Tutto quello che vorresti sapere sui cambiamenti climatici

284

Katharine Hayhoe è una climatologa che dirige il Climate Science Center presso la Texas Tech University ed è l’ospite e il produttore della serie PBS Global Weirding. Devin Thorpe, di Forbes, le ha chiesto tutto quello che voleva sapere sul cambiamento climatico, ma aveva paura di chiedere.

Hayhoe ha modi che fanno sentire le persone come se si stesse parlando di pianificare la prossima festa di compleanno piuttosto che lanciare avvertimenti sul cambiamento climatico. Forse è questo il suo appello. Ha guadagnato una reputazione – è stata inserita nella lista delle 100 persone più influenti da Time e Fortune l’ha aggiunta nella lista dei principali Leader del mondo per la sua capacità di comunicare la scienza del clima meglio della maggior parte degli scienziati.

Ha spiegato perché una differenza minima di due gradi conta davvero, perché la chiama stranezza globale, come spiega la scienza del clima agli scettici che sono religiosi e i rispettivi ruoli di grandi imprese, imprenditori e individui nella lotta alle scienze del clima.

Di solito, penso che sia il mio ruolo come collaboratore di Forbes a distillare le intuizioni di una fonte in morsi digeribili per i miei lettori. Hayhoe è un comunicatore così efficace che ho invece scelto di fornire una trascrizione leggermente modificata della maggior parte della nostra conversazione.

Devin Thorpe: Cosa intendi con “stranezza globale?”

Dr. Katharine Hayhoe: Beh, spesso la gente dice, non intendi il riscaldamento globale? Ed è quello che pensiamo in genere. Ma non lo sentiamo, non sperimentiamo il riscaldamento globale. Voglio dire, non possiamo dire se la terra si sta riscaldando di 1 o 2 o 3 o addirittura 5 gradi. Ma quello che possiamo vedere è che le cose stanno diventando sempre più strane. Quindi, fa caldo quando non dovrebbe essere. Gli uragani hanno più pioggia di quanto dovrebbero. Abbiamo visto accadere eventi che normalmente si verificano ogni 500 anni tre volte in tre anni. Non è normale. Stiamo solo vedendo le cose diventare strane. È così che noi stessi stiamo vivendo gli impatti del clima che cambia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

DT: Perché due gradi è un grosso problema?

Advertisement

KH: Beh, quando diciamo che il pianeta si sta riscaldando di uno o due o tre gradi Celsius, spesso pensiamo, beh, non è niente. C’è una differenza più grande di temperatura tra la stanza in cui mi trovo adesso e quella del corridoio qui fuori, giusto? Ma quello che dobbiamo capire è che la temperatura del pianeta è stabile come quella del corpo umanoE se la temperatura del nostro corpo sale di uno o due gradi, stiamo avendo la febbre e dobbiamo andare dal dottore. Se la temperatura sale di tre o quattro gradi, andiamo in ospedale.

È quello che sta succedendo al nostro pianeta. Ha la febbre. E quella febbre ci sta colpendo. Sta influenzando il modo in cui pianifichiamo la nostra acqua e la nostra energia. E il nostro cibo sta influenzando la qualità della nostra aria. Sta influenzando la sicurezza delle nostre case. Abbiamo a cuore i cambiamenti climatici perché ci stanno colpendo.

Due gradi non è una soglia magica. Se siamo a 1,9 gradi, non significa che tutto vada bene. Ma come esseri umani, abbiamo bisogno di una soglia per pianificare cosa fare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quindi, sappiamo che più carbonio produciamo, peggio è. Proprio come sappiamo che più sigarette fumiamo, maggiori sono i rischi per la salute. Non esiste un numero magico di sigarette in grado di prevenire tutti i danni diversi da zero. È troppo tardi per quello. Ma sappiamo che prima smettiamo di fumare, meglio staremo.

È lo stesso con i cambiamenti climatici. E così, tutti i governi del mondo si sono riuniti e alcuni di loro hanno detto, beh, siamo già a un livello pericoloso per noi. Alcuni di loro hanno detto, beh, pensiamo che tre gradi andranno bene per noi, ma oltre a ciò è pericoloso. E tutti hanno dovuto negoziare per capire su cosa accordarsi. E alla fine si sono accordati su due gradi o uno e mezzo, se possiamo. 

