stato riferito che quattro membri della Camera dei Rappresentanti hanno accusato Musk di aver rilasciato false dichiarazioni nel settembre 2023 riguardo alla morte di una dozzina di macachi durante i processi Neuralink condotti tra il 2018 e il 2020.

I rappresentanti, Earl Blumenauer (D-OR), Jim McGovern (D-MA), Barbara Lee (D-CA) e Tony Cardenas (D-CA), sostengono che Musk ha commesso una frode offuscando la legalità dei processi Neuralink agli investitori.

Fanno riferimento a un post su X-ex-Twitter che Musk ha pubblicato a settembre 2023, in cui sosteneva che tutte le scimmie che sono morte erano casi “terminali” che erano “già vicine alla morte”, affermando che nessuna di loro “è come un risultato di un impianto del chip 1 di Neuralink”.

Il signor Musk sa che questa affermazione è falsa“, hanno detto i rappresentanti al capo della SEC Gary Gensler.

Un ex dipendente di Neuralink ha detto alla rivista che l’affermazione di Musk secondo cui le scimmie erano terminali era ridicola: “Abbiamo avuto queste scimmie per circa un anno prima che venisse eseguito qualsiasi intervento chirurgico”, ha chiarito l’ex dipendente.

Uno scienziato anonimo che ha lavorato presso il centro per primati dove Neuralink ha condotto i suoi esperimenti ha affermato che tutte le scimmie erano giovani e probabilmente sane: “È difficile immaginare che queste scimmie, che non erano adulte, fossero terminali per qualche motivo“.

Muovere il mouse col pensiero, chip 1 di Neuralink

Se c’è del vero in quello che è stato appreso sul trattamento degli animali da parte di Neuralink, i rappresentanti sostengono che questi dettagli riguardano direttamente “la sicurezza e la commerciabilità dell’interfaccia cervello-computer di Neuralink“.

Nascondendo queste informazioni agli investitori, Musk potrebbe persino aver violato una norma della SEC riguardante le informazioni pubbliche sulle attività dell’azienda.

Bisognerà vedere se la SEC deciderà di intervenire ancora una volta. Per ora, Musk sta procedendo come se nulla fosse successo, preparando i suoi robot che avranno il compito di eseguire interventi chirurgici per impiantare il chip 1 di Neuralink negli esseri umani.

2