Umani finora sconosciuti vivevano in Siberia 10.000 anni fa

Uno studio genetico ha rivelato l'esistenza di un gruppo di cacciatori-raccoglitori precedentemente sconosciuto che viveva in Siberia più di 10.000 anni fa

0
7790
Un gruppo sconosciuto viveva in Siberia 10.000 anni fa
Un gruppo sconosciuto viveva in Siberia 10.000 anni fa

Uno studio genetico ha rivelato l’esistenza di un gruppo di cacciatori-raccoglitori precedentemente sconosciuto che viveva in Siberia più di 10.000 anni fa.

La scoperta è stata fatta durante un’indagine genetica sui resti umani nell’Asia settentrionale risalenti a 7.500 anni fa. Lo studio ha anche rivelato che il flusso genico del DNA umano non solo viaggiava dall’Asia alle Americhe – come era noto in precedenza – ma anche nella direzione opposta, il che significa che le persone si muovevano avanti e indietro lungo il Bering Land Bridge.

Inoltre, il team ha esaminato i resti di un antico sciamano vissuto circa 6.500 anni fa nella Siberia occidentale. Questo punto si trova a più di 1.500 chilometri a ovest del gruppo con cui aveva legami genetici, secondo la nuova analisi.

L’Asia settentrionale, in particolare l’area che si estende dalla Siberia occidentale a quella nord-orientale, è stata fondamentale nel viaggio dell’umanità in tutto il mondo. Lavori precedenti hanno dimostrato che le prime persone ad arrivare nelle Americhe, almeno 13.000 anni fa, probabilmente utilizzarono il ponte di terra che un tempo collegava l’Asia settentrionale con il Nord America.

Tuttavia, molto rimane sconosciuto sulla composizione genetica delle persone che vivevano in questa regione chiave in quel momento, poiché i resti umani preistorici con abbastanza DNA da esaminare “sono estremamente rari e difficili da trovare“, ha dichiarato l’autore senior Cosimo Posth, assistente professore di archeologia e paleogenetica presso l’Università di Tubinga in Germania.

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno analizzato 10 genomi umani preistorici di individui precedentemente scoperti che vivevano nell’Asia settentrionale 7.500 anni fa.



Molti degli individui sono stati trovati in un’area nota come Altai, per millenni, un crocevia di migrazioni tra la Siberia settentrionale, l’Asia centrale e l’Asia orientale, situata vicino al punto in cui si incontrano Russia, Cina, Mongolia e Kazakistan nei giorni nostri. Precedenti ricerche nell’Altai hanno rivelato la prima prova del misterioso e molto più antico lignaggio umano noto come Denisova, che insieme ai Neanderthal sono i parenti estinti più stretti degli esseri umani moderni.

Gli scienziati hanno scoperto che un gruppo precedentemente sconosciuto di cacciatori-raccoglitori nell’Altai era “un misto tra due gruppi distinti che vivevano in Siberia durante l’ultima era glaciale”, ha detto Posth. Il DNA di questi cacciatori-raccoglitori preistorici è stato trovato in molte comunità successive in tutta l’Asia settentrionale, dall’età del bronzo (dal 3000 a.C. circa al 1000 a.C.) fino ai giorni nostri, “mostrando quanto fosse grande la mobilità di quelle comunità di cacciatori”, ha aggiunto.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto molteplici episodi di flusso genico dal Nord America all’Asia negli ultimi 5.000 anni, con geni provenienti dal Nuovo Mondo che hanno raggiunto la penisola russa di Kamchatka sull’Oceano Pacifico e la Siberia centrale.

“Mentre c’è stato molto lavoro che mostra i flussi di ascendenza genetica nelle Americhe, ci sono state meno prove di riflusso dal continente americano all’Eurasia”, ha detto Vagheesh Narasimhan, un genetista dell’Università del Texas ad Austin, che non ha partecipato a questo studio. “Questo lavoro presenta un nuovo campione dell’Asia nord-orientale a supporto di questi risultati”.

L’autore principale dello studio Ke Wang, un giovane professore di antropologia e genetica umana all’Università di Fudan in Cina, è rimasto molto sorpreso dai risultati riguardanti i resti di un uomo trovati nella grotta di Nizhnetytkesken nell’Altai, che indossava un costume religioso e manufatti che ci si potrebbe aspettare da uno sciamano. Le sue ossa risalgono a circa 6.500 anni fa, il che lo rende un contemporaneo del gruppo Altai appena rivelato, ma l’analisi del gruppo di ricerca ha rivelato che aveva legami genetici con gruppi dell’Estremo Oriente russo, lontano oltre 1500 chilometri a ovest dei suoi resti.

Ciò implica che individui con profili genetici molto diversi vivevano nella stessa regione“, ha detto Wang. “I suoi corredi funerari appaiono diversi da quelli trovati in altri siti archeologici, il che implica la mobilità di individui sia culturalmente che geneticamente diversi nella regione dell’Altai“.

Questa scoperta solleva una serie di domande e possibilità interessanti sulla popolazione che abitava nella regione in quel momento.

Per quanto riguarda il presunto sciamano “potrebbe significare che il suo gruppo ancestrale era più diffuso di quanto pensassimo in precedenza?“, domanda Shevan Wilkin, un archeologo biomolecolare dell’Istituto di medicina evolutiva dell’Università di Zurigo, che non ha preso parte a questa ricerca. “O significa che era, in effetti, un praticante religioso o un guaritore itinerante? Tutto molto interessante“.

Nel complesso, lo studio mostra che i gruppi preistorici erano più connessi di quanto si credesse in precedenza.

Tutto sommato, “gruppi di cacciatori-raccoglitori geograficamente distanti hanno mostrato prove di connessioni genetiche in misura molto maggiore di quanto previsto in precedenza“, ha detto Posth. “Questo suggerisce che le migrazioni umane e le mescolanze (ibridazione tra gruppi) non erano l’eccezione ma la norma anche per le antiche società di cacciatori-raccoglitori“.

Wang, Posth e i loro colleghi hanno dettagliato le loro scoperte sulla rivista Current Biology.

2