DT: Come rispondi alle persone di fede che ti dicono che la scienza del clima è a castello?

KH: Bene, il nostro episodio di stranezza globale più popolare, quello che la maggior parte delle persone ha visto, si chiama “Cosa dice la Bibbia sui cambiamenti climatici?” E questa è una specie di domanda trabocchetto, perché, ovviamente, non dice nulla sul cambiamento climatico.

Advertisement

Ma la Bibbia dice molto sulla nostra responsabilità su questo pianeta, sull’amore e sulla cura di Dio per il creato e su come dobbiamo prenderci cura dei nostri fratelli e sorelle, in particolare quelli che oggi sono meno fortunati di noi. In effetti, come ho detto di recente sul New York Times, solo l’altra settimana, se prendessimo davvero sul serio la Bibbia, saremmo in prima linea chiedendo azioni sui cambiamenti climatici, perché è quello che noi cristiani dovremmo fare.

Quindi, perché rifiutiamo la realtà di ciò che la scienza ci sta dicendo fin dal 1850?Non negli anni ’50, il 1850. È perché abbiamo confuso la nostra politica con la nostra religione. Il legame causale è dove cadiamo nello spettro politico. Più cadiamo sul lato destro dello spettro, più è probabile che rifiutiamo la scienza.

Ciò significa che non siamo intelligenti o non conosciamo la scienza? No, per niente. Ci sono tonnellate di persone intelligenti in tutto lo spettro politico. Ciò che significa, tuttavia, è che abbiamo deciso che non ci piacciono le soluzioni che ci hanno detto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ci è stato detto che la soluzione è il grande governo, il socialismo, il comunismo, distruggere l’economia, portare via il mio camion, lasciare che la Cina o le Nazioni Unite o l’Anticristo governino il mondo. E francamente, non mi piacciono nemmeno quelle soluzioni. Ma invece di cercare soluzioni positive che siano coerenti con i nostri valori, spesso quello che facciamo è solo dire, oh, beh, se non esiste una soluzione con cui posso essere d’accordo, non può essere un vero problema perché io sono una brava persona e se fosse un problema reale, vorrei risolverlo. Ma se voglio risolverlo, non può essere un vero problema. Quindi, vomitiamo scienze fumogene che suonano come “è solo il ciclo reale” o cortine fumogene religiose come “Dio ha il controllo” per nascondere il nostro vero problema, che ha tutto a che fare con la nostra avversione a ciò che pensiamo siano le soluzioni.

DT: Qual è il ruolo delle grandi imprese nella soluzione del problema climatico?

KH: Enorme. Perché il business è una parte importante della produzione di gas che intrappolano il calore. Scaviamo e bruciamo carbone e gas e il petrolio sta avvolgendo il pianeta con una coperta extra di cui non ha bisogno. E proprio come succederebbe se qualcuno si intrufolasse nella nostra stanza di notte e ci mettesse addosso una coperta in più di cui non avevamo bisogno; nello stesso modo il pianeta si sta riscaldando a causa di quella coperta.

Quindi, le aziende hanno un ruolo enorme da svolgere. E la cosa davvero interessante è che stanno giocando un ruolo enorme. Quindi, se guardi le società più ricche del mondo, hai Walmart proprio lì in cima, giusto? E Wal-Mart sta pianificando di avere il 50 percento di energia pulita entro il 2025. E sono fantastici. E poi Berkshire Hathaway. Stanno allestendo un enorme parco eolico in Alberta, che è il Texas del Canada, noto per petrolio e gas. Apple è già al 100 percento di energia pulita e stanno decarbonizzando la loro catena di approvvigionamento in Cina. E l’India, credo, ha più posti di lavoro nel campo dell’energia verde rispetto a qualsiasi altro paese al mondo. Qui negli Stati Uniti, abbiamo più posti di lavoro nel settore solare rispetto a quelli del carbone. E il Museum of Coal Mining nel Kentucky ha messo i pannelli solari sul tetto. Quindi, c’è molto a che fare con l’industria. Siamo ad un punto chiave nella transizione della nostra società dove, sai, centoventi anni fa stavamo passando da cavalli e carrozze alle automobili. Ora stiamo passando dal carbone, petrolio e gas che abbiamo usato per 300 anni a nuove fonti di energia. E ci sono molte opportunità per le aziende e sfide in questo.

