Quando 40 anni fa Bruce McCandless effettuò la prima passeggiata nello spazio

Gli scatti che immortalano Bruce McCandless mente “passeggia” nello spazio sono diventate, oltre che un pezzo di storia, un’immagine iconica che rappresenta la NASA. Ieri 7 febbraio 2024 quelle foto hanno compiuto i loro primi quarant’anni.

Bruce McCandless

Bruce McCandless testa il MMU

Nei famosi scatti del 7 febbraio 1984 si vede Bruce McCandless II che si avvicina alla sua distanza massima dallo Space Shuttle Challenger in orbita attorno alla Terra da 70 mm.

L’astronauta ha testato il dispositivo da zaino con propulsione ad azoto e controllo manuale chiamato manned maneuvering unit (MMU) per la prima volta che consentiva agli equipaggi di spostarsi all’esterno della stiva di carico e di svolgere attività lontano dalla sicurezza del veicolo spaziale. “Potrebbe essere stato un piccolo passo per Neil”, ha dichiarato Bruce McCandless: “Ma è un grande passo per me”.

Hoot” Gibson, il pilota del volo, ha scattato la fotografia pubblicata nel numero del 20 febbraio 1984 della rivista dalla cabina dell’equipaggio. Gibson ha ricordato che era l’unico dell’equipaggio a: “Non avere assolutamente nulla da fare“, mentre Bruce McCandless si dirigeva verso lo spazio, quindi ha preso una macchina fotografica Hasselblad e ha documentato l’evento.

Quando ha osservato per la prima volta attraverso il mirino della fotocamera, non poteva credere a quanto fosse incredibile vedere Bruce McCandless fluttuare sopra la Terra. Gibson ha voluto catturare quello che stava vedendo.

Per ogni fotografia ha effettuato tre letture dell’esposimetro e ha controllato la messa a fuoco quattro volte. Durante la formazione fotografica dell’equipaggio, ha imparato che un orizzonte fuori posto può risultare poco gradevole alla vista. Questo ha rappresentato un piccolo problema perché Challenger aveva un’inclinazione di 28,5 gradi, quindi: “Ho inclinato la fotocamera per mettere l’orizzonte a livello nelle immagini”.

Bruce McCandless e le ragioni dell’anonimato degli scatti

Il risultato è stato una delle immagini più iconiche e richieste dalla NASA. Bruce McCandless ha definito la fotografia: “Bellissima, in parte perché il sole splende direttamente su di me”.

Poiché aveva il sole negli occhi, ha chiuso la visiera del casco, il che ha reso difficile identificarlo: “Il mio anonimato significa che le persone possono immaginare di fare la stessa cosa“, ha detto: “Nei centri visitatori, spesso hanno versioni in cartone a grandezza naturale con la visiera ritagliata, così le persone possono sbirciare”.

Forse ancora più importante, come espresso dal senatore degli Stati Uniti John McCain, la foto: “Ha ispirato generazioni di americani a credere che non ci sia limite al potenziale umano”.

Una seconda immagine, ma meno riconosciuta, è apparsa sulla copertina di Aviation Week & Space Technology la settimana successiva: 27 febbraio 1984. Sempre scattata da Gibson, l’immagine ha mostrato Bruce McCandless sul Manipulator Foot Restraint o dispositivo “cherry picker” alla fine del il Sistema di Manipolazione Remota (RMS).

Bruce McCandless

Il sistema di ritenuta era una piattaforma su cui gli astronauti potevano lavorare all’esterno del veicolo ma rimanere ancorati all’estremità dell’RMS per riparare un satellite o altre attività. STS-41B ha segnato il primo test del nuovo apparato. Gibson ha spiegato come ha scelto di catturare McCandless sul dispositivo.

Quello che ho fatto è stato spostare la telecamera in modo che lui non fosse proprio al centro dell’immagine. L’ho messo sul bordo e il timone dell’orbiter sull’altro bordo dell’immagine: è stata una foto davvero fantastica”.

Bruce McCandless

Una terza immagine della missione è stata stampata il 12 marzo 1984, sulla copertina della stessa rivista. La fotografia, scattata da una fotocamera sulla MMU, ha catturato il Challenger nella sua interezza, inclusa la stiva di carico con lo Shuttle Pallet Satellite e uno scorcio dell’astronauta Robert Stewart in piedi proprio sotto l’RMS della navicella.

Queste fotografie dell’STS-41B, del decimo volo dello Space Shuttle, illustrano quanto fossero coinvolgenti ed emozionanti le missioni dello Space Shuttle. Mentre volare nello spazio è diventata una routine negli anni ’80, nessuno, nemmeno l’equipaggio, “ha apprezzato quanto spettacolare” sarebbe stato il primo volo della MMU. Le foto dell’STS-41B hanno dimostrato che il volo spaziale umano è rimasto altrettanto accattivante, mozzafiato e stimolante come lo è sempre stato.

 

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Astranis: 200 milioni per l’innovativo programma Omega

Il 24 luglio 2024, Astranis ha annunciato di aver...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Articoli correlati

Popular Categories