14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeRicerca della vita3 momenti in cui gli scienziati pensarono di avere ricevuto un segnale...

3 momenti in cui gli scienziati pensarono di avere ricevuto un segnale alieno

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La ricerca dell’intelligenza extraterrestre, o SETI , iniziò più di 60 anni fa, quando i radioastronomi iniziarono a dedicare il tempo del radiotelescopio alla scansione dei cieli alla ricerca di un segnale elettromagnetico artificiale proveniente da una civiltà aliena.

Oggi, dopo 60 anni di ricerche, hanno trovato dei segnali trasmessi dagli alieni? Purtroppo no, ma ci sono stati alcuni casi interessanti. In questo articolo, discuteremo diverse occasioni in cui si pensò di aver effettivamente rilevato segnali da civiltà extraterrestri avanzate.

Progetto Ozma

L’astronomo Frank Drake, che ci ha purtroppo lasciati lo scorso 2 settembre, è stato il primo in assoluto a condurre un esperimento SETI nel 1960 presso il National Radio Astronomy Observatory. Il suo lavoro era conosciuto come Project Ozma. Drake si sintonizzò su 1,42 GHz, la frequenza fondamentale dell’idrogeno Quando un elettrone nell’idrogeno passa dal primo stato eccitato allo stato fondamentale, emette un fotone di questa frequenza. Questo meccanismo fisico fa sì che l’idrogeno emetta fortemente radiazioni elettromagnetiche a 1,42 GHz. Allora, perché questa frequenza è così importante?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Un diagramma schematico che mostra i livelli iperfini dello stato fondamentale di idrogeno (parallelo e antiparallelo) con la transizione spin-flip, che emette radiazione elettromagnetica a 1420 MHz. La lunghezza d'onda corrispondente è 21 cm.
Livelli iperfini di idrogeno allo stato fondamentale (parallelo e antiparallelo) con la transizione spin-flip, che emette radiazione elettromagnetica a 1420 MHz. La lunghezza d’onda corrispondente è 21 cm. Fonte: Wikimedia Commons.

Bene, la logica è la seguente:

  1. L’idrogeno è di gran lunga l’elemento più comune nel nostro Universo, costituendo circa il 74% di tutta la materia, esclusa la materia oscura.
  2. Gli astronomi di civiltà aliene tecnologicamente avanzate dovrebbero conoscerlo in profondità.
  3. Pertanto, alieni che volessero stabilire un contatto potrebbero dedurre che anche gli astronomi di altre civiltà l’avrebbero studiato a fondo.

Molti sostengono che gli astronomi umani sulla Terra alla ricerca di tecnofirme – o segnali potenzialmente rilevabili da civiltà extraterrestri tecnologicamente avanzate – dovrebbero prestare particolare attenzione a questa frequenza. In effetti, la frequenza fondamentale dell’idrogeno è così importante che è illegale trasmettere segnali a questa frequenza, essendo riservata alla radioastronomia.

Un diagramma schematico che mostra le posizioni delle stelle vicine. Tau Ceti ed Epsilon Eridani sono rispettivamente a circa 12 e 10,5 anni luce dal nostro Sole, con le frecce che puntano a loro.
Le posizioni delle stelle vicine. Tau Ceti ed Epsilon Eridani distano rispettivamente circa 12 anni luce e 10,5 anni luce dal nostro Sole. Fonte: Atlante dell’Universo .

Sintonizzandosi sulla frequenza fondamentale dell’idrogeno, Drake esaminò le stelle Tau Ceti ed Epsilon Eridani, che si trovano rispettivamente a circa 12 anni luce e 10,5 anni luce dal nostro Sole. Entrambe le stelle sono simili al Sole e si credeva ragionevolmente potessero ospitare pianeti abitabili.

A poche ore dall’inizio del Progetto Ozma, Drake trovò un segnale di origine artificiale! Tuttavia, ulteriori indagini rivelarono che si trattava di un falso allarme. Drake aveva effettivamente rilevato il radar di un aereo, avendo accidentalmente origliato un esperimento militare segreto. Ma sebbene Drake non abbia scoperto gli alieni, il Progetto Ozma è stato importante perché ha aperto l’era di SETI.

La scansione di una copia a colori della stampa originale del computer, eseguita diversi anni dopo l'arrivo nel 1977 di Wow! Segnale.
La scansione di una copia a colori della stampa originale del computer, eseguita diversi anni dopo l’arrivo nel 1977 del segnale Wow! Fonte: Osservatorio radiofonico Big Ear.

Il segnale “Wow!”

Un secondo caso degno di nota è il segnale Wow!, rilevato dall’astronomo Jerry Ehman al Big Ear Radio Telescope della Ohio State University nel 1977. Durante la revisione dei dati registrati del telescopio (allora gli astronomi avevano bisogno di rivedere manualmente le stampe del computer), Ehman rimase così colpito dal risultato che circondò la lettura della stampa dell’intensità del segnale e annotò la parola “Wow!”. Quindi, il segnale divenne popolarmente noto come segnale “Wow!”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il segnale “Wow!” era un potente picco a banda stretta a circa 1,45 GHz, era durato ben 72 secondi e sembrava provenire dalla costellazione del Sagittario. Il radiotelescopi Big Ear in seguito cercò più volte di ricaptare il segnale in quella parte del cielo, ma senza riuscirci.

