Breakthrough Listen ricerca segnali da civiltà intelligenti vicino al centro della Via Lattea

Il progetto Breakthrough Listen ha fatto diversi tentativi per trovare prove di civiltà aliene attraverso la radioastronomia. Il suo ultimo sforzo focalizza l'attenzione sul centro della nostra galassia

0
372

Il progetto Breakthrough Listen ha fatto diversi tentativi per trovare prove di civiltà aliene attraverso la radioastronomia. Il suo ultimo sforzo focalizza l’attenzione sul centro della nostra galassia.

Breakthrough Listen è un progetto per la ricerca di comunicazioni extraterrestri intelligenti nell’Universo. Con 100 milioni di dollari di finanziamento e migliaia di ore di tempo dedicato all’osservazione con strutture all’avanguardia, è la ricerca più completa di eventuali comunicazioni aliene fino ad oggi. Il progetto è iniziato nel gennaio 2016 e dovrebbe continuare per 10 anni. È una componente del programma Breakthrough Initiatives del miliardario russo israeliano Yuri Milner

Il programma scientifico per Breakthrough Listen ha sede presso il Berkeley SETI Research Center, situato nel dipartimento di astronomia presso l’Università della California.

Il progetto utilizza osservazioni di onde radio dal Green Bank Observatory e dall’Osservatorio Parkes e osservazioni alla luce visibile dall’Automated Planet Finder. Gli obiettivi del progetto includono un milione di stelle vicine e il centro di 100 galassie. Tutti i dati generati dal progetto sono disponibili al pubblico e SETI@Home viene utilizzato per alcune analisi dei dati. 

I primi risultati sono stati pubblicati ad aprile 2017, con ulteriori aggiornamenti previsti ogni 6 mesi.



Perché Breakthrough Listen cerca al centro della galassia

L’idea alla base di Breakthrough Listen è che se là fuori esistono civiltà aliene, probabilmente emettono segnali radio intenzionalmente o meno. La maggior parte del lavoro si è concentrata sull’osservazione di stelle con pianeti potenzialmente abitabili, l’idea è che proprio come noi emettiamo segnali radio, anche loro probabilmente faranno lo stesso.

La regione centrale della nostra galassia è un ottimo posto per puntare il telescopio se desideri ascoltare i segnali emessi da migliaia di stelle. È la regione della Via Lattea dove le stelle sono più densamente raggruppate. Lo svantaggio è che il centro della Via Lattea cade al di fuori della zona abitabile galattica.

Galactic Habitable Zone.00 00 18 23.Still001
La zona abitabile della Via Lattea. Credito: NASA / Caltech

Per un sistema planetario, la zona abitabile è definita dalla distanza di un pianeta dalla sua stella. Troppo vicino e l’acqua bollirebbe evaporando, troppo lontano e tutto si congelerebbe. Ovviamente, le cose non sono così semplici e la vita potrebbe sorgere in luoghi inaspettati, ma gli scienziati ritengono che questa sia una buona guida approssimativa. 

In linea di principio, non dovrebbe importare dove si trova un sistema stellare abitabile nella nostra galassia, ma su scala cosmica sì. Eventi catastrofici nelle vicinanze come supernove e lampi di raggi gamma potrebbero friggere la vita su un giovane pianeta. Poiché la regione centrale della nostra galassia è densa del tipo di stelle grandi che tendono ad esplodere, è probabile che sia molto ostile alla vita.

Tuttavia, se sei una civiltà galattica e vuoi annunciare la tua presenza all’universo, potresti mettere un trasmettitore radio ad alto volume vicino al centro della galassia dove tutti potrebbero sentirlo. Quindi Breakthrough Listen ha deciso di dare un’occhiata approfondita al centro della Via Lattea.

odds
Le probabilità di un segnale ripetuto dal centro galattico. Credito: Gajjar, et al

Per fare ciò, il team ha cercato i cosiddetti segnali transitori radio. 

Si tratta di esplosioni radio di breve durata che possono essere causate da cose come magnetar e bagliori stellari. Poiché la maggior parte dei transitori avviene in modo casuale nel cielo, una civiltà aliena potrebbe risaltare generando esplosioni radio con periodicità regolare, diciamo ogni poche ore circa. Utilizzando il Green Bank Telescope nella Virginia Occidentale e il radiotelescopio Parkes nell’Australia orientale, il team ha raccolto 600 ore di osservazioni radio.

Come ci si potrebbe aspettare, non hanno trovato prove di un segnale alieno ripetuto. Tuttavia, i loro dati erano tarati per escludere la ripetizione di segnali con un periodo fino a 10 ore circa. Può darsi che gli alieni trasmettano con una periodicità maggiore, ma finora non è stato trovato nulla.

Nonostante la mancanza di segnali alieni, lo studio ha individuato diversi eventi transitori. 

Questi non solo ci aiutano a comprendere fenomeni come le magnetar radiotrasparenti, ma ci aiutano anche a mappare la distribuzione di questi oggetti nella regione galattica centrale. 

È uno studio che svolge un doppio compito, e questo lo rende buono sia per i cercatori di alieni che per chi è interessato a fare esclusivamente ricerca scientifica.

Riferimento: Vishal Gajjar, et al. “The Breakthrough Listen Search For Intelligent Life Near the Galactic Center I“. prestampa arXiv: 2104.14148 (2021).

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

2