“Ghost Bat”, il nuovo drone simile a un caccia di Boeing – video

La filiale australiana di Boeing ha presentato il suo nuovo veicolo aereo da combattimento senza equipaggio, soprannominandolo ufficialmente MQ-28A “Ghost Bat”.

Il nome del drone richiama una specie inquietante di pipistrello predatore che si trova solo in Australia. Il drone Ghost Bat condivide molte cose con il suo omonimo mammifero, incluso l’uso di sensori per localizzare la preda e uno stile di caccia cooperativo che lo vedrà agire in combinazione con aerei con equipaggio per affrontare minacce sia in aria che a terra.

La selezione del nome, quello di un pipistrello nativo australiano noto per collaborare in branco per rilevare e cacciare, riflette le caratteristiche uniche dei sensori dell’aereo e delle capacità di intelligence, sorveglianza e ricognizione ed è un nome appropriato per questa capacità pionieristica“, ha affermato in una dichiarazione Glen Ferguson, direttore dell’International Air Power Teaming System Program di Boeing.

La designazione militare del Ghost Bat è MQ-28A. Nel gergo militare statunitense, “M” tradizionalmente sta per “multi-missione”, mentre “Q” sta per “drone”. Quindi, “drone multi-missione”. La designazione -28A segue il drone di sorveglianza e rifornimento aereo MQ-25A Stingray della Marina degli Stati Uniti.

pipistrello fantasma

Una coppia di Ghost Bat al Woomera Test Range, in Australia.

Non è chiaro chi abbia assegnato l’MQ-28A al Ghost Bat, poiché il drone è di origine australiana e tali designazioni sono in genere riservate agli aerei americani. Inoltre, Boeing Australia è nel suo cuore un’azienda americana. Tuttavia, non è chiaro se ci siano droni con designazioni -26 e -27 o se Boeing Australia li abbia saltati.

Il primo ministro australiano Malcom Turnbull
Un F-35A della Royal Australian Air Force, Geelong, Australia, 2017. L’MQ-28A Ghost Bat volerà insieme a caccia australiani, incluso l’F-35A. – AGENZIA ANADOLU GETTY IMAGES
Il pipistrello fantasma è un cacciatore notturno che usa una combinazione di vista acuta ed ecolocalizzazione per cacciare e catturare la preda, avvolgendolo con le sue braccia simili ad ali. D’altra parte, si pensa che i pipistrelli fantasma siano orientati alla famiglia, con i maschi che avvolgono le ali attorno alle femmine e alla prole.

Boeing Australia afferma che i sensori naturali del pipistrello fantasma e la capacità di caccia cooperativa sono simili al metodo di funzionamento del drone Ghost Bat.

Ghost Bat è stato originariamente concepito come un “leale gregario“, un drone da combattimento che può volare a fianco di un jet da combattimento, agendo come un caccia senza equipaggio, un jammer o un’esca. Il drone potrebbe anche scortare obiettivi di alto valore come petroliere e aerei di comando e controllo aerei, intercettando le minacce e consentendo all’aereo più grande e più importante con equipaggio di scappare.

Ghost Bat è stato sviluppato per la Royal Australian Air Force. Ciò significa che Ghost Bat volerà insieme ai Super Hornets australiani, ai Joint Strike Fighters e ai velivoli di preallarme e controllo aviotrasportati Wedgetail. Il drone è il primo aereo da combattimento nativo australiano in 50 anni.

L’uso da parte di Boeing della designazione MQ-28A suggerisce che cercherà di piazzare il drone anche dalle parti del pentagono.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Articoli correlati

Popular Categories