Snowball Earth: ecco perché 717 milioni di anni fa la Terra si ricoprì di ghiaccio

Un nuovo studio ha suggerito un"interessante teoria che spiegherebbe il fenomeno della Snowball Earth

2
5014
Come la vita primordiale è sopravvissuta durante la

Secondo un’accreditata teoria scientifica, 717 milioni di anni fa il nostro pianeta si è ricoperto di ghiaccio e gli scienziati hanno dato a questo fenomeno il nome di Snowball Earth (Terra a palla di neve). Quello che esattamente ha congelato il pianeta è rimasto un mistero, così come il modo in cui è rimasto così per 56 milioni di anni.

Come la vita primordiale è sopravvissuta durante la "Terra a palla di neve", Snowball Earth

Il 7 febbraio 2024, un team di ricercatori dell’Università di Sydney ha affermato di averlo capito le ragioni del Snowball Earth: la glaciazione della Terra, dicono, potrebbe essere derivata da un calo globale delle emissioni di anidride carbonica, il risultato di un minor numero di vulcani che espellono il gas nell’atmosfera.

Snowball Earth: svelate le ragioni della glaciazione della Terra

Una minore emissione di anidride carbonica rende più difficile per l’atmosfera terrestre intrappolare il calore. Se l’esaurimento fosse stato sufficientemente estremo avrebbe potuto spingere il pianeta nella sua era glaciale più lunga mai vista.

La teoria, pubblicata sulla rivista Geology, ha fornito nuove informazioni sul modo in cui i processi geologici hanno influenzato il clima del passato della Terra trasformandola in una Snowball Earth. Il nuovo studio potrebbe altresì aiutare gli scienziati a comprendere meglio le tendenze del clima attuale.



Oggi, ovviamente, gli esseri umani stanno avendo un grande impatto sulla CO2 nell’atmosfera”, ha affermato Adriana Dutkiewicz, sedimentologa dell’Università di Sydney che ha condotto lo studio: “Ma indietro nel tempo, non c’erano gli esseri umani, e quindi tutto era fondamentalmente modulato da processi geologici”.

Trovato ghiaccio amorfo sulla Terra, Snowball Earth

Ci sono molte idee su cosa abbia trasformato la Terra in una Snowball Earth. Una teoria popolare suggerisce che i minerali rilasciati dall’erosione delle rocce ignee abbiano risucchiato abbastanza anidride carbonica dall’atmosfera da innescare un congelamento profondo.

Forse questo ha contribuito a dare il via a una glaciazione globale ma da solo non avrebbe potuto mantenere la Terra congelata per 56 milioni di anni: “Quindi deve esserci un altro meccanismo misterioso che avrebbe sostenuto la glaciazione per così tanto tempo“, ha aggiunto l’esperta.

La dottoressa Dutkiewicz e i suoi colleghi hanno rivolto lo sguardo ai vulcani grazie a un modello che ha riprodotto lo spostamento delle placche tettoniche della Terra. Man mano che i continenti si allontanavano, hanno studiato la lunghezza variabile della dorsale medio-oceanica, una catena di vulcani sottomarini, prevista dal modello.

Il team ha poi calcolato la quantità di emissioni di gas vulcanici all’inizio e durante l’era glaciale. I loro risultati hanno mostrato un calo dell’anidride carbonica atmosferica sufficiente ad avviare e sostenere una glaciazione di 56 milioni di anni.

Una riduzione delle emissioni di gas vulcanici è stata proposta in precedenza come spiegazione per la Snowball Earth. Secondo la dottoressa Dutkiewicz tuttavia, questa è la prima volta che i ricercatori hanno dimostrato che il meccanismo era praticabile attraverso calcoli modellati.

Dietmar Müller, geofisico dell’Università di Sydney e autore dello studio, ha affermato che il lavoro è un modo: “Per distinguere tra modelli alternativi per questa parte molto antica dell’evoluzione della Terra“. Se gli scienziati sanno che c’è stata una Snowball Earth, ha spiegato il dottor Müller: “Allora possiamo dire che questo modello di ricostruzione è forse più probabile dell’altro”.

Le incertezze sui nuovi studi del fenomeno Snowball Earth

Naturalmente un modello è pur sempre questo: un modello. Senza dati reali a sostegno di questa interessante ricerca, gli studiosi non possono escludere altre possibilità che potrebbero aver csusato la Snowball Earth: “Una cosa riguardo alla geologia è che non ci sono risposte definitive“, ha detto la dottoressa Dutkiewicz. “Sulla base di una combinazione di diverse linee di prova, possiamo tuttavia suggerire che si tratta di un processo molto probabile”.

Francis Macdonald, geologo dell’Università della California, Santa Barbara, che non ha partecipato allo studio, ha affermato che ricerche come queste sono importanti per capire i fenomeni come la Snowball Earth. Ma è riluttante ad accettare prontamente i risultati dei modelli dell’antico fondale marino, perché ci sono pochi dati che rivelano come fosse la crosta oceanica terrestre a quel tempo.

Il rapido scioglimento dei ghiacciai sta rilasciando un carico sbalorditivo di batteri sconosciuti, Snowball Earth

Come lo testiamo effettivamente?” Il dottor Macdonald ha chiesto informazioni sul modello al team dello studio.Tuttavia, il dottor Müller ritiene che sia importante provare a porre dei limiti alla quantità di gas vulcanico emesso in passato, in particolare quando si tratta di elaborare modelli climatici per il futuro: “Di solito, questo è il parametro più incerto”, ha spiegato.

Ricerche come questa possono aiutare gli scienziati a distinguere l’influenza dell’attività geologica dal cambiamento climatico indotto dall’uomo. Ma un calo naturale delle emissioni vulcaniche potrebbe mai salvarci dalla quantità di carbonio che abbiamo pompato oggi nella nostra atmosfera?

Purtroppo no“, ha concluso la dottoressa Dutkiewicz: “Possiamo studiare queste antiche perturbazioni, ma il cambiamento indotto dall’uomo è un tipo diverso di problema”.

2