Il caccia giapponese di sesta generazione “Godzilla” sarà dotato di missili di produzione nazionale

Il tanto atteso caccia giapponese di sesta generazione, chiamato ufficiosamente "Godzilla", sarà equipaggiato con un missile aria-aria di produzione domestica

0
268
Il caccia giapponese di sesta generazione "Godzilla" sarà dotato di missili di produzione nazionale
Il caccia giapponese di sesta generazione "Godzilla" sarà dotato di missili di produzione nazionale

Kyodo News riporta che il tanto atteso caccia giapponese di sesta generazione, chiamato ufficiosamente “Godzilla”, sarà equipaggiato con un missile aria-aria di produzione domestica. Sviluppato congiuntamente da Giappone, Italia e Regno Unito, i progettisti ritengono che dotarlo con un missile fatto in casa sarebbe la soluzione migliore per il primo lotto di caccia, il cui rilascio è previsto intorno al 2035.

Tutte le opzioni restano aperte

Secondo una fonte che avrebbe “familiarità con la questione“, uno studio condotto da Giappone e Gran Bretagna sul caccia di sesta generazione per l’Air Self-Defense Force (ASDF) giapponese ha scoperto che un missile aria-aria sviluppato in Giappone fornirebbe prestazioni superiori ad un costo inferiore rispetto al missile aria-aria “Meteor” di fabbricazione europea. Secondi la fonte, in futuro, tuttavia, il Giappone potrebbe prendere in considerazione la possibilità di dotare i suoi nuovi caccia di missili utilizzati dagli aerei da guerra britannici e italiani per migliorarne le capacità.

Portato all’attenzione del pubblico per la prima volta nel dicembre 2020, il nuovo caccia giapponese è stato presentato nel dicembre del 2022. Designato ufficialmente aereo FX o F-3, è stato ritenuto necessario per tenere il passo e superare le capacità aeree dei paesi vicini, in particolare Cina e Russia. Questo è il primo programma di difesa intrapreso dalla nazione insulare senza gli Stati Uniti.

Il programma mira a dotare il nuovo caccia di funzioni di interoperabilità che facilitino le operazioni congiunte con le forze alleate, in particolare in caso di emergenza. Si prevede inoltre che sarà in grado di condividere dati con aerei statunitensi amici, come gli F-22 e gli F-35, rendendo le operazioni più sicure e snelle per le risorse alleate. La progettazione della carrozzeria e del motore dell’aereo è attualmente in corso. Inoltre, secondo la fonte, si stanno svolgendo trattative per istituire un organismo di controllo che attuerà le decisioni prese dalle autorità di difesa per semplificare il processo di sviluppo.

Il nuovo missile è in linea con il tema generale del programma in quanto prevede, per quanto possibile, di esternalizzare componenti come sensori a infrarossi, cellule leggere e sistemi informativi nella propria catena di fornitura, con la speranza di lavorare con aziende nazionali. Mentre verrà utilizzata l’assistenza tecnica esterna, Tokyo mira a sviluppare e migliorare le proprie capacità industriali nazionali. Si tratta anche di una tendenza crescente di nazioni che vanno oltre le aspettative, cercando di portare alcuni aspetti delle loro industrie della difesa nello spazio domestico, come l’India.



Secondo il ministero della Difesa giapponese, riporta Kyoto News, il Giappone intende sostituire circa 90 vecchi caccia F-2 dell’ASDF, che andranno in pensione nel 2035 con i nuovi aerei da combattimento. Inoltre, è prevista la sostituzione di un totale di 240 aerei Eurofighter in Gran Bretagna e Italia.

Il “Meteor” è ancora un’opzione

Tuttavia, come accennato in precedenza, potrebbe esserci ancora spazio per i sistemi d’arma importati. Ad esempio, il missile “Meteor” (sviluppato da sei stati europei, tra cui Gran Bretagna e Italia, utilizzato su Eurofighter e altri velivoli) potrebbe essere preso in considerazione anche per l’uso sui nuovi aerei da combattimento dei due paesi. Considerando la natura del team di progettazione, questa sarebbe probabilmente una buona alternativa “di riserva” a un missile aria-aria di fabbricazione giapponese.

Per quanto riguarda l’installazione di dispositivi elettronici sui nuovi aerei da caccia, l’aereo da trasporto giapponese Kawazaki ASDF C-2 sarà sottoposto a modifiche per le prove di volo. Ci sarà anche un focus sul progresso della ricerca sull’intelligenza artificiale per sviluppare droni per aiutare nelle operazioni degli aerei da combattimento.

2