I cani che inclinano la testa non sono solo adorabili: sono super intelligenti

Se il tuo cane inclina la testa quando sente il suo nome, congratulazioni: quel cane potrebbe essere un genio

352

Se il tuo cane inclina la testa quando sente il suo nome, congratulazioni: quel cane potrebbe essere un genio.

Un nuovo studio ha scoperto che l’inclinazione della testa apparentemente sconcertante non è un segno di confusione come potremmo essere portati a credere. Invece, è in realtà un segno che il cane sta elaborando il significato di parole come comandi orali e creando connessioni. I cani che inclinavano la testa più spesso erano anche i migliori nel rispondere con successo ai comandi, alcuni dei quali piuttosto complessi.

Il dottor Andrea Sommese, l’autore principale dello studio e ricercatore presso l’Università Eötvös Loránd di Budapest, è stato ispirato a condurre questa ricerca dopo essere stato coinvolto nella Genius Dog Challenge, una serie trasmessa in diretta che presenta cani di grande talento. Durante le trasmissioni, alcuni dei cani dotati sono stati molto bravi a imparare i nomi di un’ampia varietà di giocattoli. Quando il nome dei giocattoli veniva pronunciato dai loro proprietari, i cani spesso inclinavano la testa.

L’inclinazione della testa, così come lo scodinzolare, l’annusare e puntare una delle orecchie, è un tipo di movimento asimmetrico tipico dei cani che mostra che l’animale preferisce usare una delle sue parti del corpo rispetto ad altre quando interagisce con l’ambiente.

“Inclinare la testa è un altro movimento asimmetrico nei cani, ma non è mai stato studiato. Abbiamo studiato la frequenza e la direzione di questo comportamento in risposta a una specifica vocalizzazione verbale umana: quando il proprietario chiede al cane di portare un giocattolo pronunciandone il nome. Lo abbiamo fatto dopo aver realizzato che succedeva spesso quando i cani ascoltavano i loro proprietari”, ha detto Sommese in una nota.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sommese e colleghi hanno analizzato attentamente tutte le trasmissioni del Genius Dog Challenge, che ha coinvolto 40 cani di varie razze. Ai proprietari è stato chiesto di insegnare ai loro animali domestici i nomi di due giocattoli e di testare quanto fossero bravi nel compito una volta al mese per tre mesi. Il test era semplice: il cane doveva andare a prendere il giocattolo corretto quando il suo nome veniva pronunciato da una stanza adiacente.

La maggior parte dei cani, tuttavia, ha fallito in questo compito. Anche due nomi di giocattoli si sono rivelati troppo. Tuttavia, tutti e sette i border collie hanno superato il test in modo impeccabile. I collie sono considerati una delle razze di cani più intelligenti al mondo e questo esperimento ha convalidato la loro abilità cognitiva con i ricercatori ungheresi che li hanno definiti “studenti di parole dotati”.

Durante l’esperimento, gli scienziati hanno registrato la presenza o l’assenza di inclinazione della testa quando i proprietari pronunciavano il nome del giocattolo. I cani tipici raramente inclinavano la testa mentre i cani dotati il ​​più delle volte inclinavano la testa dopo aver sentito il comando di recupero.

In effetti, la differenza era sorprendente. Gli studenti dotati hanno inclinato la testa il 43% delle volte, mentre gli altri 33 cani lo hanno fatto solo il 2% delle volte. Non sembra una coincidenza e i ricercatori sembrano concordare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Sembra che ci sia una relazione tra il successo nel recuperare un giocattolo con un nome e le frequenti inclinazioni della testa dopo aver sentito il suo nome. Ecco perché suggeriamo un’associazione tra l’inclinazione della testa e l’elaborazione di stimoli rilevanti e significativi”, chiarisce Shany Dror, coautore dello studio.

Tuttavia, questi risultati non significano necessariamente che il tuo cane sia intellettualmente sfidato solo perché gli manca l’inclinazione della testa.

“È importante notare che questo studio ha evidenziato solo l’inclinazione della testa durante un’interazione comunicativa molto specifica tra cane e proprietario: quando il proprietario chiede al cane di prendere un giocattolo con un nome. Quindi, è importante astenersi dal pensare che solo i cani Gifted Word Learner inclinino la testa in altre situazioni non testate in questo studio”, aggiunge Andrea Temesi, un altro ricercatore che lavora al progetto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori hanno continuato a lavorare solo con i collie in una serie di altri esperimenti più impegnativi. A causa delle restrizioni COVID-19, hanno raccolto i dati da remoto con l’aiuto dei proprietari, che hanno collaborato e installato due telecamere collegate a un software livestream che monitorava i comportamenti sia dei cani che dei loro proprietari.

Nel nuovo esperimento, i collie sono stati sfidati a imparare i nomi di 12 nuovi giocattoli e avevano solo una settimana per farlo. Sono stati quindi testati prelevando il giocattolo corretto dal mazzo un mese e poi due mesi dopo.

I collie si sono comportati meravigliosamente, recuperando il giocattolo corretto l’86% delle volte. Uno dei collie, di nome Whisky, è stato particolarmente dotato riportando il giocattolo corretto 54 volte su 59. Un mese dopo, il tasso di recupero è sceso al 61%. Due mesi dopo è sceso al 57%, il che non è affatto male considerando che i cani hanno perso l’addestramento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ancora una volta, i cani hanno inclinato la testa quando hanno sentito il nome dei giocattoli gridato dai proprietari. Ogni cane tendeva a inclinare la testa solo da un lato o dall’altro in modo abbastanza coerente. Per i ricercatori, questo è visto come un’altra prova che i cani si impegnano in questo comportamento quando si concentrano su un compito cognitivo.

Tuttavia, imparare e ricordare i nomi degli oggetti non è esclusivo dei collie. Al termine dello studio, i ricercatori hanno scoperto che anche i cani di altre razze sono abili nell’apprendimento di nuove parole. Questi includono un pastore tedesco, un pechinese, un mini pastore australiano e alcuni cani di razze miste.

“Quello che abbiamo testato è un’abilità molto specifica: la capacità di apprendere i nomi degli oggetti”, ha detto Dror a NBC News.

“Tutti i cani, tuttavia, sono bravi a capire i loro umani”, ha detto. “Lo fanno essendo in grado di leggere anche i movimenti molto sottili che facciamo e imparando in quale contesto facciamo cosa. Sono sintonizzati su tutte le nostre attività e possono imparare molto osservandoci”.

I risultati sono apparsi sulla rivista Animal Cognition.