Nuova tecnica di trapianto di cuore

Una nuova tecnica, utilizzata per un trapianto di cuore su un bambino nella Carolina del Nord, permetterà a chi in futuro riceverà lo stesso tipo di trapianto, di evitare di essere condannato a vita ad assumere farmaci antirigetto per la soppressione del sistema immunitario

0
332

Una nuova tecnica, utilizzata per un trapianto di cuore su un bambino nella Carolina del Nord, permetterà a chi in futuro riceverà lo stesso tipo di trapianto, di evitare di essere condannato a vita ad assumere farmaci antirigetto per la soppressione del sistema immunitario.

Il bambino, Easton Sinnamon, è stato la prima persona a ricevere un trapianto di cuore unitamente all’impianto di tessuto prelevato dal timo dallo stesso donatore, secondo quanto dichiarato dalla Duke University, l’istituto dove è stata eseguita la procedura.

Poiché il timo svolge un ruolo importante nella funzione del sistema immunitario – in particolare, insegnando al corpo a riconoscere le proprie cellule e tessuti rispetto agli invasori allogeni – è possibile che questo trapianto combinato possa consentire al corpo del bambino di accettare il nuovo cuore come parte di se stesso invece di trattarlo come un organo estraneo.

Abbiamo pensato, se avessimo fatto un trapianto di timo e cuore su Easton, c’è la possibilità che l’organismo possa riconoscere come autologo l’organo trapiantato“, ha spiegato il dottor Joseph Turek, capo della cardiochirurgia pediatrica del Duke, in un briefing con i media tenutosi lo scorso lunedì.

Saranno necessarie molte ricerche per vedere se questo trapianto combinato consentirà a Easton di vivere senza farmaci immunosoppressori – che sono in genere necessari nei pazienti trapiantati per impedire al corpo di rifiutare l’organo – e verificare se la stessa tecnica potrà funzionare per altri trapiantati.

Se l’approccio avrà successo, potrebbe potenzialmente “essere applicato a tutti gli organi trapiantabili“, ha detto Turek.



Easton è nato con un difetto cardiaco e ha subito un intervento chirurgico a cuore aperto a soli 5 giorni ma l’intervento chirurgico non è stato sufficiente per risolvere il problema, ed i medici di Easton hanno stabilito che avrebbe avuto bisogno di un trapianto di cuore per sopravvivere.

Poi, i medici hanno scoperto che Easton aveva anche problemi al timo tali per cui avrebbe avuto bisogno di tessuto di timo trapiantato. Casualmente, i ricercatori della Duke avevano studiato proprio questa combinazione – un trapianto di cuore e timo – in modelli animali.

Con l’approvazione speciale della Food and Drug Administration, i medici di Easton hanno eseguito il suo trapianto di cuore il 6 agosto 2021, quando aveva 6 mesi; e due settimane dopo, hanno impiantato tessuto di timo dallo stesso donatore che era stato coltivato in laboratorio.

I test effettuati 172 giorni dopo il trapianto mostrano che il tessuto del timo sta lavorando per produrre cellule immunitarie note come cellule T nel corpo di Easton, secondo la Duke University.

Sebbene Easton stia attualmente assumendo farmaci immunosoppressori per prevenire il rigetto d’organo, i suoi medici tenteranno di ridurli nei prossimi mesi per vedere se il suo sistema immunitario potrà riconoscere il cuore trapiantato come proprio.

Di solito, i trapiantati devono assumere farmaci immunosoppressori per tutta la vita per prevenire il rigetto d’organo. Ma l’uso a lungo termine di questi farmaci può essere tossico, in particolare per i reni. E anche con i farmaci, gli organi possono alla fine essere rifiutati, con il tipico cuore donato che dura circa 10-15 anni, secondo la Duke University.

Il caso di Easton “potrebbe davvero cambiare il modo in cui i trapianti vengono eseguiti in futuro“, ha detto Turek.

Tuttavia, anche se la procedura funzionerà per Easton, ci sono ulteriori sfide nell’applicare la tecnica alle persone con un timo funzionante.

Il problema principale è che dobbiamo cercare di capire come farlo in un paziente che ha un sistema immunitario molto competente, dove avrai un timo nativo in competizione con il tessuto del timo donatore“, ha spiegato Turek.

Easton continua a stare bene e recentemente ha compiuto 1 anno. “Non solo siamo stati in grado di ricevere il dono di riavere nostro figlio, ma siamo stati anche in grado di dare il dono di questa possibilità con il timo, per aiutare ad espanderlo per altri bambini che stanno attraversando la stessa cosa“, ha dichiarato la madre di Easton, Kaitlyn Sinnamon, nel briefing.

2