I primi dinosauri erano socievoli e vivevano in branchi: potrebbe essere stata la chiave del loro successo

Una nuova ricerca su un vasto sito fossile in Patagonia mostra che alcuni dei primi dinosauri vivevano in branchi e suggerisce che questo comportamento potrebbe essere stato una delle chiavi del successo dei dinosauri. Ai risultati ha contribuito la scoperta, presso l'ESRF, di embrioni della stessa specie all'interno di uova fossilizzate

0
1103
Indice

In passato, gli studi hanno dimostrato che alcuni dinosauri che esistevano nell’ultima fase dell’era dei dinosauri (il periodo cretaceo) vivevano in branchi. Tuttavia, una delle principali questioni in sospeso era quando e come questo comportamento è apparso nella loro storia evolutiva.

Sito di nidificazione dei dinosauri Mussaurus patagonicus

Una nuova ricerca su un vasto sito fossile in Patagonia mostra che alcuni dei primi dinosauri, il Mussaurus patagonicus, vivevano in branchi e suggeriscono che questo comportamento potrebbe essere stato una delle chiavi del successo dei dinosauri. Credito: Jorge Gonzalez

All’inizio degli anni 2000, un team internazionale di scienziati ha trovato in Patagonia (Argentina) un terreno di nidificazione di dinosauri di 190 milioni di anni fa, che conteneva anche scheletri giovanili appartenenti a Mussaurus patagonicus, un dinosauro sauropodomorfo primitivo ed erbivoro (precursore dei grandi dinosauri dal collo lungo).

Un sito così preservato era destinato a fornirci molte informazioni su come vivevano i primi dinosauri“, ha spiegato Diego Pol, il paleontologo del CONICET e che ha scoperto il sito.



Uno degli elementi che potrebbero far luce su come vivevano i primi dinosauri erano le uova trovate sul sito e Pol voleva scoprire se fossero state deposte da Mussaurus o meno. “È difficile trovare uova fossili, e ancor di più trovare uova fossili con embrioni all’interno, poiché sono necessarie condizioni molto speciali per la loro fossilizzazione“, spiega Pol. L’ESRF, il sincrotrone europeo, è lo strumento perfetto per ricercare questo tipo di campioni: “Utilizziamo raggi X ad alta energia per penetrare nel campione senza distruggerlo e ottenere una visione completa al suo interno“, ha affermato Vincent Fernandez, paleontologo presso il Museo di Storia Naturale di Londra ed ex scienziato dell’ESRF.

Dopo un viaggio complesso dall’Argentina (non capita tutti i giorni che qualcuno porti uova di dinosauro come bagaglio a mano tra i continenti), Pol è andato all’ESRF con 30 delle oltre 100 uova trovate sul sito, per scrutarle con i Raggi X.

Abbiamo passato 4 giorni a scansionare le uova 24 ore su 24“, ha spiegato Fernandez, “è stato faticoso, ma i risultati entusiasmanti hanno tirato su il morale“. La tomografia computerizzata ad alta risoluzione ha rivelato embrioni fossilizzati di Mussaurus all’interno di alcune delle uova e ha mostrato che tutti questi fossili appartengono a un sito di riproduzione comune di una singola specie di dinosauro.

I ricercatori, in parallelo, hanno studiato il sito stesso. I fossili sono stati trovati in più orizzonti rocciosi nella stessa località, indicando che Mussaurus è tornato nello stesso punto durante le stagioni successive per formare colonie riproduttive. Sulla base dei sedimenti, gli scienziati sono stati in grado di dedurre che il terreno di nidificazione si trovava sui margini asciutti di un lago.

Mussaurus patagonicus embrione TC Scan

Usando l’imaging a raggi X, gli scienziati hanno scansionato le uova per scoprire scheletri di embrioni conservati, che hanno usato per confermare i fossili come membri del dinosauro erbivoro, Mussaurus patagonicus. Credito: Vincent Fernandez

Un aspetto chiave di questa località è che gli scheletri di dinosauri non sono stati sparsi casualmente in tutto il sito fossile, ma sono stati invece raggruppati in base alla loro età. I fossili di cuccioli di dinosauro si trovavano vicino ai nidi. Sono stati trovati cuccioli di un anno strettamente associati tra loro, incluso un gruppo di 11 scheletri in posa di riposo, suggerendo che Mussaurus formasse gruppi di giovani individui.

Adulti e subadulti erano frequentemente associati in coppia o da soli, ma tutti entro un’area di un chilometro quadrato. Per determinare l’età dei fossili giovanili, gli scienziati hanno effettuato studi istologici, cioè tagliando una sottile fetta di osso e osservando il tessuto osseo al microscopio. “Le ossa di questi dinosauri crescono in cicli annuali, proprio come gli anelli degli alberi, quindi contando i cicli di crescita possiamo dedurre l’età del dinosauro“, aggiunge Pol.


Il team di scienziati ha utilizzato raggi X ad alta energia al sincrotrone europeo (ESRF) per penetrare nelle uova di dinosauro senza distruggerle e ottenere una visione completa al loro interno. Credito: Vincent Fernandez/Diego Pol/ESRF

Tutti i risultati mostrano una struttura del gregge ben organizzata ed è il primo record di questo tipo di comportamento sociale complesso in un dinosauro primitivo (precedono altri record di dinosauri con comportamento sociale evoluto di oltre 40 milioni di anni).

Gli scienziati hanno confrontato questi risultati con altri siti di uova fossili in Sud Africa e Cina e hanno suggerito che il comportamento sociale può essere fatto risalire al tempo delle origini dei dinosauri. “Questi non sono i dinosauri più antichi, ma sono i dinosauri più antichi per i quali è stato proposto un comportamento da branco. Mussaurus appartiene alla prima famiglia di dinosauri erbivori di successo, quindi postuliamo che essere socievoli e proteggere i loro piccoli insieme come un branco potrebbe essere stato parte del motivo per cui questi dinosauri dal collo lungo erano così comuni in tutti i continenti“, conclude Pol.

Scansione delle uova di dinosauro con potenti raggi X

Gli scienziati Diego Pol e Vincent Fernandez durante gli esperimenti di imaging delle uova di Mussaurus patagonicus all’ESRF, il sincrotrone europeo, in Francia. Credito: ESRF, il sincrotrone europeo

Riferimento: “Earliest evidence of herd-living and age segregation amongst dinosaurs” di Diego Pol, Adriana C. Mancuso, Roger MH Smith, Claudia A. Marsicano, Jahandar Ramezani, Ignacio A. Cerda, Alejandro Otero e Vincent Fernandez, 21 ottobre 2021 , Rapporti Scientifici .
DOI: 10.1038/s41598-021-99176-1

2