Il radiotelescopio Big Ear. Fonte: Osservatorio astrofisico nordamericano.

Ad oggi, le origini del segnale rimangono un mistero e ci sono ancora dibattiti su di esso. Naturalmente, molto scetticismo circondava il segnale “Wow!”. 30 anni dopo il suo rilevamento, lo stesso Ehman pubblicò un rapporto dettagliato in cui ipotizzava l’origine del segnale dopo decenni di analisi. Nel rapporto, affermava che è molto improbabile che il segnale fosse di origine umana – prodotto da cose come satelliti, veicoli spaziali e trasmettitori terrestri – per i seguenti motivi:

  • È vietata la trasmissione attorno o alla frequenza fondamentale dell’idrogeno (1,42 GHz). Sebbene vi siano persone che possono farlo illegalmente, questa è una forte argomentazione contro l’origine umana del segnale.
  • Nessun satellite o veicolo spaziale noto era nella direzione del raggio del radiotelescopio quando il segnale “Wow!” è stato rilevato.
  • Poiché i trasmettitori a terra e il Big Ear sono entrambi fissati a terra, non c’è movimento relativo tra di loro. Ciò escludeva che il segnale fosse il risultato del rilevamento diretto da un trasmettitore a terra.

Tuttavia, un segnale da un trasmettitore terrestre potrebbe essere inviato nello spazio e riflesso verso la Terra da detriti spaziali metallici, quindi ricevuto dal Big Ear per causare il segnale “Wow!”? La risposta è sì, ma questa sequenza di eventi è estremamente improbabile; inoltre, rilevare un segnale su una frequenza vietata in questo modo è troppo casuale.

Alla fine del rapporto, Ehman riconosce di non aver escluso una fonte intelligente extraterrestre; tuttavia, afferma che l’origine del segnale “Wow!” è ancora una questione aperta per lui. Ci sono semplicemente troppo pochi dati per trarre conclusioni. Quindi, purtroppo, niente di definitivo. Nonostante questo, molti, ancora oggi, considerano il segnale “Wow!” segnale come il candidato più forte per un segnale radio alieno mai rilevato.

BLC1

Ad oggi, il progetto SETI più completo è il progetto Breakthrough Listen. Breakthrough Listen è iniziato nel 2016 ed è finanziato privatamente dal miliardario Yuri Milner. Ad aprile e maggio del 2019, gli scienziati del progetto hanno trovato un segnale anomalo utilizzando l’Osservatorio di Parkes in Australia. Il segnale è stato chiamato BLC1, che sta per “Breakthrough Listen Candidate 1”. BLC1 era un segnale a banda stretta da 982 MHz che sembrava provenire da Proxima Centauri, la stella più vicina alla Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Una fotografia del radiotelescopio di Parkes puntato verso il cielo a metà giornata.
Il radiotelescopio di Parkes. Credito: John Sarkissian, via SKAO.

Il team di Breakthrough Listen raccoglie milioni di firme tecnologiche candidate che finiscono per essere respinte come falsi segnali. Ecco perché gli scienziati hanno individuato BLC1:

  1. Innanzitutto, il segnale cambiava costantemente in frequenza nel tempo. Si prevede che un trasmettitore su un altro pianeta si muova rispetto all’Osservatorio di Parkes sulla Terra. Ciò porta a uno spostamento di frequenza Doppler, come il suono più acuto di una sirena di un’ambulanza quando il veicolo si muove verso di te e più basso mentre si allontana.
  2. In secondo luogo, il segnale ha superato diversi test di conferma. In queste prove, il telescopio viene stato puntato puntato in direzione di Proxima Centauri, si ascolta per un po’, quindi viene puntato lontano dalla stella. Il telescopio ripete più volte questi8 passaggi, creando un movimento cosiddetto di “annuire”. Un segnale vero dovrebbe essere rilevato solo quando il telescopio è puntato verso la stella. Pertanto, questo test elimina l’interferenza umana dalle sorgenti locali, che viene rilevata indipendentemente dal fatto che il telescopio sia puntato verso o lontano dalla stella.

Gli scienziati utilizzano algoritmi di analisi dei dati automatizzati, basati sui due criteri di cui sopra, per escludere la maggior parte dei segnali candidati. Quindi, esaminano manualmente il resto dei segnali che hanno superato il loro screening automatizzato. Dalla loro recensione, BLC1 si è distinto perché è persistito per più di due ore di osservazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Prima che il team avesse il tempo di completare un’analisi approfondita, le notizie sul rilevamento di BLC1 sono trapelate al pubblico. E infine, nell’ottobre 2021, gli scienziati, guidati dall’astrofisica Sofia Sheikh, hanno pubblicato la loro analisi ufficiale del segnale BLC1.

Sfortunatamente, quando Sheikh ha scavato in un set di dati più ampio di osservazioni fatte altre volte, ha trovato circa 30 segnali che imitavano BLC1 che erano stati rilevati quando il telescopio era puntato lontano da Proxima Centauri. Ciò suggeriva che BLC1 non provenisse affatto da Proxima Centauri; invece, si trattava di un’interferenza di radiofrequenza artificiale simile a molti altri segnali provenienti dalla Terra che il team è riuscito a rilevare. Quindi, sembra che il mondo dovrà continuare ad aspettare un segnale radio alieno definitivo.

Articoli più letti