Neuralink recluterà tetraplegici per i primi esperimenti sull’uomo

Neuralink ha annunciato l'inizio dei suoi primi test sull’uomo

Siamo lieti di annunciare che abbiamo ricevuto l’approvazione da parte del comitato di revisione istituzionale indipendente e del nostro primo sito ospedaliero per iniziare il reclutamento per il nostro primo studio clinico sull’uomo“, è scritto in un post sul sito web dell’azienda.

Lo studio PRIME (abbreviazione di Precise Robotically Implanted Brain-Computer Interface) – un innovativo studio sperimentale sui dispositivi medici per la nostra interfaccia cervello-computer wireless (BCI) completamente impiantabile – mira a valutare la sicurezza del nostro impianto (N1) e dell’interfaccia chirurgica robot (R1) e valutare la funzionalità iniziale della nostra BCI per consentire alle persone con paralisi di controllare i dispositivi esterni con il pensiero“.

Un mondo in cui Stephen Hawking avesse accesso alla BCI

L’azienda di Elon Musk ora cerca persone affette da quadriplegia dovuta a lesione del midollo spinale cervicale o da sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Mercoledì Musk ha ricondiviso su X il post dell’azienda spiegando che la tecnologia ha il “potenziale per ripristinare il movimento completo del corpo“. Ha aggiunto che si può solo immaginare cosa sarebbe successo se Stephen Hawking avesse avuto accesso a questa tecnologia.

Musk ha fondato la società di neurotecnologie Neuralink nel luglio 2016. La società ha sede a San Francisco, in California, e il suo obiettivo principale è creare soluzioni per le interfacce cervello-macchina (BMI). L’obiettivo di queste interfacce è colmare il divario di comunicazione tra il cervello e i computer o altri dispositivi esterni. La missione finale di Neuralink è stabilire un’interfaccia diretta tra il cervello e la tecnologia al fine di migliorare l’intelletto umano e curare le malattie neurologiche.

L’impianto N1 di Neuralink è un sistema che viene posizionato su un’area specifica nel cervello per monitorare l’attività neurale e stimolare i neuroni. Neuralink ha sempre avuto l’intenzione di eseguire test sull’uomo dopo aver completato i test iniziali dell’impianto N1 sugli animali da laboratorio.

Finora, la creazione di connessioni cervello-computer sicure ed efficienti ha presentato una serie impegnativa di questioni tecnologiche e morali. Neuralink ha migliorato la progettazione degli elettrodi e i metodi di impianto, tuttavia ci sono ancora sfide da superare in termini di sicurezza a lungo termine e approvazioni normative.

La nuova ricerca sull’uomo potrebbe proprio affrontare queste complicazioni.

Nei nuovi studi, il rivoluzionario impianto N1 verrà posizionato chirurgicamente in una regione del cervello che controlla l’intenzione del movimento. Un robot chiamato R1 consentirà a questo processo di avvenire tramite impianto chirurgico. I test valuteranno quindi se le persone possono utilizzare il cursore o la tastiera di un computer utilizzando solo il pensiero. Questo è l’obiettivo principale della BCI.

I test

In passato, Neuralink ha tenuto dimostrazioni aperte, inclusi eventi in live streaming in cui sono stati presentati dispositivi impiantati nei maiali ed è stata descritta la tecnologia con le sue potenzialità.

La nuova tecnologia di Neuralink ha il potenziale per essere utilizzata in vari modi, incluso il trattamento delle malattie neurologiche, il ripristino del funzionamento sensoriale per le persone con disabilità e persino il potenziamento delle capacità umane come il miglioramento della memoria o la comunicazione diretta tramite il pensiero.

Neuralink ha osservato che “lo studio PRIME è condotto nell’ambito dell’esenzione per dispositivi sperimentali (IDE) concessa dalla FDA nel maggio 2023“.

Musk, che crede che l’intelligenza artificiale supererà presto l’intelligenza umana, ha indicato scoperte fatte in laboratori di ricerca come OpenAI, che ha co-fondato, e DeepMind, un laboratorio di intelligenza artificiale di Londra che è stato acquisito da Googlenel 2014.

DeepMind ha “praticamente esaurito i giochi in cui vincere”, ha raccontato Musk, che è stato uno dei primi investitori a credere nella società.

Gli esseri umani, secondo Musk, sono in effetti già dei “cyborg” perché hanno un “livello digitale” terziario grazie a telefoni, computer e applicazioni.

“Con un’interfaccia neurale diretta, potremo migliorare la larghezza di banda tra la corteccia e il livello terziario digitale di molti ordini di grandezza”, ha aggiunto il miliardario. “Direi probabilmente almeno 1.000, o forse 10.000, o più”.

La corteccia è una parte del cervello che svolge un ruolo importante per quanto riguarda la memoria, nell’attenzione, nella consapevolezza percettiva, nel pensiero, nel linguaggio e nella coscienza.

Articoli più letti

Related articles