6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeEsplorazione SpazialePossibili ghiacciai scoperti su Marte

Possibili ghiacciai scoperti su Marte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un potenziale sito di atterraggio su Marte potrebbe essere, in realtà, un insieme di ghiacciai coperti di detriti.

Strane caratteristiche sinuose individuate sulla pianura conosciuta come Arcadia Planitia hanno una sorprendente somiglianza con i flussi di ghiaccio all’interno delle calotte glaciali in Antartide, come sostiene un nuovo studio. Se queste formazioni fossero effettivamente ghiacciai, potrebbero rafforzare l’eventuale decisione di dirigere future missioni con equipaggio su Marte verso la regione. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’area era già stata individuata come interessante da SpaceX e la NASA perché è una pianura ampia e piatta, ideale per l’atterraggio di veicoli spaziali. Se sotto la superficie della pianura, a profondità facilmente raggiungibili, fosse presente ghiaccio, gli astronauti potrebbero anche disporre di una fonte d’acqua relativamente a portata di mano.

Le caratteristiche individuate in Arcadia Planitia sono anomale perché si verificano su un terreno pianeggiante, ha detto il primo firmatario dello studio Shannon Hibbard, uno studente di dottorato dell’Università dell’Ontario occidentale in Canada.

Ci sono molte prove che questa sia un’area ricca di ghiaccio, ma non abbiamo alcun rilievo topografico importante che si verifica dove si trovano queste caratteristiche sinuose“, ha detto Hibbard in un’intervista a WordsSideKick.com. “Il fatto che appaiano su un’area piuttosto piatta è un po’ strano“. 

Morfologie misteriose simili a ghiacciai in Arcadia Planitia

Arcadia Planitia si trova nelle pianure settentrionali di Marte. Negli ultimi 3 miliardi di anni, flussi di lava attivi hanno levigato questa regione, che infatti appare molto meno butterata di crateri rispetto ad altre parti del pianeta. I dati raccolti dall’orbita nel corso degli anni suggeriscono che il suolo della regione sia ricco di idrogeno. 

Poiché l’acqua è composta da molecole di idrogeno e ossigeno, questo idrogeno suggerisce la presenza di ghiaccio d’acqua proprio sotto la superficie.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per decenni, gli scienziati hanno notato su Marte caratteristiche che sembrano legate alla presenza di ghiaccio. Accanto a basse colline, ci sono grembiuli di detriti noti come tratti lobati per via della loro forma, che sembrano il deflusso di ghiacciai ricoperto da un sottile strato di rocce. 

Ci sono anche formazioni striate all’interno di canaloni che sembrano simili ai ghiacciai che scorrono attraverso le valli sulla Terra.

Caratteristiche simili si verificano in Arcadia Planitia, ha detto Hibbard. Le caratteristiche lobate si verificano vicino a una catena montuosa nota come Erebus Montes che si innalza dalla pianura. I tratti sinuosi serpeggiano nelle zone basse. 

I ricercatori hanno raccolto osservazioni da molteplici strumenti diversi per cercare di identificare queste caratteristiche. Ciò includeva fotografie dall’orbita, dati termici che mostrano la temperatura della superficie sia di giorno che di notte, dati di albedo che rivelano la riflettività della superficie, informazioni sulla copertura di polvere e dati su elevazione e topografia.

Flusso glaciale 

Le caratteristiche sinuose erano il grande mistero, ha detto Hibbard, perché sembrano create da flussi di ghiacciai, ma si tratta di un terreno non abbastanza ripido per spiegare perché il ghiaccio si è mosso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Abbiamo dovuto cercare di capire cosa diavolo sono, perché hanno le firme termiche che hanno, perché sono così luminosi sia di giorno che di notte, perché sembrano avere caratteristiche di flusso, perché sono canalizzati, perché si verificano vicino a piazzali di detriti lobati“.

L’analisi ha suggerito che queste caratteristiche siano, in effetti, di origine glaciale. Le forme sinuose sembrano simili ad altre caratteristiche associate al materiale a flusso lento visto su Marte, ha detto Hibbard, ed i dati suggeriscono che quest’area sia davvero riccai di ghiaccio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Queste formazioni sinuose assomigliano sorprendentemente ai flussi di ghiaccio all’interno delle calotte glaciali sulla Terra, che si verificano principalmente in Antartide. Questi flussi di ghiaccio che si muovono più velocemente non sono ben compresi sulla Terra, ha detto Hibbard, tanto meno su Marte, ma rappresentano un esempio di ghiaccio che scorre su un terreno abbastanza piatto.

Secondo Hibbard, questa scoperta apre la strada ad altre ricerche, perché la maggior parte dei flussi di ghiaccio sulla Terra hanno bisogno di almeno un sottile strato di acqua liquida alla loro base per lubrificare il loro flusso. 

Non è chiaro se l’acqua subglaciale esista o sia mai esistita su Marte, ha detto, né è chiaro se sia davvero necessaria una base bagnata per far scorrere flussi di ghiaccio sul Pianeta Rosso. Una possibilità è che in passato, quando l’orbita di Marte era inclinata in modo diverso rispetto a oggi e il suo clima era diverso, potrebbe essersi verificato uno scioglimento subglaciale.

Le correnti di ghiaccio sono qualcosa che potrebbe esistere su Marte e potrebbe suggerire che sul Pianeta Rosso si siano verificati processi glaciali più complessi, il che penso sia davvero interessante“, ha detto Hibbard.

 Il passo successivo sarà indagare sul terreno che circonda queste caratteristiche sinuose per acquisire ulteriori indizi. Arcadia Planitia non è mai stata studiata tranne che dall’orbita, ma potrebbe essere un luogo eccitante per inviare future missioni su Marte.

Sarebbe un posto interessante dove atterrare non solo per l’accessibilità del ghiaccio d’acqua e l’abbondanza di ghiaccio d’acqua, ma anche per il valore scientifico“, ha detto Hibbard.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Articoli più letti