Advertisement

DT: Parlaci delle opportunità per gli imprenditori.

KH: Oh, beh, è ​​davvero interessante per me personalmente. Sono uno scienziato. Prima di tutto, faccio un ottimo lavoro nel diagnosticare il problema e avvisando di quanto sarà grave se non cambiamo i nostri modi.

Alcuni dei miei imprenditori preferiti sono bambini e giovani. C’era una ragazza che ha iniziato a coltivare alghe sotto il suo letto. Sua madre alla fine l’ha cacciata nel garage. Ha capito come trasformare le sue alghe in biocarburanti. E ha vinto la National Science Science Fair. In California, a Los Angeles, la United Airlines sta facendo volare i suoi voli dall’aeroporto di Los Angeles con biocarburanti.

Recentemente sono andata a visitare una società in Iowa, RTG, Renewable Energy Group. Raccolgono letteralmente olio da cucina usato da McDonald’s e KFC che non sapevano come smaltire. Lo raccolgono. Lo trasformano in biocarburante che alimenta i camion. Non devi cambiare il camion. Tutto quello che stai facendo è mettere qualcosa di diverso nel serbatoio. E poi ci sono cose come la vernice solare. Ci sono applicazioni militari che salvano vite umane. Ci sono innovazioni per aumentare la nostra qualità dell’aria. Sai, c’è solo il semplice fatto che ora puoi collegare la tua auto al muro di casa tua e caricarla con i tuoi pannelli solari. Voglio dire, ci sono così tante idee fantastiche.

DT: Cosa diresti a qualcuno che vuole fare la propria parte per risolvere il cambiamento climatico?

KH: Bene, direi, prima di tutto, che non stiamo salvando il pianeta ma stiamo salvando noi. Il pianeta orbiterà ancora attorno al sole per molto tempo dopo che saremo andati via. Ci preoccupiamo per noi stessi, le nostre famiglie, i nostri bambini, le nostre comunità, la nostra città o stato, il nostro paese. Ci preoccupiamo per noi stessi. E questo è ciò che è in gioco qui. Quindi una delle cose più importanti che possiamo fare e di cui effettivamente parlare è parlarne perché risulta che non abbiamo mai conversazioni su questo perché siamo preoccupati. Ma parlarne è la cosa più efficace che possiamo fare. E se ne parliamo, si scopre che si può cambiare la mente delle persone sugli impatti e sulle soluzioni.

Quindi, mangiare più in basso nella catena alimentare. Non devi mangiare tanta carne di manzo. Trascorrere una giornata senza carne e non sprecare il cibo è qualcosa di veramente importante. 

Advertisement

E poi volare è una parte importante della mia impronta di carbonio personale. Quando viaggio, lo faccio con attenzione. Penso a quante cose posso fare in un posto per rendere utile quel viaggio aereo e minimizzarne gli effetti negativi.  Per molto tempo non potevamo permetterci pannelli solari. Erano troppo costosi. Per fortuna, ora, grazie agli sgravi fiscali, sono alla porata di quasi tutti. Sostituisco le vecchie lampadine con quelle di nuovo tipo, un po’ più costose ma di durata maggiore e più economiche sui consumi.

Ma parlare è la cosa più importante che possiamo fare ai nostri amici, alla nostra famiglia e ai nostri politici eletti, perché non importa chi siamo.

Il cambiamento climatico ci riguarda tutti. E così, sono stata davvero felice di partecipare a un progetto chiamato New Climate Voices. E le persone possono trovarlo online all’indirizzo newclimatevoices.org con un politico repubblicano, con il leader di un think tank libertario e con un generale militare che parlavano di soluzioni coerenti con i loro valori e le loro prospettive. E lo adoro.

Fonte: Forbes.

Advertisement